Motor Valley Accelerator, il primo acceleratore italiano dedicato al settore automotive

Motor Valley Accelerator

A Modena, nel cuore della Motor Valley, nasce il primo acceleratore italiano dedicato al settore automotive, fondato da CRIT e Plug and Play.

CRIT è un broker tecnologico modenese con un’esperienza ventennale nella ricerca, analisi e condivisione di tecnologie per il settore industriale, tra cui il mondo dell’auto; mentre Plug and Play è la più grande piattaforma di Open Innovation al mondo, con oltre 1400 startup accelerate solo nel 2019 e 400 aziende partner in 16 paesi, tra cui l’Italia dal 2019. 

L’obiettivo dell’iniziativa è quello di aiutare l’Italia a giocare un ruolo da protagonista in una fase di grandi transizioni nella mobilità, dal motore elettrico e la sostenibilità in senso lato alla connettività e la guida autonoma.

I migliori founders italiani riceveranno il supporto e i capitali necessari per portare le proprie startups a competere a livello internazionale. Le startup avranno accesso ad un percorso di accelerazione di 6 mesi, al termine del quale le migliori potranno ricevere un ulteriore investimento da parte del Fondo Acceleratori di Cassa Depositi e Prestiti, la Fondazione di Modena, UniCredit e la stessa Plug and Play Italy. 

Le scale-up internazionali seguiranno, invece, il tradizionale percorso di Open Innovation volto allo sviluppo di progetti pilota e all’integrazione nelle strategie operative delle aziende.

Siamo orgogliosi di essere stati scelti da CDP, Fondazione di Modena e Unicredit per gestire questo importante programma nazionale dedicato alla mobilità – dichiara Marco Baracchi, Direttore Generale del CRIT. Penso che la nostra conoscenza tecnologica e la nostra propensione ad applicazioni concrete dovuta all’abitudine a lavorare con il mondo industriale possano essere di grande valore per questa iniziativa. Abbiamo poi scelto come partner Plug and Play Italy perché ci sono sembrati i più adatti a supportarci, in quanto leader mondiali nell’Open Innovation e con una esperienza specifica di successo con le start-up automotive sviluppata in altri acceleratori internazionali, come Startup Autobahn a Stoccarda.

Siamo contenti di lanciare un quarto programma di Open Innovation appena un anno e mezzo dal nostro arrivo in Italia, segnale che il nostro ecosistema sta davvero provando ad accelerare – commenta Andrea Zorzetto, Managing Partner di Plug and Play Italy. Per la prima volta avremo una parte dedicata alle startups italiane dove andremo ad investire direttamente insieme a CDP, Fondazione di Modena, e UniCredit, nostro partner dall’inizio dell’avventura italiana. Per noi è strategico lavorare con CRIT, player unico sul panorama nazionale per le proprie competenze e rapporti con il settore automotive –  porteremo nella terra dei motori la mentalità della Silicon Valley.

I protagonisti

CRIT, broker tecnologico con sede a Vignola (MO) a servizio dell’Open Innovation attivo da 20 anni e con soci quali Alstom, Beghelli, CNHi, Datalogic, Ferrari Spa etc, realizza Scouting Tecnologici e organizza scambi di best practices e benchmarking specifici da cui scaturiscono soluzioni tecniche, gestionali ed organizzative.  CRIT inoltre partecipa a importanti circuiti nazionali e internazionali dell’innovazione, tra cui EFFRA (European Factories of the Future Research Association), SPIRE (Sustainable Process Industry through Resource and Energy Efficiency) e la Rete Alta Tecnologia dell’Emilia-Romagna.

Plug and Play è la più grande piattaforma di Open Innovation al mondo con 1450 startups accelerate in 30 città diverse solo nel 2019 e oltre 400 partner. Negli ultimi tre anni, ha investito in media $30M, e continua a fare più di 250 investimenti ogni anno. Alcuni degli investimenti di successo includono Dropbox, Paypal, N26, SoundHound e Lending Club. Plug and Play Italy ha aperto ad Aprile 2019 a Milano con un’iniziale focus nel settore Food, insieme a Esselunga, Lavazza, Tetra Pak, per poi aggiungere un verticale Fintech con Nexi, Ubi Banca ed UniCredit ed un verticale Sustainability con Buzzi Unicem e A2A.

Fonte: Motor Valley Accelerator

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.