Polestar 1 sarà lanciata in mercati scelti e strategici

polestar

Polestar, il nuovo brand di auto elettriche di Volvo Cars, prevede di lanciare la sua vettura Polestar 1 in mercati scelti quali gli Stati Uniti, la Cina, la Germania, la Svezia, la Norvegia e i Paesi Bassi.

In questi paesi Polestar aprirà uno spazio Polestar a metà 2019, ovvero uno spazio dove i clienti potranno interagire fisicamente con il marchio. Questo è un nuovo modello di commercializzazione per tutto il settore automobilistico.

Nel mese di ottobre scorso è stato lanciato il marchio Polestar che vede i clienti effettuare una sottoscrizione a Polestar 1, esprimendo il proprio interesse per la vettura.

L’interesse dei clienti in questi paesi già supera il primo slot di produzione e per questo motivo sono stati scelti come “apripista” per poi estendere la commercializzazione ad altri paesi che verranno scelti successivamente.

Durante il giorno di lancio del marchio nel mese di ottobre, un cliente al minuto registrava il proprio interesse a essere uno dei primi a ricevere una Polestar 1 utilizzando un nuovo modello di abbonamento.

Le manifestazioni di interesse sono fatte tramite www.polestar.com e queste saranno convertite in ordini di veicoli quando i registri degli ordini formali di Polestar 1 saranno aperti all’inizio del 2018.

Il nuovo modello di abbonamento prevede il pagamento mensile senza deposito e include tutto, offrendo un utilizzo senza problemi e coprendo l’assicurazione, l’ammortamento, la raccolta e la consegna per servizi di assistenza inclusi e vari vantaggi on-demand come e quando richiesto.

Polestar 1 è la prima vettura con il logo Polestar sul cofano, una Grand Touring Coupé 2 + 2 con propulsore Hybrid Electric Performance da 600 cv ma con la capacità di percorrere 150 km solo in modo elettrico che rappresenta la maggior autonomia a energia elettrica di qualsiasi ibrida nel mondo.

La produzione di Polestar 1 inizierà a metà del 2019 nel nuovo centro di produzione Polestar di ultima generazione, appositamente costruito a Chengdu, in Cina, dove sono già iniziati i lavori.

 

Be the first to comment

Leave a Reply

Your email address will not be published.


*


This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.