Opel Grandland X plug-in hybrid viaggia in sicurezza con la luce blu

Opel Grandland X plug-in hybrid luce blu

Se vedete una Opel Grandland X plug-in hybrid con una luce blu accessa, significa che la vettura sta viaggiando in modalità elettrica.

Con una luce blu sul parabrezza, appena sotto allo specchietto retrovisore interno, la vettura ibrida Opel segnala la trazione utilizzata in quel momento agli altri automobilisti e ai pedoni. Per farlo, il guidatore può selezionare l’impostazione “elettrico” dalle opzioni di guida disponibili e la vettura passa automaticamente all’elettrico. La luce blu rende le cose più evidenti quando, per esempio, Opel Grandland X transita in aree dove è consentito l’accesso solo a vetture elettriche. In questo caso, basta un’occhiata per accorgersi che una Opel sta viaggiando in modalità puramente elettrica.

Opel Grandland X plug-in hybrid luce bluPer assicurarsi che ci sia sempre abbastanza potenza disponibile per guidare in città a zero emissioni attivando la luce blu, Opel Grandland X plug-in hybrid ha la funzione “e-Save”. Questa funzione permette all’energia immagazzinata nella batteria ad alto voltaggio di essere conservata per un utilizzo successivo, per esempio per guidare in aree dove l’accesso è consentito solo alle vetture elettriche. Il guidatore può impostare questa funzione attraverso lo schermo touch a colori del sistema di infotainment per immagazzinare in parte o tutta l’energia elettrica per quando ne avrà bisogno durante il percorso.

Bestseller: Opel offre anche Grandland X in due versioni plug-in hybrid:

  • Opel Grandland X è disponibile come hybrid con trazione anteriore e una potenza massima fino a 165 kW/224 CV.
  • Come Opel Grandland X Hybrid4, il SUV compatto offre anche la trazione integrale elettrica e una potenza del sistema fino a 147 kW/300 CV.

Attenzione: più sicurezza con le luci blu e i moderni fari anteriori a LED

La classica luce blu può essere fatta risalire ai vigili del fuoco, ai veicoli della polizia o ai veicoli di emergenza già da molto tempo. Già negli anni ’30, le autopompe dei vigili del fuoco Opel Blitz avevano luci blu, sebbene queste fossero ancora rigidamente direzionate in avanti. Negli anni ’50 il traffico era cresciuto rapidamente e la segnalazione di allerta fu notevolmente migliorata a partire dal 1955 con il “faro rotante”, il cosiddetto faro Auer. Mentre le auto della polizia dotate di sistemi a barre lampeggianti sul tetto erano già in uso negli Stati Uniti e correvano nei thriller polizieschi degli anni ’70, c’è voluto fino agli anni ’80 affinché questi sistemi arrivassero in Germania. Qui la “barra luminosa blu dal design modulare” ricevette la sua designazione ufficiale “RTK 4-SL”, che sta per “Combinazione sonora a tutto tondo con commutazione urbano-rurale del segnale acustico”. Con le innovazioni in materia di illuminazione a partire dagli anni ’90, la produzione dei nuovi veicoli speciali Opel non si fermò più (OSV). I progettisti costruirono Opel Zafira per la Polizia dotate di speciali sistemi di segnalazione, gli Opel Movano dei Vigili del fuoco con lampeggianti anteriori e le Opel Insignia Emergency Medical con luci di segnalazione a LED nel portellone aperto.

Nel frattempo, la tecnologia LED è diventata un punto di riferimento per tutti: offre un equilibrio energetico particolarmente efficiente, una maggiore durata e dimensioni minori dei sistemi di illuminazione. Naturalmente, questo vale anche soprattutto per i fari. Con il nuovo sistema di fari a matrice IntelliLux LED, Opel ha democratizzato un’innovazione di classe superiore e l’ha introdotta per la prima volta nella categoria delle compatte con Astra. Questo innovativo sistema di illuminazione che non abbaglia gli altri automobilisti, ma luminoso come la luce del giorno, è ora disponibile dalla compatta Opel Corsa all’ammiraglia del marchio, Opel Insignia.

Vedere ed essere visti: le innovazioni della luce Opel in 121 anni di produzione automobilistica

Opel Grandland X plug-in hybrid luce bluLa tecnologia dell’illuminazione ha sempre svolto un ruolo molto speciale nella storia delle auto di Rüsselsheim. Tutto iniziò con la prima automobile nel 1899, che aveva ancora il romantico lume di candela poiché nei primi anni le luci delle automobili erano piuttosto buie. Le prime lanterne venivano trasportate davanti alla macchina. L’intenzione principale non era quella di illuminare la strada, ma di farsi vedere dagli altri utenti della strada. Alla fine del XIX secolo, la vettura Opel Patentmotorwagen “System Lutzmann” fece un passo in avanti. Illuminava anche i dintorni con candele domestiche, ma nessuno doveva più trasportarle. La candela ora era posizionata in alto in un contenitore di vetro con specchio. Una molla spingeva costantemente la candela tutto verso l’alto durante il processo di combustione tanto che poteva brillare in modo ottimale a un livello costante facendo luce attraverso il vetro. Una soluzione semplice e a basso costo con un grande effetto – in breve, lo stile Opel.

Opel Kapitän: un’auto che appartiene al mondo

Opel aveva anche subito indicato le tendenze nel design dei fari. I fari della Kapitän del 1938 non solo erano completamente integrati nella carrozzeria, ma avevano anche una moderna forma esagonale. Un’auto per tutti, “un’auto che appartiene al mondo”, recitava un annuncio pubblicitario del 1938. In altre parole, Opel Kapitän “rimarrà un’auto contemporanea per gli anni a venire grazie alle sue linee moderne e al design innovativo”.

Negli anni ’60, la forma dei fari continuò a diventare più angolare. Opel guidava le nuove tendenze di stile con la Kapitän A del 1964, che insieme ai modelli gemelli Opel Admiral e Diplomat enfatizzava un look piatto e ampio con i nuovi fari rettangolari. Non c’era da stupirsi che i modelli Opel Kapitän di successo fossero diventati delle vere ammiraglie: auto innovative, confortevoli e potenti che chiunque poteva permettersi.

La Opel GT continuò su questa strada nel 1968, impressionando non solo per il suo design completamente nuovo che richiamava la forma di una bottiglia di Coca-Cola: la leggendaria auto sportiva per tutti fu anche la prima auto tedesca con fari girevoli sporgenti. Chi potrebbe resistere a questi fari chiamati affettuosamente “occhi assonnati”?. Si facevano uscire tramite la leva sulla console centrale. Inoltre i fari alogeni inseriti nella griglia sotto il paraurti duplicavano anche le luci di posizione.

Più luce, più visibilità con i fari allo xeno

Opel Grandland X plug-in hybrid luce bluOpel Omega B fu il primo modello a offrire fari allo xeno a scarica di gas di serie a partire dal 1998. Devono il loro nome al gas naturale con cui venivano riempite le ampolle delle lampade. Rispetto ai fari alogeni comunemente usati all’epoca, la tripla intensità luminosa dava un maggiore fascio luminoso e permetteva di ottenere una migliore illuminazione della strada. Inoltre tali fari erano molto più efficienti: il consumo di energia era inferiore di un terzo, la radiazione termica inferiore del 40% e la durata più lunga.

A bordo era poi presente anche un sistema dinamico di regolazione dell’assetto dei fari. Ciò compensava i cambiamenti nella posizione del corpo vettura, ad esempio con un carico pesante o durante l’accelerazione e la frenata e ciò permetteva che la strada fosse sempre illuminata in modo uniforme. Ancora una volta, Opel apriva la strada a tecnologie di illuminazione accessibili a un’ampia gamma di acquirenti.

AFL per tutti nella classe media

Si può affermare che Opel sia stato il primo produttore a portare la luce dinamica in curva e l’illuminazione con angolazione 90 gradi nelle vetture di medie dimensioni nel 2003 con il sistema AFL (Adaptive Forward Lighting) su Opel Vectra e Opel Signum. L’innovativa tecnologia di illuminazione Opel combinava per la prima volta l’illuminazione dinamica angolare con fari ad angolazione statica molto utili negli incroci e nelle curve strette. Un’ulteriore funzione di comfort dei fari AFL era la Motorway Light (illuminazione in autostrada): alla velocità di circa 120 km/h e con una guida costante in rettilineo, l’illuminazione anabbagliante si regolava automaticamente leggermente più in alto e quindi ottimizzava la visione a lunga distanza. Il sistema di livellamento dinamico dei fari, ora di serie, garantisce l’assenza di abbagliamento dei veicoli che si incrociano.

Nel 2004, Opel Astra fu il primo modello compatto con luci illuminazione angolare. Nel 2006, il marchio democratizzò ulteriormente la nuova e innovativa tecnologia di illuminazione quando Opel rese disponibili per la prima volta i fanali ad angolazione e a luce dinamica basati sul sistema bi-alogeno nei segmenti delle monovolume e delle auto piccole Opel Meriva e Corsa.

La nuova generazione di luci AFL+ basata su potenti fari bi-xeno fece il suo debutto nel 2008 con la produzione della prima Opel Insignia e stabilì un nuovo standard nell’industria automobilistica. Utilizzando algoritmi complessi, la distribuzione della luce dei fari fu adattata automaticamente al profilo stradale e alle condizioni di visibilità prevalenti. La moderna ammiraglia Opel offriva una serie di nove funzioni di illuminazione: illuminazione urbana, illuminazione per aree pedonali, illuminazione extra-urbana, illuminazione in autostrada, illuminazione in condizioni meteorologiche avverse, fari ad angolazione statica, fari ad angolazione dinamica, luci abbaglianti e sistema di regolazione per luci abbaglianti. Un’altra innovazione della Opel Insignia fu la luce di marcia diurna a LED, che consuma molta meno energia e quindi carburante rispetto alla luce di marcia diurna del proiettore principale.

Fari a matrice IntelliLux LED: luminosi come il giorno, ma nessuno è abbagliato

Opel Grandland X plug-in hybrid luce bluI rivoluzionari fari a matrice di LED IntelliLux sono stati lanciati nel 2015 con l’attuale generazione di Opel Astra. Ancora una volta grazie a Opel, una caratteristica precedentemente riservata ai veicoli di lusso ha fatto il suo debutto nella classe delle compatte. I proiettori della bestseller Opel della classe compatta hanno un totale di 16 elementi LED (otto per lato), che regolano automaticamente e continuamente la lunghezza e la distribuzione del cono di luce in qualsiasi situazione di traffico e semplicemente “tagliano fuori” le auto che si incrociano e quelle che precedono. Quindi non vi è alcun effetto abbagliamento ed un’eccellente visibilità. O come afferma l’ambasciatore del marchio Opel Jürgen Klopp:

“Illumina come in un stadio di calcio, ma nessuno è abbagliato”

Il funzionamento è abbastanza semplice: non appena l’auto esce dai confini della città, i fari a matrice passano automaticamente alla modalità abbaglianti e regolano continuamente la lunghezza e la distribuzione del cono di luce. Questo sistema all’avanguardia trasforma la notte in giorno per i conducenti e i passeggeri senza disturbare gli altri utenti della strada. Opel offre i sofisticatissimi fari a matrice IntelliLux LED nelle linee di modelli Corsa, Astra, Insignia e nuovo Mokka.

Il fiore all’occhiello dello sviluppo sono attualmente i fari pixel IntelliLux LED. Possono già essere ordinati e verranno utilizzati per la prima volta sulla nuova ammiraglia Opel Insignia, che verrà consegnata in autunno. Mentre 32 elementi LED fornivano già a Opel Insignia la migliore visibilità al buio, sono ora disponibili in più 168 elementi LED luminosi di ultima generazione, e diventa leader del segmento tra i grandi produttori. I fari reagiscono ancora più velocemente e in modo più preciso di prima, migliorando ulteriormente la visibilità.

Pura efficienza con la migliore resa luminosa

In alternativa, Opel equipaggia Corsa, Astra e Crossland X con fari full-LED particolarmente efficienti. I fari consumano ciascuno solo tra 13 e 14 watt in modalità anabbagliante. Ciò comporta un risparmio energetico di oltre l’80% rispetto alle lampade alogene convenzionali, che consumano circa 70 watt per ogni faro per gli anabbaglianti. Ma i clienti Opel non devono scendere a compromessi sulla resa luminosa. Al contrario: grazie alla speciale tecnologia dei riflettori, questi fari a LED extra efficienti trasformano anche la notte in giorno.

Fonte: Opel Italia

Questo slideshow richiede JavaScript.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.