Nissan: risparmio energetico a Osaka

Nissan: risparmio energetico a Osaka

8 lug, 2012

Nissan, la Città e la Prefettura di introducono insieme le misure per il risparmio energetico

- 250 unità di 100% elettrica equipaggiate con il sistema di alimentazione “” saranno offerte gratuitamente ad utenti pubblici e privati

- Il sistema dovrebbe contribuire al bilanciamento del fabbisogno energ etico nella regione di Osaka, c onsentendo agli utenti di ricaricare le vetture elettriche durante la notte e utilizzare durante il giorno l’energia elettrica accumulata belle batterie a scopi domestici 

- Il sistema può essere utilizzato come fonte di alimentazione di riserva in caso di interruzione o cali di corrente elettrica 

Fonte: Nissan

Yokohama, Giappone. 6 luglio 2012. Nissan Motor Co., Ltd. ha annunciato che contribuirà a ridurre i disagi derivanti dalle limitazioni sulla fornitura di energia elettrica previste per questa estate, attraverso apposite misure concordate con la Città e la Prefettura di Osaka, tramite l’iniziativa “Azioni di risparmio energetico con Nissan LEAF”. Il contributo di Nissan al piano per il risparmio energetico comprenderà la fornitura del sistema “LEAF to Home”.

Le centraline del sistema di alimentazione “LEAF to Home” sono in grado di fornire in maniera continuativa alle abitazioni l’energia elettrica precedentemente immagazzinata nelle batterie ad alta capacità di Nissan LEAF. I proprietari di Nissan LEAF saranno incoraggiati a ricaricare le proprie vetture di notte, quando la domanda è bassa, o sfruttando l’energia prodotta da pannelli solari: questo sistema permetterà di bilanciare i fabbisogni energetici, fornendo di giorno (quando la domanda è più alta) a case e uffici l’energia elettrica immagazzinata nella vettura.

Il sistema può essere utilizzato anche come fonte energetica di riserva in caso di un’interruzione o di un calo di corrente.

Nissan concederà, a titolo gratuito, 250 unità di Nissan LEAF equipaggiate dell’unità ” EV Power Station”, prodotte da Nichicon Corporation. La Città di Osaka e gli uffici della prefettura riceveranno 50 unità, mentre le altre 200 saranno destinate ad utenti privati che operano nel territorio della prefettura*. Nissan sarà responsabile del reclutamento dei partecipanti (singoli e aziende) situati nella prefettura di Osaka. Le strutture private di assistenza per minori e anziani avranno diritto a presentare la richiesta per partecipare all’iniziativa.

Durante la conferenza stampa congiunta indetta dalla Città di Osaka e dalla Prefettura, Toshiyuki Shiga, Chief Operating Officer di Nissan, ha dichiarato “Il sistema ‘LEAF to Home’ è totalmente innovativo: consente, infatti, di bilanciare il fabbisogno energetico immagazzinando elettricità durante la notte e utilizzandola, per alimentare abitazioni e uffici nelle ore diurne, quando c’è un incremento della domanda. Il risparmio energetico è una questione nazionale importante che deve essere affrontata adesso e durante tutto l’anno. Siamo lieti di poter contribuire in modo rilevante a questo sforzo per gestire i “picchi di domanda energetica” ad Osaka, sfruttando le capacità del sistema ‘LEAF to Home’”.

In futuro , Nissan continuerà a sostenere gli sforzi in materia di risparmio energetico con il sistema “LEAF to Home” nelle aree in cui è il bilanciamento della domanda di energia elettrica si renderà necessario.

* Il noleggio gratuito di Nissan LEAF per il progetto terminerà alla fine dell’anno fiscale 2012 (31 marzo 2013)

 

Share and Enjoy

  • Google Plus
  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon

TAGS: LEAF to Home nissan leaf osaka

Un commento

  1. dreddmcallann /

    Il progetto è sicuramente interessante, ma leggendo penso: se la ricarica avviene di notte e di giorno si sfrutta la batteria, quando si usa l’auto?
    Volete dirmi che si declassano 38 mila euro di Nissan Leaf mero accumulatore ??
    Ma non è solo una questione economica, ma anche energetica, produrre la Leaf costa Co2 ed energia elettrica, materie prime e lavoro manuale…per poi farla divenire una batteria? Sono certo di no, manca qualcosa, i giapponesi non sprecherebbero mai risorse in questo modo (spero), spenderebbero la metà per avere il solo accumulatore della Leaf

Lascia una risposta

 
Pinterest