Storia. Il Van elettrico Volkswagen degli anni ’90

Storia. Il Van elettrico Volkswagen degli anni '90

Nei primi anni ’90, Volkswagen partecipa a diversi progetti per lo sviluppo di veicoli elettrici e nell’isola di Rügen ha creato il furgone Volkswagen Rad-era.

La strada per trasformare i veicoli elettrici in realtà risale a molti decenni fa, dagli inizi dell’industria automobilistica ai veicoli elettrici globali come il SUV Volkswagen ID.4. Una delle strade secondarie che Volkswagen ha intrapreso nel suo percorso verso l’elettrificazione ha coinvolto la conversione di un’intera isola al trasporto elettrico.

All’inizio degli anni ’90, il governo tedesco ha chiesto alle case automobilistiche di spingere i confini di ciò che era possibile con l’attuale tecnologia EV. Per creare un ambiente reale per testare i veicoli elettrici, la Germania ha istituito un test a lungo termine su Rügen, l’isola più grande del paese e una destinazione turistica nel Mar Baltico. L’isola forniva richieste di guida quotidiane che si adattavano bene alle limitate autonomie di veicoli elettrici dell’epoca e, poiché gran parte della sua elettricità proveniva dall’energia eolica, i veicoli avevano una bassa impronta di carbonio.

Storia. Il Van elettrico Volkswagen degli anni '90Varie case automobilistiche tedesche hanno contribuito all’esperimento con 60 modelli EV personalizzati tra il 1992 e il 1996, con 19 auto e furgoni Volkswagen.

Volkswagen ha reso disponibili nove modelli Golf III CitySTROMer, un’evoluzione dei precedenti prototipi elettrici che presentavano diverse innovazioni, tra cui un motore sincrono a corrente alternata, una posizione flessibile della batteria e la capacità di utilizzare una varietà di prodotti chimici della batteria, dal gel al piombo al nichel cloruro di sodio.

Dieci Volkswagen Elektro-Multivan utilizzavano una tecnologia simile, aggiornando il lavoro che la Volkswagen aveva svolto dai primi anni ’70 esplorando i trasportatori di merci elettrici. A causa della bassa densità di energia, il CitySTROMer aveva solo circa 21 CV di potenza, con un’autonomia di circa 55 miglia, che, sebbene limitata, era sufficiente per gestire la guida quotidiana intorno a Rügen.

In tre anni, i residenti di Rügen hanno percorso decine di migliaia di miglia sul CitySTROMer e sul furgone elettrico, ma l’esperimento ha dimostrato la necessità di batterie a lungo raggio, più potenza del motore e un’infrastruttura di ricarica. Tutte queste sfide avranno risposte molto più avanzate quando la versione di produzione del furgone elettrico ID.Buzz debutterà in un futuro non troppo lontano.

Fonte: Volkswagen

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.