PlanetSolar a St. Martin con nuovo record

PlanetSolar a St. Martin con nuovo record

29 mag, 2013

PlanetSolar ha raggiunto St. Martin e ha battuto il proprio record di velocità per una traversata transatlantica a energia solare!

Fonte: PlanetSolar

Dopo aver lasciato Las Palmas (Spagna) il 26 aprile, la più grande barca solare al mondo ha raggiunto Marigot, St. Martin (Antille francesi) 22 giorni dopo.

Un nuovo traguardo per la , che ha battuto il suo proprio record mondiale di velocità per una traversata transatlantica a energia solare, un record detenuto dal 2010, dopo che la sua prima traversata è stata completata in 26 giorni. Questo nuovo obiettivo è parte dell’impegno di PlanetSolar a superare ulteriormente i limiti della tecnologia durante i le sue missioni del 2013. E ‘quindi con grande orgoglio che la squadra ha messo piede sulla terra ferma dopo 22 giorni, 12 ore, e 32 minuti in mare!

In preparazione per il suo arrivo, PlanetSolar ha potuto contare con il sostegno del Fort Louis Marina e dal Ufficio del Turismo di St. Martin. Al suo arrivo, PlanetSolar ha ricevuto un benvenuto entusiastico e tipicamente creolo.

L’imbarcazione è rimasta ancorata in questo ambiente idilliaco per 3 giorni! Questa tappa è stata una speciale opportunità per incontrare il pubblico giovane. A tal fine, 90 scolari sono stati in grado di scoprire le profondità della barca, l’unica imbarcazione del suo genere al mondo. Inoltre, sono stati organizzati eventi a bordo per la stampa e le autorità locali.

Il 23 Maggio, la nave ha dovuto lasciare questa isola ospitale con rotta a Miami, in modo da iniziare la sua prossima grande avventura: la “PlanetSolar Deepwater” spedizione scientifica lungo la corrente del Golfo.

La traversata atlantica

Dopo un controllo finale delle attrezzature a Las Palmas, la MS Turanor PlanetSolar si gettò nella vastità dell’Oceano Atlantico per una lunga traversata. Un passaggio che è stato caratterizzato da fasi di nuvolosità significativa, costringendo l’equipaggio a fare modifiche di percorso, al fine di usufruire di condizioni di navigazione più favorevoli.

Questi piccoli ostacoli imprevisti hanno causato ritardi, ma non hanno portato giù il morale a bordo, dopo tutto, una periodica sessione di pesca è rilassante. Nel menu? Lampuga e palamite, che hanno fornito un nuovo dinamismo per i pasti dei nostri marinai!

Per non parlare del fatto che Madre Natura ha deciso di regalare l’incontro con i delfini, e tramonti e albe mozzafiato con tavolozze di colori.

PlanetSolar a Rabat

La prima tappa del 2013 della MS Turanor PlanetSolar è stata nella città marocchina di Rabat! Godendo del clima relativamente mite, l’imbarcazione ha raggiunto la città di Rabat, ma non senza difficoltà dovuta a un forte moto ondoso che era in agguato, alle porte della capitale! Trogoli superiori a 3 metri hanno scosso la barca con alcuni brividi. Dopo diverse ore di attesa, la barca era finalmente in grado di attraccare al Bouregreg Marina. Nonostante le perplessità di alcune persone anonime che hanno segnalato alle autorità quello che pensavano fosse un aereo atterrato su acqua, la nostra barca solare ha ricevuto un caloroso benvenuto da funzionari locali del Marocco.

L’ambasciatore svizzero in Marocco ha colto l’occasione per riconoscere l’impatto del nostro progetto sulla reputazione scientifica della Confederazione Svizzera. La sosta a Rabat inoltre ci ha fornito una grande opportunità per diffondere il nostro messaggio di promuovere l’energia pulita. Abbiamo accolto a bordo alcuni scolari marocchini, che sono stati entusiasti di scoprire un apparecchio insolito. E’ con tristezza che la squadra si congedò dei suoi ospitali amici marocchini per impostare in mare la rotta a Las Palmas, il passo finale prima della traversata dell’Oceano Atlantico.

L’installazione delle più recenti attrezzature

Queste prime due tappe del nostro lungo viaggio sono state l’opportunità ideale per perfezionare le attrezzature della nave. Questa era la prima volta che la nave ritornava in alto mare in quanto il completamento del suo lavoro di manutenzione dopo il viaggio intorno al mondo, che sio è concluso a Monaco un anno fa (4 maggio 2012).

Queste ultime installazioni hanno anche reso necessario un notevole sforzo da parte dell’equipaggio, che hanno avuto contro alcuni ostacoli tecnologici. In primo luogo è stata la Biobox, un rivelatore dedicato all’identificazione di aerosol atmosferici.

La sua installazione è stata inizialmente rinviata a causa della mancanza di un pezzo di equipaggiamento, e poi ha subito un guasto del circuito elettrico. Gli scienziati ginevrini sono stati in grado di completare l’installazione dopo diverse ore di lavoro preciso e implacabile. In secondo luogo, l’attuazione di un nuovo sistema di timone idraulico ha scatenato un collasso totale in sterzata per quattro ore. A quel punto l’equipaggio doveva continuare il suo viaggio verso le Isole Baleari come meglio poteva, guidata unicamente dal sistema di guida manuale! La sosta a Las Palmas è arrivata appena in tempo per consentire all’equipaggio di perfezionare l’installazione del complesso strumento! Da quel punto in poi, la MS Turanor è stata dotata di attrezzature ad alta tecnologia ed era pronta a lottare con l’oceano.

D’ora in poi, Gérard d’Aboville ha gustato dei benefici di queste nuove invenzioni, per cui, in base al traffico e le condizioni meteorologiche, è stato in grado di ottimizzare il suo viaggio con precisione …

 

Share and Enjoy

  • Google Plus
  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon

TAGS: MS Turanor PlanetSolar planet solar TÛRANOR PlanetSolar

Lascia una risposta

 
Pinterest