Le Studebaker elettriche del Senato americano

1909 studebaker-electric car

Il Senato americano aveva una volta le sue auto elettriche

Due Studebakers giravano nell’underground

di John Voelcker

Fonte: GreenCarReports

Luglio 2017. Un vantaggio delle auto elettriche è che, a differenza delle automobili a benzina o a vapore, non hanno emissioni.

Più di un secolo fa, per questo motivo, l’U.S. Capitol acquisì due auto elettriche personalizzate, soprannominate “Tommy” e “Peggy”.

Sono state costruite da Studebaker, uno dei primi marchi automobilistici statunitens che chiuse i battenti nel 1965.

L’auto elettrica Studebaker del 1909 sotto restauro al Pennsylvania College of Tech.

Costruttore di carrozze dal 1852, Studebaker aveva iniziato a costruire e vendere auto nel 1897, tutte alimentate elettricamente come conseguenza della politica adottata dall’ultimo fratello fondatore. La società non ha lanciato il suo primo modello a benzina fino al 1904.

Con l’invenzione dell’avviamento elettrico nel 1912, però, è stato eliminato il pericolo che i veicoli a benzina avrebbero potuto ferire il polso o addirittura rompere il braccio della persona incaricata dell’avviamento, e la superiore autonomia e flessibilità delle auto a benzina presto trionfavano sui veicoli elettrici.

Nel 1913, Studebaker ha terminato la produzione di automobili elettriche e ha costruito modelli esclusivamente a benzina per i prossimi 42 anni.

Le due macchine elettriche del Campidoglio, tuttavia, sono state costruite dalla compagnia nel 1909 e vendute al Congresso degli Stati Uniti (a quasi 3.000 dollari ciascuna) per scopi molto specifici: viaggio senza emissioni in un tunnel sotterraneo che collega il Campidoglio al nuovo Russell Building degli uffici del Senato.

US Capitol Building

Come caratteristica affascinante secondo la descrizione di Hemmings Motor News, Tommy e Peggy erano diverse da qualsiasi altra auto elettrica offerta dalla società.

Studebaker costruì le due vetture con un paio di sedili del conducente per ciascuna, uno rivolto in avanti e uno al rovescio, entrambi equipaggiati con timoniere.

Un singolo pilota avrebbe fatto funzionare le Studebakers nel tunnel di un quindicimila chilometri ad una velocità massima da 12 a 15 mph, scaricando i suoi passeggeri e poi passando dall’altra parte per fare il viaggio di ritorno. I posti a sedere sono sia rivolti davanti che a poppa rispetto i sedili del conducente ed erano in grado di trasportare fino a 12 passeggeri alla volta.

Perché i posti alle due estremità? Elliot Woods, allora il sovrintendente degli edifici del Campidoglio e dei terreni, aveva progettato i tunnel senza avere spazio sufficiente in entrambe le estremità per poter fare il giro di ritorno con un veicolo.

Tuttavia la tenuta di Tommy e Peggy durò meno di un decennio: entro il 1916, un tram elettrico progettato dalla Marina Militare USA è stato installato al loro posto. Il suo successore, simile a una piccola navetta dell’aeroporto che collega i terminal, continua a funzionare oggi.

Le due vetture sono andate in magazzino finché non sono state vendute nel 1939 per 35 dollari ad un’asta di sovraccarico governativo. Peggy alla fine è finita presso il Museo Studebaker a South Bend, Indiana.

L’auto elettrica Studebaker del 1909 sotto restauro al Pennsylvania College of Tech.

Tommy è stata messa in mostra alla Fiera del 1939 a New York City e successivamente acquisita dal collezionista William Swigart nel 1950.

Mentre la storia è passata, si avvicinò all’ufficio dell’architetto americano del Campidoglio e chiese se avessero informazioni sul suo nuovo acquisto e un segretario gli porse tutta la storia in un file, lieto di liberarsene.

Swigart ripristinò la vettura elettrica della Studebaker a metà degli anni ’50, ma non è chiaro se si sia mai spostata nuovamente utilizzando il suo powertrain.

Da più di 60 anni, Tommy è esposta nel Museo Automobilistico di Swigart a Huntingdon, in Pennsylvania, fino a quando la vedova di Swigart, Patricia ed il direttore esecutivo del museo, Marge Cutright, hanno deciso di farla funzionare.

Il restauro è stato affidato al programma di restauro automobilistico del Pennsylvania College of Technology, i cui studenti hanno sostituito le 10 batterie e preparato l’automobile per l’operazione.

Nello scorso mese di giugno, Tommy ha percorso con il proprio powertrain un tragitto sul prato presso il concorso d’eleganza a Hershey e ha vinto il premio nazionale del patrimonio automobilistico presentato dalla Historic Vehicle Association.

no images were found

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.