Business Tesla di Car Sharing EV a guida autonoma?

Business Tesla di Car Sharing EV a guida autonoma?

14 ago, 2015

Potrebbe Tesla aggiungere il business del Car-Sharing di auto elettriche a guida autonoma?

di John Voelcker

Fonte: GreenCarReports

 

11 Agosto 2015. La conferenza trimestrale di dove solitamente si parla dei guadagni della casa automobilistica sono sempre intriganti e così è stato nell’aggiornamento della scorsa settimana per il secondo trimestre del 2015.

Gli analisti finanziari sono concentrati sui numeri della società, che ancora perde soldi perché continua ad investire, e un aumento di capitale sembra inevitabile; ma c’è stato un altro argomento che ha sollevato alcune nuove prospettive di business.

Questo sarebbe il suggerimento del CEO Tesla , che ha segnalato che la società potrebbe utilizzare i suoi veicoli elettrici autonomi pianificati per offrire il proprio servizio di ride-sharing.

Tesla Model S 70d

Come notato da Autoblog, il suggerimento è stato stimolato da una questione del regolare partecipante a questi meeting, .

E’ un analista di Morgan Stanley che è stato un sostenitore Tesla all’interno della comunità finanziaria.

Jonas ha sollevato il commento del membro del Consiglio Tesla e venture capitalist Steve Jurvetson riguardo il CEO di Uber Travis Kalanick che ha detto che la sua azienda potrebbe acquistare fino a mezzo milione di auto elettriche autonome nel 2020 se Tesla potesse fornirle.

Ecco lo scambio di parole, come contenuto in questa trascrizione:

Jonas:

“Ehi, Elon. Prima domanda, Steve Jurvetson è stato recentemente citato dicendo che il CEO di Uber Travis Kalanick disse che se, entro il 2020, le auto di Tesla fossero autonome, avrebbe voluto comprare tutte loro.

Si tratta di una vero e propria opportunità, voglio dire, dimenticando per un momento che si parla del 2020, ma si tratta di una vera opportunità di business per Tesla, la fornitura di vetture a guida autonoma per il car-sharing alle imprese, in modo che Tesla potrebbe eliminare gli intermediari e vendere on-demand servizi di mobilità elettrica direttamente dalla società su una propria piattaforma?

Musk:

Elon Musk, CEO Tesla“Questa è una domanda perspicace”.

Jonas:

“Non c’è bisogno di rispondere”.

Musk:

“Non credo credo che dovrei rispondere”.

Tesla ha discusso la capacità di guida autonoma delle vetture per diversi anni.

Interpellato, Musk ha anche detto che è nelle fasi finali di controllo della prima versione di quello che definisce il suo “pilota automatico” per le Model S equipaggiate con i sensori necessari.

Un piccolo numero di Model S tester verranno dotate del software in questo fine settimana, ha detto, e una versione più ampia da collaudare sarà pronta in sei-otto settimane.

Tuttavia qui è necessario avere una particolare prospettiva.

La capacità di guida autonome offrono chiaramente la promessa di liberare i conducenti dai compiti più noiosi, pensando dai 45 ai 90 minuti di stop-and-go dei pendolari nelle ore di punta.

BMW Serie 5 a guida autonoma

Ma il lancio di tali capacità dalle case automobilistiche sarà frammentario, frammentari, e molto prudenti nel corso dei prossimi cinque ai quindici anni.

Il consenso tra gli analisti di tecnologia automobilistica è che solo circa nel 2030 sarà possibile dire alla vostra auto dove si vuole andare e poi raggomitolarsi per dormire un po’ mentre l’auto ti porta.

Nel frattempo, come Musk ha notato, ci sono numerosi “casi limite”, che devono essere affrontati – tra cui, ad esempio, la sbiadita segnaletica orizzontale su superfici stradali grigio chiaro al tramonto.

Parlando di questo, Musk ha ammonito che i conducenti di Tesla dovrebbero avere aspettative realistiche nei primi anni:

“Non vogliamo caldeggiare l’aspettativa che fondamentalmente non bisognerà badare a quello che la macchina sta facendo; noi vogliamo impostare l’aspettativa come molto simile al pilota automatico, ma c’è ancora una certa aspettativa che il pilota presterà attenzione a ciò che l’auto sta facendo e non una sorta di andare a dormire o scomparire dalla cabina di guida.

Quindi noi vogliamo creare quest’aspettativa ai consumatori.

E, Musk ha osservato, che prima del limitato rilascio dell’autopilota, il sistema sarà evoluto continuamente.

“Migliorerà nel tempo perch affineremo il software”, ha concluso Musk.

“Quindi sono certo di non accettare la versione iniziale del pilota automatico come la versione finale”, ha detto. “Sarà sempre migliore nel corso del tempo”.

Protesta anti Uber dei taxi londinesi

Quindi Tesla potrebbe valutare della sua capacità di offrire veicoli elettrici autonomi per il proprio servizio di ride-sharing in futuro.

Ma prima di farlo, deve lanciare questo anno il Crossover elettrico Model X; finire e far funzionare la sua prima Gigafactory di batterie in Nevada; incrementare la propria attività di stoccaggio batteria home-energy; e disegnare, ingegnerizzare, collaudare e lanciare la sua Model 3 da 35.000 dollari con un’autonomia di 200 miglia (321 km).

Mentre si fa tutto questo, deve anche incrementale ed aggiungere funzionalità alle funzioni dell’autopilota. Quando ciò accada, ogni nuova funzione dovrà essere così buona che non dovrebbero verificarsi gravi problemi di sicurezza in oltre decine di milioni di miglia di percorrenza con la Tesla di nuova generazione.

Possiamo dire che è del tutto possibile che Tesla lanci un proprio servizio di ride-sharing.Ma prima di farlo, ha un paio di altri compiti abbastanza grandi da svolgere.

Share and Enjoy

  • Google Plus
  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon

TAGS: adam jonas Elon Musk tesla model 3 tesla model x Tesla Motors

Lascia una risposta

 
Pinterest