Quando le auto elettriche servono ad altri scopi

Quando le auto elettriche servono ad altri scopi

13 nov, 2014

Di Marcelo Padin

Direttore Editoriale Electric Motor News

 

Riportiamo testualmente un’informazione pubblicata nel portale svizzero Ticinoonline perché anche Electric Motor News si era occupato di questa notizia, ma che a giudicare da quello che è stato pubblicato non è quello che possiamo definire “veritiera”.

A dire la verità, quando abbiamo pubblicato questa notizia che come di consueto viene condivisa nei social network, ci sono stati diversi commenti che in sintesi chiudevano la storia segnalandolo come “una buffala”, commenti da persone di grande valore nel settore dei veicoli elettrici e delle quali Electric Motor News ha un ottimo concetto.

Evidentemente avevano ragione …

Riportiamo l’informazione con l’unico scopo di far chiarezza, restando ovviamente a disposizione per eventuali contradditori, chiarimenti e precisazioni, in modo particolare della persona direttamente coinvolta.

Di seguito la pubblicazione di On Line

 

 

“È sparito con i soldi e non ho più visto neanche un centesimo”

 

Un’azienda di Collina d’Oro dice di avere inventato il “motore del futuro”. Dietro gli slogan, un truffatore su cui si indaga in Italia e in Ticino

Articolo di Davide Illarietti

Fonte: Ticinoonline

 

Lugano, . 10 Novembre 2014. «Un motore rivoluzionario», «mille km a costo zero»: si reclamizza così sui social network – il sito ufficiale è ancora off-line – un’azienda “green” di Collina d’oro, a cui persino il Quotidiano ha di recente dedicato un servizio presentandola come «un progetto che potrebbe rivoluzionare il mondo dell’auto».

Più critico il portale anti-bufale butac.it, che in una recensione non proprio recentissima (novembre 2013) accusava l’azienda di ritoccare con Photoshop immagini copiate da internet e spacciarle per propri prodotti. «Chi ha mai provato questo super motore? – si legge in un post – Nessuno, se non i titolari dell’azienda».

Ecco, appunto: i titolari. Chi sono? Una breve ricerca e si scopre che dietro alla ditta c’è un 49enne italiano, A.B., ex agente immobiliare dal curriculum tutt’altro che immacolato: già sanzionato nel 1999 dalla Seco per importazione illegale di valuta, è stato condannato nel 2012 (anno di fondazione della Sa di Collina d’oro; ma il reato è prescritto) in Italia per una da 750 mila euro ai danni di un imprenditore.

«Mi si era proposto come intermediario per un fantomatico investimento all’estero – ci spiega oggi la vittima – poi è sparito con i soldi. Non ho riavuto un centesimo, non so dove siano finiti: lui risulta nullatenente».

All’imprenditore truffato, attivo a sua volta nel settore delle automobili, il nome dell’azienda di Collina d’oro non dice nulla.

«Mi aveva solo parlato di investimenti all’estero, non ho la minima idea di quale strada abbiano preso effettivamente poi i miei soldi. Di certo a me non sono mai tornati» racconta la vittima. «So solo che, quando ho provato a chiederne conto, mi è stato risposto con minacce inquietanti. Un tipo insomma da cui è bene stare in guardia: non sapevo che fosse finito in Ticino ora, e per quanto mi riguarda meno sento parlare di lui meglio è».

Si dirà: embé? Un imprenditore (ancorché truffatore) non è libero di aprire in Ticino quante aziende vuole? Stando a nostre informazioni, però, al Ministero Pubblico di Lugano è ora arrivata una rogatoria da oltre confine nell’ambito di un nuovo filone d’inchiesta, questa volta a cavallo fra Ticino e Italia. Indagine su cui vige, naturalmente, il massimo riserbo. Staremo a vedere.

 

.

 

Share and Enjoy

  • Google Plus
  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon

TAGS: collina d'oro svizzera Ticino truffa

2 commenti

  1. Ma uno, prima di dare 750mila euro a un estraneo, qualche verifica la farà?

  2. M.Padin /

    Sig. Marco, la ringrazio per il suo intervento. Electric Motor News è aperto anche a commenti, pensieri, opinioni e considerazioni e noi siamo contento di ospitare tutti.
    Quello che dice lei è stato proprio uno dei temi di conversazione in un incontro che ho avuto questa mattina, proprio in Svizzera ed a poche centinaia di metri da quest’azienda … e quella che ha fatto lei è la stessa domanda che mi faccio io !.
    Cordiali saluti

Lascia una risposta

 
Pinterest