Tacita completa la NonStop24 in cinque regioni

Tacita completa la NonStop24 in cinque regioni

19 giu, 2015

Tacita ha corso alla : in un giorno 650 km su cinque regioni, 280 comuni

Diabolika LongRange unica moto elettrica al via

Alimentata solo a corrente la naked made in Italy ha superato con successo la maratona motociclistica. E a inizio settembre correrà alla mitica “Hard Alpi Tour”.

Fonte:  Tacita

 

Torino, Italia. 18 Giugno 2015. Il 6 giugno scorso la Diabolika LongRange di Tacita – unica moto con propulsore elettrico al via – è giunta al traguardo della prima NonStop24.

L’Endurance Motociclistica ha impegnato oltre 100 moto su un percorso di 650 km nella natura incontaminata. Nell’arco di 24 ore i piloti hanno attraversato cinque regioni e 280 comuni, attraverso un percorso che si è snodato su strade secondarie con partenza da Piacenza attraversando gli Appennini tra Emilia, Lombardia, Liguria e Piemonte.

In sella alla moto elettrica italiana Gianni “John” Pogliano di Electric Performance, distributore ufficiale per l’Italia di Tacita, l’azienda italiana guidata da produttrice di moto elettriche da off road e naked stradali.

L’unica moto con propulsore elettrico al via, la Diabolika LongRange di Tacita, ha raccolto la sfida della lunga notte NonStop24 e tra le tourer di grossa cilindrata, Diabolika si è distinta per l’affidabilità, il piacere di guida e ovviamente per la sua silenziosità. Tutte queste caratteristiche sono perfettamente in linea con la filosofia della manifestazione e la presenza della moto elettrica italiana ha suscitato ammirazione e consensi nei vari check point lungo il percorso.

“Il nostro obiettivo – ha spiegato Pierpaolo Rigo, Presidente e Fondatore di Tacita – era dimostrare che una moto elettrica può percorrere senza difficoltà itinerari lunghi, viaggiando al ritmo delle moto tradizionali.

Una manifestazione di endurance simile a una GranFondo richiede un’elevata affidabilità del mezzo. La propulsione elettrica consente di compiere molti chilometri, mentre la fluidità di erogazione permette di mantenere una guida costante, senza affaticare troppo il pilota. La silenziosità, inoltre, ha rappresentato un plus apprezzatissimo durante questa lunga maratona motociclistica, perché ci ha permesso di attraversare i centri urbani anche nelle ore notturne senza arrecare alcun disturbo”.

La partecipazione alla NonStop24 non ha richiesto nessun tipo di preparazione particolare del mezzo, salvo un GPS con i waypoint per seguire il percorso.

“Non si trattava di una gara contro il cronometro, quanto di una vera e propria prova di resistenza“, ha commentato , distributore per l’Italia delle moto Tacita, schierato alla partenza di questa grande Maratona Motoristica. “Non ho incontrato particolari difficoltà, anzi, è possibile partecipare a questo tipo di manifestazioni senza il bisogno di dover ricorrere all’assistenza. Basta organizzarsi per conoscere i punti di ricarica da usare lungo l’itinerario. Basta una normale presa di corrente da 220V da muro. La sosta è generalmente di circa 70 minuti, giusto il tempo per pranzare o riposarsi. In una maratona come questa non contano tanto le velocità di punta, quanto la capacità di mantenere una buona media senza commettere errori di navigazione. Anche l’attenzione è stata sempre alta, sia per il traffico locale, a volte imprevedibile, sia per la presenza di animali selvatici, soprattutto nelle ore notturne.

Ho trovato particolarmente affascinante la parte notturna, dopo la partenza dal Monte Penna intorno all’una di notte. Viaggiavo in solitudine ma in alcuni punti ho raggiunto dei gruppi di motociclisti che viaggiavano in fila indiana. Percorrendo insieme le vallate che collegavano Monte Penna a Torriglia ci siamo goduti una strada meravigliosa con una sequenza di curve con altimetrie in cambio continuo. In alcuni punti mi sono divertito a raggiungere, riconoscendo le luci nei tornanti in lontananza, le altre moto che erano partite prima di me. Questi 200 Km di guida notturna, giocati alla pari con le grosse BMW e KTM, sono stati entusiasmanti grazie all’erogazione spettacolare del motore elettrico della mia Tacita Diabolika che ha sempre risposto alle mie richieste di potenza” – ha concluso Gianni Pogliano.

 

Le prossime sfide di Tacita

Le prossime sfide sono previste a settembre l’Hard Alpi Tour e a ottobre la Transitalia Marathon.

Archiviata con successo questa importante prova di durata Tacita si cimenterà a inizio settembre nella mitica “Hard Alpi Tour”.

Alla sua seconda partecipazione, l’enduro elettrico 100% made in Italy si sfiderà nella versione Extreme, la più lunga, riservata a pochi equipaggi di provata esperienza.

A Ottobre Tacita sarà alla “TRANSITALIA Marathon”, con partenza da Rimini e percorso offroad con roadbook, di durata quattro giorni.

Il mese prossimo, invece, dal 16 al 19 luglio, Tacita sarà al Salone del Veicolo Elettrico in Val d’Isère nelle Alpi Francesi.


Share and Enjoy

  • Google Plus
  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon

TAGS: gianni pogliano macvolt nonstop24 Pierpaolo Rigo tacita diabolika longrange

Lascia una risposta

 
Pinterest