Seconda fase di test per la Rolls-Royce Spectre in Costa Azzurra

Seconda fase di test per la Rolls-Royce Spectre in Costa Azzurra

La nuova Rolls Royce Spectre ha effettuato la prima fase di test lo scorso mese nelle condizioni estreme di Arjeplog, in Svezia, e ora segue con la seconda fase in Costa Azzurra.

Rolls-Royce continua così un programma di test di 2,5 milioni di km per il primo prodotto elettrico, Spectre, una fase di test di 625.000 km nella regione della Costa Azzurra, nel sud della Francia, nello stabilimento dell’Autodromo di Miramas e sulle strade della Costa Azzurra.

Lo sviluppo della Rolls Royce Spectre è ora completo per circa il 40%, con il nuovo coefficiente di resistenza aerodinamica di 0,25 che rende Spectre la Rolls-Royce più aerodinamica di sempre e un aumento del 30% della rigidità consentito dall’integrazione del pacco batteria nella struttura.

Rolls Royce Spectre: lo sfondo

Seconda fase di test per la Rolls-Royce Spectre in Costa AzzurraMentre Rolls-Royce si è costruita una reputazione per aver creato l’apice delle auto di lusso che utilizzano motori a combustione interna, il concetto di elettrificazione è familiare da tempo al marchio. Henry Royce ha iniziato la sua vita lavorativa come ingegnere elettrico e ha dedicato gran parte della sua carriera alla creazione di motori a combustione interna che simulassero le caratteristiche di un’auto elettrica: silenziosità, coppia istantanea e la sensazione di una marcia infinita.

Eppure il legame con i fondatori del marchio è molto più profondo. Quando Charles Rolls guidò un’auto elettrica del 1900 chiamata Columbia, fece una profezia:

L’auto elettrica è perfettamente silenziosa e pulita. Non c’è odore o vibrazione. Dovrebbero diventare molto utili quando è possibile organizzare stazioni di ricarica fisse. Spectre è l’adempimento di questa profezia.

Spectre rappresenta anche una promessa mantenuta. Nel 2011, Rolls-Royce ha presentato un concept Phantom sperimentale completamente elettrico chiamato 102EX. Questo è stato seguito da 103EX, uno studio di design che ha anticipato un audace futuro elettrico per il marchio. Queste auto sperimentali hanno suscitato un notevole interesse da parte dei clienti Rolls-Royce, che hanno ritenuto che le caratteristiche di un propulsore elettrico si sarebbero adattate perfettamente al marchio. L’amministratore delegato di Rolls-Royce, Torsten Müller-Ötvös, ha risposto a questo con una chiara promessa: Rolls-Royce diventerà elettrica, a partire da questo decennio, ed entro il 2030 Rolls-Royce sarà un marchio di automobili completamente elettriche.

Nel settembre 2021, Rolls-Royce ha confermato di aver iniziato i test della prima Rolls-Royce completamente elettrica, Spectre. Per garantire che Spectre sia prima di tutto una Rolls-Royce, sarà sottoposta al programma di test più impegnativo mai concepito dal marchio, che copre 2,5 milioni di chilometri, simulando in media più di 400 anni di utilizzo per una Rolls-Royce. È un’impresa straordinaria.

Rolls Royce Spectre: test in Costa Azzurra

All’inizio di quest’anno, in una struttura di prova su misura ad Arjeplog, in Svezia, a soli 55 chilometri dal Circolo Polare Artico, Spectre ha ricevuto le prime “lezioni” in una scuola di perfezionamento progettata su misura per insegnare all’auto come comportarsi e reagire come una Rolls -Royce. Negli ultimi mesi, gli ingegneri di test e sviluppo del marchio hanno spostato la loro attenzione dalle condizioni estreme a un controllo più formale in un luogo che riflette l’uso quotidiano dell’auto: la Costa Azzurra.

Evocando il suo successore spirituale, la Phantom Coupé, questa Super Coupé elettrica sarà la prima autovettura di lusso completamente elettrica con il turismo continentale al centro della sua proposta. La Costa Azzurra e le sue strade presentano una perfetta combinazione dei tipi di condizioni che saranno richiesti dai clienti di Spectre, che vanno dai cordoni costieri tecnici alle carreggiate interne più veloci.

Seconda fase di test per la Rolls-Royce Spectre in Costa AzzurraCostituendo una parte cruciale del programma di test globale di 2,5 milioni di chilometri di Spectre, un totale di 625.000 chilometri saranno percorsi lungo e intorno alla Costa Azzurra francese. Questa fase è divisa in due parti, a partire dallo storico campo di prova dell’Autodromo di Miramas, situato nel dipartimento francese delle Bouches-du-Rhône in Provenza. Un tempo circuito che ha ospitato il Gran Premio del 1926, il sito è ora una struttura di test e sviluppo all’avanguardia, che comprende oltre 60 chilometri di percorsi chiusi e 20 ambienti di pista di prova che offrono un vasto numero di opportunità di test oltre i suoi 1.198 acri di impronta.

Questi includono unità di irrigazione che creano acqua stagnante, circuiti di gestione impegnativi con curve strette e camber sfavorevoli, nonché una vasca ad alta velocità a tre corsie di 3,1 miglia fortemente sopraelevata, che consente a Spectre di essere testato a velocità elevate continue.

La seconda fase di sperimentazione nella regione si svolge nella campagna che circonda l’Autodromo di Miramas. Questa regione è apprezzata da molti dei clienti del marchio, quindi un significativo 55% dei test qui ha avuto luogo proprio sulle strade su cui molti Spectre di produzione saranno guidati dopo le consegne dei primi clienti nel quarto trimestre del 2023. Questa disposizione per i test in base condizioni di vita reale locali si ripetono nei mercati chiave di tutto il mondo, poiché il marchio fa di tutto per garantire che i suoi prodotti soddisfino – e così spesso superino – le aspettative del suo gruppo di clienti altamente esigenti.

Un’architettura elettronica su misura

Spectre è diverso da qualsiasi Rolls-Royce precedente. Ciò non è dovuto solo al suo propulsore completamente elettrico, ma anche alla sua potenza di calcolo senza precedenti e all’applicazione di tecnologie avanzate di elaborazione dei dati. Spectre è la Rolls-Royce più connessa di sempre e ciascuno dei suoi componenti è più intelligente di qualsiasi Rolls-Royce precedente. È dotato di 141.200 relazioni mittente-destinatario e ha più di 1.000 funzioni e più di 25.000 sottofunzioni. Questo è circa tre volte più segnali mittente-ricevitore rispetto a una tipica Rolls-Royce.

L’intelligenza notevolmente aumentata dell’architettura elettronica ed elettrica di Spectre consente uno scambio gratuito e diretto di informazioni dettagliate tra queste funzioni con un’elaborazione centralizzata minima. Per sbloccare il potenziale di questa tecnologia, gli specialisti di ingegneria del software Rolls-Royce hanno sviluppato un’intelligenza decentralizzata per Spectre. Ciò si basa sull’elaborazione dei dati più vicino alla fonte anziché essere gestiti nella loro interezza da un’unica unità centrale di elaborazione.

Inviando pacchetti di dati più sofisticati, che non solo descrivono una variabile ma propongono una risposta, il tempo di reazione dell’auto è notevolmente più rapido e dettagliato. Questa tecnologia avanzata vede gran parte dello sviluppo di Spectre passare dall’officina allo spazio digitale.

Tuttavia, lo sviluppo di Spectre non è solo un esercizio di informatica. L’autovettura richiede una risposta a centinaia di migliaia di possibili scenari, e quindi ha bisogno degli specialisti più qualificati ed esperti per definire e affinare una reazione meccanica adeguata. Nel corso del programma di test in Riviera, gli ingegneri più esperti del marchio stanno creando meticolosamente un controllo dedicato per ciascuna delle oltre 25.000 funzioni di Spectre, incorporando variazioni di risposta a seconda di fattori tra cui meteo, comportamento del conducente, stato del veicolo e condizioni stradali.

“Giro sul tappeto magico” in alta definizione

Dopo mesi di test continui, è stata approvata una nuova tecnologia di sospensione che garantisce che Spectre offra il caratteristico “giro sul tappeto magico” di Rolls-Royce. Questa tecnologia viene ora affinata e perfezionata a Miramas e sulle strade della Costa Azzurra.

Seconda fase di test per la Rolls-Royce Spectre in Costa AzzurraUtilizzando una suite di nuovi componenti hardware e sfruttando le capacità di elaborazione ad alta velocità di Spectre, questo sofisticato sistema elettronico di stabilizzazione del rollio utilizza i dati del sistema Flagbearer dell’auto, che legge la superficie stradale davanti, e il sistema di navigazione satellitare, che avvisa Spectre delle curve imminenti.

Su strade diritte, il sistema può disaccoppiare automaticamente le barre antirollio di Spectre, consentendo a ciascuna ruota di agire in modo indipendente. Ciò impedisce il movimento oscillante che si verifica quando un lato di un veicolo colpisce un’ondulazione della strada. Ciò migliora anche notevolmente le imperfezioni ad alta frequenza durante la guida causate da carenze più piccole e più frequenti nella qualità del manto stradale.

Una volta che una curva viene confermata imminente dai dati di navigazione satellitare e dal sistema Flagbearer, i componenti vengono riaccoppiati, gli ammortizzatori delle sospensioni si irrigidiscono e il sistema di quattro ruote sterzanti si prepara all’attivazione per garantire entrata e uscita senza sforzo. In curva, vengono monitorati più di 18 sensori e i parametri di sterzo, frenata, erogazione di potenza e sospensione vengono regolati di conseguenza in modo che Spectre rimanga stabile. Per il conducente, questo offre serenità, prevedibilità e, in definitiva, un maggiore controllo in un’alta definizione senza precedenti.

L’architettura intelligente offre una rigidità senza precedenti

Il controllo senza precedenti di un’autovettura così generosa, fornito da questa nuova tecnologia, è consentito dall’architettura spaceframe del marchio, interamente in alluminio. Questa piattaforma, riservata all’uso esclusivo del marchio, non solo ha consentito ai designer di creare una nuova classe di Rolls-Royce, la Electric Super Coupé, ma ha anche fornito a Spectre la carrozzeria più rigida nella storia del marchio.

L’eccezionale rigidità di Spectre, che rappresenta un miglioramento del 30% rispetto a tutte le auto Rolls-Royce esistenti, è stata ottenuta anche integrando la struttura estremamente rigida della batteria stessa nell’architettura Spaceframe in alluminio di Spectre. Solo attraverso l’architettura del marchio questo è stato possibile.

Un nuovo standard aerodinamico

Nell’annunciare la mascotte ridisegnata di Spirit of Ecstasy che siederà con orgoglio a prua di Spectre, gli aerodinamici Rolls-Royce hanno previsto che l’auto avrebbe un coefficiente di resistenza aerodinamica (cd) di appena 0,26, rendendola la Rolls-Royce più aerodinamica mai creata. Il design spettacolare di questa storica autovettura, che di per sé è possibile solo utilizzando l’architettura spaceframe del marchio, ha consentito agli ingegneri di migliorare ulteriormente questa cifra fondamentale.

A seguito di rigorosi test in galleria del vento, modellazione digitale e test continui ad alta velocità a Miramas, questa cifra è stata ulteriormente ridotta a solo 0,25. Questo non rappresenta solo un record nel contesto di Rolls-Royce, ma è senza precedenti nel settore del lusso.

L’impresa straordinaria continua

Il programma di test globali Spectre continua: la Electric Super Coupé sarà ancora testata per un ulteriore milione di chilometri prima che gli ingegneri del marchio considerino completata questa impresa. Le prime consegne di Spectre ai clienti inizieranno nel quarto trimestre del 2023.

Fonte: Rolls Royce Motors Car

Be the first to comment

Leave a Reply

Your email address will not be published.


*


This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.