Il Bio-DME come carburante per veicoli

Un promettente futuro per il Bio-DME come carburante per veicoli

21 marzo 2012. Il progetto Bio-DME mira a valutare se vi sia un mercato per il Bio-DME (Di-Metil-Etere) per i veicoli commerciali. Ora, a metà strada del progetto biennale, i risultati preliminari mostrano che il Bio-DME funziona già nelle operazioni commerciali quotidiane. Se il carburante diesel dovesse essere sostituito da Bio-DME, le emissioni di CO2 potrebbero essere ridotte di un massiccio 95 per cento.

Insieme con un numero di partner tra cui Chemrec, produttore di Bio-DME, e la catena di distributori di carburante Preem, Volvo ha sviluppato un sistema di trasporti che comprende l’intera catena di distribuzione del Bio-DME dalla produzione al funzionamento in camion Volvo in un certo numero di imprese di autotrasporto.
Dieci camion Volvo Bio-DME sono in funzione regolarmente a partire dall’autunno scorso e, arrivati alla metà del progetto, i risultati superano le aspettative. Poco fa, il primo dei dieci camion hanno sfondato la barriera di 100 mila chilometri e oggi tutti i camion insieme hanno coperto oltre 400.000 chilometri.

“Questa è la prima volta che il Bio-DME viene utilizzato come carburante per veicoli su larga scala e, dopo la prima valutazione del test sul campo, possiamo vedere che i camion alimentati a Bio-DME funzionno molto bene sulla strada, superando le nostre aspettative. La tecnologia è affidabile e l’intero processo è caratterizzato da efficienza energetica, dalla produzione e distribuzione fino agli stessi veicoli “, afferma Per Salomonsson, manager di Volvo del progetto Carburanti Alternativi.

PostNord e DHL sono due delle imprese di autotrasporto che partecipano al progetto. Entrambe mirano a ridurre drasticamente le loro emissioni di CO2 entro il 2020 e per entrambe queste società la loro partecipazione alla prova sul campo è stata una mossa naturale.

“I nostri autisti sono molto soddisfatti. Essi riferiscono che usare il Bio-DME è facile come andare a gasolio convenzionale. Si tratta di una tecnologia completamente nuova, ma abbiamo comunque avuto pochi problemi tecnici e, per di più, i camion vanno molto più silenziosamente con il Bio-DME nel serbatoio”, afferma Henrik Boding, Manager ambientale per il settore logistica a PostNord.

“Dal momento che il 98 per cento delle nostre emissioni di anidride carbonica provengono da trasporto su camion, vediamo un notevole potenziale in termini di efficienza di anidride carbonica nel Bio-DME,” afferma Ulf Hammarberg, Environmental Affairs Manager, DHL.

Preem ha ora posizionato quattro stazioni di rifornimento in Svezia (Stoccolma, Göteborg, Jönköping e Piteå) per garantire che i camion possano essere riforniti per le normali operazioni commerciali.
Il biocarburante in questo progetto è realizzato dal black liquor – un sottoprodotto della produzione della polpa di carta – presso l’impianto di gassificazione Chemrec in Piteå. Il sistema di produzione funziona bene e la possibilità di erogazione del carburante su larga scala dipende in misura considerevole dagli incentivi per carburanti rinnovabili.

“Il Bio-DME può essere fatto anche da altre materie prime rinnovabili, ma riteniamo che questo sia un carburante per autotrazione, con un grande futuro. Abbiamo sviluppato una tecnologia che permette di utilizzare il combustibile in operazioni commerciali. La più grande sfida per il futuro è quella di stabilire un mercato e una infrastruttura per un nuovo tipo di carburante e questo richiede investimenti. Qui i politici hanno un ruolo importante da svolgere nel creare le precondizioni essenziali prendendo decisioni a lungo termine e sviluppando incentivi”, afferma Per Salomonsson.

La prova sul campo proseguirà fino alla fine del 2012, seguita da una valutazione che tracci le possibilità di un futuro mercato per il Bio-DME.

4 Commenti

      • Buongiorno… domanda interessante!! Ho inoltrato la sua domanda a Volvo Italia, sicuramente loro saranno in grado di rispondere in modo esauriente.
        Cordiali saluti

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.