Formula E. Intervista ai piloti Audi Lucas di Grassi e René Rast

Formula E. Intervista ai piloti Audi Lucas di Grassi e René Rast

Alla fine di questa settimana, la Formula E inizierà la sua nuova stagione, la prima come campionato mondiale ufficiale FIA ​​con due gare a Diriyah (Arabia Saudita).

Davanti a loro, Lucas di Grassi e René Rast raccontano la sensazione di formicolio prima dell’inizio, una promessa ai fan e le attività di svago molto speciali.

Sei mesi e mezzo senza una gara di Formula E, com’è stato quel periodo per te?

Formula E. Intervista ai piloti Audi Lucas di Grassi e René RastLucas di Grassi: Se guardi da vicino, abbiamo corso solo per una settimana in Formula E in un anno. Certo, abbiamo anche provando, ma non è la stessa cosa, perché manca tutta la routine di preparazione per un giorno di gara, la tensione e l’adrenalina. Quindi è giunto il momento che tutto questo torni.

René Rast: Fortunatamente, la pausa non è stata così lunga per me: dopo il finale di Formula E ad agosto, la stagione del DTM è iniziata davvero con 16 gare ancora da disputare. È finita molto bene per me con il titolo piloti a novembre.

Qual è stata la cosa più insolita che hai fatto in questo periodo?

René Rast: Forse non particolarmente insolito, ma davvero simpatico: io e la mia fidanzata abbiamo insegnato a sciare a nostro figlio. Qui in Austria, gli impianti di risalita erano aperti alla gente del posto in base a tutte le regole applicabili. Ne abbiamo approfittato nel frattempo e sta già facendo davvero bene.

Lucas di Grassi: Per me è stata sicuramente l’ideazione e la fondazione di un campionato del mondo di scooter elettrici. L’idea è di avere una serie di corse in tutto il mondo nel mezzo delle città, ci sono molti premi in denaro e molta attenzione per il tema della micromobilità. Un progetto davvero entusiasmante. L’annuncio è stato dato la scorsa estate e in questo momento sono in corso i primi test. Vogliamo fare la prima gara prima della fine del 2021.

Cosa ti manca di più delle corse?

Lucas di Grassi: La pressione, l’adrenalina e la sensazione di essere al limite con la mia macchina da corsa …

Formula E. Intervista ai piloti Audi Lucas di Grassi e René RastRené Rast: Quella sensazione di formicolio un minuto prima della partenza. Quella sensazione di sapere che d’ora in poi sei completamente da solo e la battaglia sta per iniziare. Quindi, i 45 minuti passano come dieci secondi. Non hai quella sensazione durante i test o in qualsiasi giorno nel simulatore.

Lucas di Grassi: E la sensazione di salire sul podio dopo una gara di successo, preferibilmente attraverso un mare di fan, ovviamente, come speriamo di rivivere presto.

Le due gare notturne di Diriyah segnano l’inizio della prima stagione come campionato del mondo ufficiale. Cosa significa per te?

René Rast: Un campionato del mondo, quelle parole da sole sono molto speciali e innescano qualcosa in ogni pilota. Io, almeno, l’ho sempre sognato e ora sono davvero orgoglioso di far parte di questo campionato del mondo.

Lucas di Grassi: Questo titolo conferisce alla Formula E un significato ancora maggiore a livello mondiale. Per noi piloti e team la pressione è alta quanto prima dell’inizio di ogni stagione. La domanda interessante è: sarò così vicino a Diriyah come durante i test di Valencia? Inoltre, con due gare in un fine settimana, c’è anche l’eccitazione aggiunta di correre al buio.

Quali sono le sfide speciali di una corsa notturna?

Lucas di Grassi: Vediamo come è illuminata bene la pista a Diriyah. A Le Mans, ad esempio, di notte è buio pesto. Non puoi nemmeno vedere l’apice degli angoli. Si spera che sia un po’ diverso in Formula E, altrimenti potremmo dover pensare ai fari delle macchine, dopotutto.

René Rast: Anche se la maggior parte di noi piloti ha probabilmente fatto una gara notturna o una gara di 24 ore, ci sono ancora molti punti interrogativi: l’illuminazione è costante, vieni accecato ovunque in pista? Per me è sicuramente la prima gara in monoposto al buio.

Cosa possono aspettarsi i fan dalla nuova stagione?

René Rast: Se solo ci conoscessimo, ma è questo che rende la Formula E così unica e così diversa dalla Formula 1. Ad esempio, è sempre turbolenta in Formula E, sempre imprevedibile, e più della metà di tutti i team e i piloti possono vincere .

Lucas di Grassi: Tutto ciò che il cuore di un appassionato di motori può desiderare, possiamo sicuramente prometterlo: gare dure, combattimenti ravvicinati, molti vincitori diversi e sicuramente una battaglia entusiasmante per il primo titolo ufficiale del campionato del mondo fino alla fine.

Lucas, hai già trascorso molto tempo sulla nuova Audi e-tron GT1. Ne hai già ordinata una?

Lucas di Grassi: Sì, ho già potuto guidare la e-tron GT alcune volte negli ultimi mesi. È semplicemente un’auto fantastica e la migliore prova di quanto possa essere bella e spettacolare la mobilità elettrica. Accelerazione, agilità, design: l’e-tron GT stabilisce nuovi standard in tutto.

1. Audi e-tron GT quattro: consumo di energia elettrica combinato in kWh / 100 km (62,1 mi): 19,6–18,8 (NEDC), 21,6–19,9 (WLTP); Emissioni di CO2 combinate in g/km (g/mi): 0

Fonte: Audi Motorsport

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.