L’ABB FIA Formula E Championship è il primo sport con un’impronta di carbonio zero certificata sin dall’inizio

Formula E impronta carbonio zero

L’ABB FIA Formula E Championship è diventato il primo sport ad avere un’impronta di carbonio netta pari a zero sin dall’inizio, nel settembre 2014.

Formula E investe in progetti certificati a livello internazionale in tutti i mercati delle corse per compensare le emissioni di sei stagioni di corse elettriche.

L’annuncio è stato fatto da Formula E durante il lancio della Climate Week NYC 2020. Seguendo l’approccio raccomandato stabilito dalla Convenzione quadro delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici (UNFCCC), la Formula E ha seguito tre passaggi chiave per raggiungere un’impronta di carbonio netta zero: misurazione efficace della produzione di carbonio, dando priorità alla riduzione della sua impronta e compensando le restanti emissioni inevitabili.

Formula E impronta carbonio zeroCon lo scopo fondamentale di contrastare il cambiamento climatico, l’impegno della Formula E a fornire futuri migliori attraverso le corse guida le sue iniziative di sostenibilità ambientale, economica e sociale in corso in tutto il mondo.

Lavorando a stretto contatto con Quantis, i principali esperti di valutazione del ciclo di vita e di sostenibilità, Formula E ha calcolato l’impronta complessiva del campionato sin dalla sua stagione inaugurale, con un focus continuo sulla riduzione delle emissioni.

Le sue misure di riduzione delle emissioni, tra cui l’ottimizzazione dei trasporti e della logistica, l’estensione delle opzioni di fine vita per le celle delle batterie agli ioni di litio e l’eliminazione della plastica monouso in loco, hanno portato la Formula E a diventare la prima e unica categoria di corse a ricevere terze parti di Certificazione ISO 20121 per eventi sostenibili.

Le emissioni inevitabili delle ultime sei stagioni sono state ora certificate come compensate tramite investimenti in progetti ONU Gold Standard e Verified Carbon Standard in linea con il meccanismo di sviluppo pulito dell’UNFCCC.

I progetti selezionati sono socialmente sostenibili, promuovono la produzione di energia rinnovabile e massimizzano i benefici ambientali delle auto elettriche, basandosi sul lavoro svolto finora dalla Formula E per fornire eredità positive e tangibili nei mercati delle corse.

Formula E impronta carbonio zeroFormula E sta già pensando a come può fare ancora di più per combattere la crisi climatica globale. Pertanto, a nome della Formula E, il CEO Jamie Reigle ha firmato la lettera UE 2030 delle Nazioni Unite rilasciata la scorsa settimana. La lettera sostiene la campagna globale delle Nazioni Unite Race to Zero per un’economia decarbonizzata che protegge dalle minacce future, crea opportunità di lavoro di qualità e alimenta una crescita inclusiva e sostenibile.

Elenco dei progetti di compensazione certificati a livello internazionale:

– Cina: generazione di energia da biomasse

– Cile: generazione di energia da gas di discarica

– Messico: generazione di energia da gas di discarica

– Argentina: produzione di energia eolica

– Uruguay: produzione di energia eolica

– USA: generazione di energia da gas di discarica

– Malaysia: generazione di energia da gas di discarica

– Marocco: generazione di energia eolica

– Certificati di energia rinnovabile in Regno Unito, Germania, Francia, Italia, Svizzera e Russia

Jamie Reigle, amministratore delegato Formula E, ha dichiarato:

L’ABB FIA Formula E Championship mira a fornire un futuro migliore attraverso le corse e ci impegniamo a svolgere un ruolo di primo piano nel contrastare gli effetti del cambiamento climatico. Abbiamo attivamente misurato e ridotto le nostre emissioni sin dall’inizio e siamo orgogliosi di aver raggiunto un impronta di carbonio netta zero compensando le nostre emissioni rimanenti. Abbiamo la responsabilità di ridurre al minimo l’impatto ambientale del nostro sport globale e siamo lieti di supportare progetti ambientali vitali in ciascuno dei nostri mercati di gara. Essendo uno sport costruito appositamente, rimaniamo impegnati ad aumentre le nostre pratiche sostenibili e speriamo di ispirare altri a unirsi a noi nel nostro viaggio.

Il presidente della FIA Jean Todt ha dichiarato:

Accolgo con favore questo importante passo in avanti dell’ABB FIA Formula E Championship per l’ambiente. In effetti, siamo entrambi firmatari della Convenzione quadro delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici e questo è uno dei quattro pilastri chiave di #PurposeDriven, il movimento lanciato da la FIA per aumentare il contributo del motorsport e della mobilità alla società.

Fonte: Formula E

Foto: Cortesia Formula E

Questo slideshow richiede JavaScript.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.