Cartoline da Diriyah, dove la Formula E corre in mezzo al deserto

Cartoline da Diriyah, dove la Formula E corre in mezzo al deserto

Vi proponiamo uno sguardo veloce e spensierato attraverso alcune foto di quello che abbiamo visto finora al Diriyah E-Prix di Formula E.

Le foto sono state scattate da Electric Motor News dentro e fuori dal paddock della Formula E…

Dimmi in che box sei… e ti dirò cosa hai fatto nello scorso campionato

Cartoline da Diriyah, dove la Formula E corre in mezzo al desertoLe posizioni che occupano le squadre nei box non sono casuali, ma corrispondono all’ordine di arrivo del campionato dei team dello scorso anno.

Così, nel primo box trovate la Mercedes EQ, prima nel campionato 2020-2021, il secondo box è occupato da Jaguar TCS Racing, il terzo da DS Techeetah e successivamente Envision (che prende il box di Audi ritirata dalla categoria), Avalanche Andretti, ROKiT Venturi, TAG Heuer Porsche, Mahindra, Nissan e.dams, Dragon Penske e NIO 333 Racing.

Chi ha detto che Jaguar è solo una macchina…

Cartoline da Diriyah, dove la Formula E corre in mezzo al desertoNel box della casa inglese è comparso un simpatico e inoffensivo giaguaro… che è stato strapazzato dai meccanici. Noi l’abbiamo immortalato sopra la macchina di Mitch Evans…

Illuminato a giorno

Non è stata una novità perché l’esperienza di DZ Engineering è molto vasta nel campo del motorsport questa volta hanno confermato il loro know-how. Hanno illuminato a giorno i box, il paddock, la pista e anche le aree di servizio; hanno offerto effetti di luce molto particolari e persino hanno stretto una collaborazione con l’azienda araba Time Entertainment. Così, ai giochi di luci a terra sono stati abbinati dei giochi di luce in aria grazie a dei droni che hanno fatto delle diverse figure allegoriche a Diriyah ed a Riyadh.

L’uso del Regen

Cartoline da Diriyah, dove la Formula E corre in mezzo al desertoNon è una novità, ma fa sempre piacere vedere nella mappa online offerta da Formula E con i tempi live, le zone suggerite dove i piloti utilizzano il regen (il recupero di energia) nelle vetture, che nella foto potete vedere colorate di verde.

Quando si dice correre in mezzo al deserto…

Cartoline da Diriyah, dove la Formula E corre in mezzo al desertoNon è solo un modo di dire, ma il “correre in mezzo al deserto” è la pura verità. In questa foto, potete vedere in primo piano il rettilineo principale della pista, sulla destra uno scorcio del quartiere di Ad Diriyah, patrimonio mondiale dell’UNESCO, rinomato per gli edifici tradizionali in mattoni di fango con siti culturali che includono la moschea restaurata di Al-Zawihra e il museo di Diriyah dedicato alla storia saudita e sulla sinistra in lontananza… il deserto. Tuttavia, qui è inverno e il freddo si fa sentire, in modo particolare la giornata di venerdì (gara 1) è stata fredda e con molto vento (da 4 a 7 gradi celsius le temperature) e persino con una tempesta di sabbia.

Doppietta senza tempo da festeggiare

Cartoline da Diriyah, dove la Formula E corre in mezzo al desertoNonostante una doppietta, il team Mercedes non ha avuto il tempo di festeggiare. Briefing dopo la gara, ritrovo in pista a metà mattina, inizio delle preparazioni per gara 2 e la consapevolezza che si ricomincia. Ieri Nyck De Vries è stato molto chiaro in conferenza stampa: “sappiamo di essere forti ma qui cambia tutto da un giorno all’altro e non bisogna mai abbassare la guardia.

Fibra di carbonio da riciclare

Cartoline da Diriyah, dove la Formula E corre in mezzo al desertoUn campionato ecologico deve anche riciclare e la Formula E ha disposto degli spazi interni dove mettere insieme i pezzi da riciclare. Una sorta di “raccolta differenziata”. Nella foto potete vedere il “bidone della fibra di carbonio”, posto appunto dietro la zona della consegna dei ricambi. In vista c’è poco materiale da riciclare e si vedono solo dei pezzi dell’Avalanche Andretti numero 28 di Oliver Askew.

Il Municipio di Diriyah

Cartoline da Diriyah, dove la Formula E corre in mezzo al desertoSuggestivo vedere il rettilineo della pista del Diriyah E-Prix di Formula E ed il Palazzo Municipale di Diriyah costruito con i tipici mattoni di fango sullo sfondo. L’atmosfera è suggestiva e non solo per la gara. Gli organizzatori hanno fatto anche una grande festa musicale con gruppi e musicisti di fama mondiale e ovviamente locali, dove si sono scatenati fino a tarda sera. Testimone Electric Motor News, che quando lasciava il circuito all’1.30 del mattino dopo gara 1, oltre a sentire la musica ha visto molta gente in arrivo alla grande festa… .e da quello che abbiamo saputo, non solo da Riyadh.

Entrata 5… per noi gara… per altri festa

Cartoline da Diriyah, dove la Formula E corre in mezzo al desertoParlavamo di festa e qui in lontananza potete vedere il palco dove si è svolto lo spettacolo venerdì sera.

Per noi, è semplicemente l’entrata 5, dove sono allestite le postazioni per il ritiro accrediti, quella del PCR test e di fronte i tornelli di entrata che portano direttamente al paddock e al Media Centre.

Come dire… lo stesso posto visto da due prospettive diverse…

#MarceloPadin #theEMNteam

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.