GM elettrica da 200 miglia con batterie Sakti3

Sarà la società di batterie Sakti3 la chiave di GM per l’elettrica da 200 miglia di autonomia al costo di 100 dollari per kWh entro la fine del decennio?

di John Voelcker

Fonte: GreenCarReports

 

29 settembre 2014. Secondo molte voci, ci sarà una Chevrolet Sonic EV tutta elettrica nel 2017 con la quale General Motors intende raggiungere un’autonomia di 200 miglia (322 km).

E una delle chiavi per raggiungere una tale autonomia da una vettura compatta sarà una batteria di più alta densità energetica rispetto a quelle utilizzati oggi.

Un contendente è chiaramente LG Chem, che ora fornisce le celle sia per l’auto elettrica ad autonomia estesa Chevy Volt e per la minicar elettrica Chevrolet Spark EV, una macchina di conformità venduta solo in alcuni stati americani.

Ma c’è un’altra azienda che potrebbe eventualmente fornire cellule per un lungo raggio delle auto elettriche di GM: la Sakti3, fondata nel 2008 dall’ex Professoressa d’Ingegneria dell’Università del Michigan Ann Marie Sastry.

E ‘una delle due società startup di batteria che hanno ricevuto investimenti da GM Ventures, braccio di venture capitale della società.

L’altra società, Envia, ha ricevuto più attenzione dei media, in gran parte perché è apparentemente riuscita a mantenere le sue promesse di una cella più economica con una maggiore densità di energia.

In realtà, Sakti3 ha avuto l’investimento da GM nel settembre 2010, un paio di mesi prima da Envia, che ha ricevuto il suo finanziamento nel gennaio 2011.

Ora Sakti3 sta iniziando ad emergere dalle ombre.

Vale la pena leggere il profilo della rivista Fortune di Sakti3 come una società, che approfondisce la chimica delle batterie e le sfide sostanziali che deve affrontare ancora.

Il nome dell’azienda deriva dalla parola “sakti”, che significa potere in sanscrito, più il numero atomico dell’elemento litio, che è il 3

Nel mese di agosto, Sastry ha detto che la società era vicina al raddoppio della densità di energia della chimiche al litio attuale, ad appena un quinto del loro costo.

Con questa premesse, la società ha suggerito la possibilità di portare ad un costo batteria di appena $ 100 per kilowatt-ora, entro la fine del decennio in corso.

Questa prospettiva è meno della metà del costo previsto da Frost & Sullivan, tra gli altri analisti del settore.

Tale prezzo renderebbe le auto elettriche con batterie da 50 a 100 kWh enormemente più conveniente.

Questo sviluppo sarebbe arrivato proprio quando la lotta per il risparmio di carburante si fa più dura e le regole delle emissioni di carbonio in Nord America, Europa e Asia saranno molto più severe con il conseguente aumento del costo e la complessità dei veicoli a benzina e diesel.

Per il momento GM non parla ufficialmente e commenterà solo i passi dei suoi fornitori di batterie per quanto riguarda i prodotti futuri quando saranno pronti.

Sakti3 deve ancora affrontare enormi sfide, la più grande delle quali è “il costo di produzione ed il rendimento che dovrebbe avere”, secondo Kevin See, un analista di Lux Research citato da Fortune.

“E ‘bello fare la prova di una piccola batteria in laboratorio” ha detto See, “ma fare batterie più grandi e farle in serie non è una cosa banale”.

Ma Sakti3 sembra puntare a quello e probabilmente riceverà molta più attenzione in futuro di quanto non abbia avuto finora.

Foto:

Ann Marie Sastry, CEO della start-up produttrice di celle agli ioni di litio Sakti3

 

no images were found


Be the first to comment

Leave a Reply

Your email address will not be published.


*


This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.