Ci siamo convertiti, dicono i conducenti di Nissan Leaf

Ci siamo convertiti, dicono i conducenti di Nissan Leaf

19 mar, 2015

Lo studio svolto dall’essere interessati alle auto elettriche fino ad essere convertito alle automobile elettriche è ora completo per molti dei partecipanti alle prove di di .

Fonte: Nissan United Kingdom

 

Londra, Gran Bretagna. 16 Marzo 2015. My Electric Avenue è un progetto per esaminare se le reti elettriche locali possono far fronte alla carica di un gruppo, o un ‘grappolo’, di veicoli elettrici (EV) nelle ore di punta. Il progetto sta testando una nuova tecnologia in grado di controllare la carica delle vetture se la rete elettrica locale si sovraccarica.

I gruppi di progetto hanno visto i gruppi di vicini riunirsi ed in ogni locazione è stata fornita una elettrica per 18 mesi, con un obiettivo di dieci vicini in un cluster, e dieci gruppi in Gran Bretagna.

My Electric Avenue ha superato i suoi obiettivi, e ora ci sono più di 200 i partecipanti alle prove, ciascuno alla guida di una Nissan LEAF.

Una comunità nel Nord Est ha un incredibile quantità di 23 vicini alla guida di una Nissan LEAF. Uno dei membri di questo cluster è appena 21enne, e ama la LEAF. dice:

“La Nissan LEAF è grande da guidare, può andare bene per trasportare cinque persone ed è incredibilmente a buon mercato per quanto rispetta i costi operativi. E’ anche più interessante rispetto alla vettura media. Mi farebbe sicuramente prendere in considerazione l’acquisto di un’altra auto elettrica in futuro”.

era responsabile di raccontare ai suoi vicini le caratteristiche di My Electric Avenue e di reclutare persone al progetto. E aggiunge:

“Ho guidato per oltre 15.000 miglia la mia Nissan LEAF in poco più di un anno e l’auto ha soddisfatto le mie esigenze di guida! Mi sono anche avventurata più lontano un paio di volte, qualcosa che sembra più facile di quanto pensassi con un po’ di pianificazione”.

E’ ormai noto che la Nissan LEAF offre bassi costi di gestione, ma un partecipante di My Electric Avenue ha anche trovato il modo di migliorare su questo. Ian Finch opera nel campo delle energie rinnovabili e ha sfruttato la potenza del sole per ricaricare la sua LEAF.

“Solo L’elettricità per caricare la Nissan LEAF per 80-100 miglia di guida costa circa £ 2. Comunque sono riuscito a guidare l’auto in modo completamente gratuito in estate, utilizzando i pannelli solari sulla mia casa per alimentare la macchina”.

“Naturalmente questo significa anche che l’energia per ricaricare l’auto ha emissioni zero di CO2. Aggiungete il fatto che la LEAF non ha emissioni di scarico, in modo che non ha un impatto negativo sulla qualità dell’aria a livello locale e la salute delle persone, e sicuramente questa deve essere una delle soluzioni di trasporto più sostenibili e convenienti disponibili in questo momento”.

Paul O’Neill, , ha detto:

“L’anno scorso, le vendite nel Regno Unito della Nissan LEAF sono più che raddoppiate in quanto i benefici del passaggio a un veicoli esclusivamente elettrico diventa più ampiamente conosciuto tra gli automobilisti.

“Non solo le LEAF offrono agli automobilisti un’esperienza di guida che spesso migliora quella dei suoi rivali di alimentazione tradizionali, offrendo anche bassi costi di gestione e risparmi tangibili, e sono lieto che abbia trasformato molti dei partecipanti al My Electric Avenue in ambasciatori automobilisti elettrici”.

My Electric Avenue, un progetto supportato da , viene consegnato da EA Technology. Altri partner del progetto sono Scottish and Southern Energy Power Distribution Limited () (Operatore network di distribuzione ospitante, o DNO), Nissan (fornitore EV), (gestione noleggio del programma EV), (Developer Network punto ricarica) e (partecipando DNO).

Potete trovare maggiori informazioni sul progetto a www.myelectricavenue.info

 


Share and Enjoy

  • Google Plus
  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon

TAGS: EA Technology EV Manager Fleetdrive Electric Ian Finch Jack Hamilton Julie Skevington My Electric Avenue nissan nissan leaf Nissan Motor GB ofgem Paul O'Neill Powergrid Nord Southern Energy Power Distribution Limited SSEPD Zero Carbon Futures

Lascia una risposta

 
Pinterest