Red Sea Development Company seleziona ZeroAvia per voli di lusso a emissioni zero

Red Sea Development Company seleziona ZeroAvia per voli di lusso a emissioni zero

ZeroAvia ha firmato un protocollo d’intesa per collaborare con The Red Sea Development Company per testare e sviluppare voli di lusso a emissioni zero.

ZeroAvia è leader nello sviluppo di soluzioni a emissioni zero per l’aviazione commerciale e questo MOU mira a testare e sviluppare viaggi a emissioni zero attraverso una nuova destinazione turistica di lusso con particolare attenzione alla sostenibilità ambientale e alla rigenerazione.

TRSDC prevede di operare una flotta di circa 30 varianti di idrovolanti del Cessna Caravan per trasportare gli ospiti attraverso la destinazione. ZeroAvia è stata incaricata di esplorare il retrofit degli aerei con la sua tecnologia di propulsione e di testarne la fattibilità per offrire viaggi puliti e commerciali.

In base all’accordo, TRSDC e ZeroAvia lavoreranno insieme per sviluppare la tecnologia, inclusa la collaborazione a una tabella di marcia per fornire la produzione, la fornitura e le infrastrutture necessarie per supportare i viaggi aerei alimentati a idrogeno in Arabia Saudita.

La partnership fa parte dell’ambizione di TRSDC di offrire una connettività completamente sostenibile in tutte le sue destinazioni, compresi i voli a emissioni zero.

John Pagano, CEO di TRSDC, ha dichiarato:

Per realizzare le nostre ambizioni, abbiamo dovuto diventare molto più di uno sviluppatore immobiliare. Siamo un incubatore di idee, sfruttando i concetti e le tecnologie più innovativi per aiutarci a fornire un nuovo archetipo per il turismo, che spinge oltre la sostenibilità per fornire rigenerazione per le persone e il pianeta. Un trasporto pulito ed ecologico è fondamentale per realizzare questo obiettivo, motivo per cui stiamo lavorando con partner lungimiranti come ZeroAvia, per realizzare un nuovo modo di viaggiare.

James Peck, VP Business Development di ZeroAvia, ha dichiarato:

TRSDC riconosce il potenziale della propulsione a emissioni zero nel garantire che il viaggio attraverso il resort faccia la sua parte nelle ambizioni di sostenibilità complessive del progetto. Provare i propulsori idrogeno-elettrici da 600 kW di ZeroAvia per il Caravan significa che i turisti potrebbero prendere questi voli a emissioni zero verso la destinazione entro la metà di questo decennio.

ZeroAvia ha identificato i propulsori idrogeno-elettrici, in cui le celle a combustibile utilizzano l’idrogeno in una reazione chimica per generare elettricità che alimenta i motori elettrici, come la soluzione più pratica, economica e di più ampia portata per ridurre i cambiamenti climatici dell’aviazione e gli impatti sull’aria pulita.

Lo sviluppo del propulsore da 600 kW fa parte del progetto HyFlyer II, supportato in parte da una sovvenzione dell’Aerospace Technology Institute del governo del Regno Unito.

Andreas Flourou, Direttore Esecutivo, Operazioni – Mobilità presso TRSDC, ha dichiarato:

Mentre ci prepariamo per accogliere i nostri primi ospiti all’inizio del prossimo anno, il tema della mobilità intelligente e sostenibile è caldo. Ci stiamo impegnando attivamente con partner leader del settore per aiutarci a identificare e fornire le soluzioni di cui abbiamo bisogno per il trasporto terrestre, marittimo e aereo. ZeroAvia è leader nella fornitura di aeromobili a emissioni zero e siamo entusiasti di portarli a bordo come un partner prezioso mentre cerchiamo di creare la destinazione del turismo rigenerativo più ambiziosa del mondo.

TRSDC è stata fondata per guidare lo sviluppo di The Red Sea Project, una destinazione turistica di lusso e rigenerativa che stabilirà nuovi standard nello sviluppo sostenibile e posizionerà l’Arabia Saudita sulla mappa del turismo globale. Il mandato della società si è recentemente evoluto e il portafoglio di progetti sviluppati dall’organizzazione si sta ampliando, da ultimo con l’acquisizione di AMAALA, più a nord sulla costa del Mar Rosso.

ZeroAvia sta sviluppando soluzioni di propulsione elettrica a idrogeno come la soluzione più pratica, economica e di più ampia portata per ridurre i cambiamenti climatici dell’aviazione e gli impatti sull’aria pulita. Ciò inizia con un sistema da 600 kW, mirato alla certificazione per supportare le operazioni commerciali di velivoli da 9-19 posti, incluso il Cessna Caravan, che volerà per 300 miglia nautiche già nel 2024. L’azienda sta lavorando contemporaneamente su un propulsore per velivoli da 40-80 posti con a 1.000 nm per l’ingresso nel mercato nel 2026.

Fonte: ZeroAvia

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.