E’ arrivata l’auto elettrica anfibio

Electric Concept Car dal Giappone, che galleggia come una barca in caso di emergenza

da Stephen Edelstein

Fonte: GreenCarReports

 

 

6 aprile 2014. Ci sono auto elettriche e anche (poche) auto anfibie, ma auto anfibie elettriche?

A seguito del terremoto del 2011 e lo tsunami che ha devastato il Giappone, ci sono stati alcuni tentativi di utilizzare auto elettriche per l’alimentazione di emergenza – ma ora questo nuovo concetto si sviluppa con un ulteriore stato di cose.

Il Fomm Concept One (via Inhabitat) è una macchina elettrica che galleggia come una barca in caso di emergenza.

Con sede in Giappone, Fomm ritiene che questa stramba vettura elettrica potrebbe essere utile nelle zone soggette a inondazioni quali il Sud-Est asiatico, dove potrebbe teoricamente permettere la gente di mobilizzarsi durante i disastri naturali.

In situazioni di non-disastro, la Concept One è azionata da due motori elettrici nelle ruote, che producono 5 chilowatt (6,7 cavalli ciascuno) .

L’autonomia stimata da una singola carica è di 62 miglia (circa 100 km), anche se con un totale di 15 cavalli di potenza possiamo scommettere che non si possa andare molto velocemente.

Eppure il Concept One può anche utilizzare un generatore a getto d’acqua per manovrare nel terreno allagato, mentre i suoi pneumatici aiutano a tenerlo a galla .

Tuttavia, l’uso anfibio della vettura è solo per le emergenze. Non è stata progettata per andare regolarmente sull’acqua e bisogna effettuare delle riparazioni significative dopo ogni nuotata.

La Concept One pesa appena 1014 libbre ed è lunga poco più di 8,2 piedi – sei pollici più corta rispetto la Smart ForTwo Electric Drive.

Tuttavia Fomm sostiene che la sua creazione può ospitare quattro persone, con accesso al sedile posteriore attraverso delle porte scorrevoli del tipo minivan.

L’interno è abbastanza semplice. Gli indicatori sono contenuti in un unico contenitore sul cruscotto ed un joystick con comandi manuali per acceleratore e freno sostituiscono il tradizionale volante ed i pedali.

Il Presidente di Fomm, Hideo Tsurumaki, dice che la sua città natale è particolarmente vulnerabile agli tsunami, quindi specifica così l’idea di questo insolito Concept One.

Alcune auto elettriche sono sopravvissute allo tsunami del 2011, anche se non sono state progettate per galleggiare .

Circa due dozzine di Nissan LEAF sono state recuperate, e il successivo test ha rivelato che le batterie non sono state danneggiate.

Ci sono stati anche alcuni tentativi di uso delle batterie delle auto elettriche come riserva nel caso di nuovi tsunami.

La minicar elettrica Mitsubishi ‘i’ ha debuttato nel 2012 con un accessorio che ha permesso i proprietari in Giappone di fornire energia per gli elettrodomestici dal sua batteria, mentre Nissan ha creato un proprio sistema domestico di energia per la Leaf.

 

no images were found


Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.