Volvo V60 ibrida: diesel + elettricità rinnovabile

volvo_v60_plug-in_hybrid_01

18 ott, 2011

Volvo Car Corporation comincerà a vendere la Volvo V60 Ibrida Plug-in nel 2012

Fonte: Volvo

All’inizio del 2011, Volvo Car Corporation ha presentato la V60 Ibrida Plug-in – una vettura praticamente pronta per la produzione con emissioni di anidride carbonica inferiori a 50 g / km. La Plug-in Hybrid, che sarà lanciata sul mercato nel 2012, è il risultato della stretta collaborazione tra Volvo Car Corporation e , fornitore svedese di energia.

“Nessuna industria o organizzazione può affrontare la sfida climatica da sola. La nostra missione è di sviluppare auto a basse emissioni di anidride carbonica, ma è la società che è responsabile della creazione di un futuro sostenibile. Questo progetto dimostra come la cooperazione tra esperti in diverse aree ci avvicina al passaggio dalla singolo prodotto a basse emissioni ad uno stile di vita più attento al clima”, spiega , Presidente e CEO di Volvo Car Corporation.

Nel gennaio 2007, Volvo Car Corporation e Vattenfall AB hanno lanciato una partnership industriale il cui scopo era quello di testare e sviluppare la tecnologia plug-in. Questa iniziativa transfrontaliera ha portato alla fondazione di una società di proprietà comune – V2 Plug-in-Hybrid Vehicle Partnership HB.

La metà delle emissioni di CO2, piacere di guida completa
Il lavoro di sviluppo è stato finanziato congiuntamente. Ora il progetto è sul punto di introdurre la prima plug-in del mercato ibrido. E’ un tipo di auto affascinante che offre all’utente l’accesso alle proprietà migliori sia di un’auto elettrica che di un veicolo alimentato a : consumi e livelli di CO2 molto bassi, insieme a lungo raggio e prestazioni elevate.

“Un aspetto importante del progetto era quello di conservare il piacere di guida eccellente della V60 Volvo, l’elevato standard di sicurezza e comfort di lusso. Al tempo stesso, le emissioni medie di CO2 e il consumo di carburante sarà dimezzato rispetto a quanto disponibile oggi sul mercato”, dice Stefan Jacoby, e aggiunge: “Stiamo facendo un passo avanti verso il nostro ‘DRIVe Towards Zero’ obiettivo, vale a dire la ricerca di zero emissioni. Infatti, quando il V60 Ibrida Plug-in è gestito esclusivamente da energia elettrica e ricaricata mediante energia rinnovabile, noi abbiamo già raggiunto questo obiettivo”.

Costi del carburante più bassi
Quando alimentata esclusivamente da energia elettrica, la V60 Ibrida Plug-in ha una portata massima di 50 chilometri. L’autonomia di funzionamento totale della vettura è fino a 1200 km.
Le emissioni di anidride carbonica saranno in media di 49 grammi per chilometro (ciclo di marcia europeo di certificazione del ciclo di guida combinato UE) e il consumo di carburante di 1,9 litri per 100 km.

Il costo del pacco batterie significa che la plug-in ibrida sarà più costosa da acquistare di una Volvo V60 con motore a combustione convenzionale. D’altra parte, i costi di carburante saranno ridotti a un terzo rispetto ad un motore a combustione convenzionale. Il costo di esercizio in elettricità in Svezia è stato calcolato a circa 25 corone (3 Euro) per 100 km. Il costo esatto varierà da un mercato all’altro.
La V 60 Ibrida Plug-in può essere ricaricata tramite una normale presa elettrica domestica a casa o quando parcheggiata da qualche altra parte. Il tempo di ricarica è di circa cinque ore, se la vettura è ricaricata a casa.

Energia elettrica offre una serie di vantaggi
L’elettrificazione del settore dei trasporti è un passo importante nella lotta contro il cambiamento climatico. L’elettricità è un combustibile altamente benefico:

  • Un motore elettrico è quasi quattro volte più efficiente di un motore a combustione regolare. Ciò significa che una vettura ad alimentazione elettrica consuma meno energia e quindi produce meno emissioni, anche se è alimentato da una miscela di fonti di energia elettrica che includono i combustibili fossili.
  • La produzione di energia elettrica europea ha un limite di emissione. Ciò significa che anche se tutti i veicoli fossero alimentati con l’elettricità, la produzione di energia elettrica di per sé non è autorizzata a produrre più anidride carbonica. Questo limite di emissione sarà gradualmente abbassato nel corso del tempo.
  • L’elettricità è una fonte eccellente di energia. Non abbiamo rischio di esaurimento e può essere prodotta virtualmente senza emissioni di CO2. Per esempio, Vattenfall sta lavorando per dimezzare le emissioni dell’azienda entro il 2030 e diventare clima-neutrale entro il 2050.
  • Le emissioni da milioni di terminali di scarico vengono trasferite a un piccolo numero di impianti di produzione, che sono più facili da controllare e che opereranno sulla base degli scambi dell’UE in diritti di emissione, cosa che non si applica al settore dei trasporti in questo momento.
  • I veicoli elettrici utilizzano relativamente poca energia elettrica e l’aumento del consumo sarà più che coperto dagli ambiziosi progetti di espansione delle fonti energetiche rinnovabili in tutta Europa. Una sola stazione eolica, ad esempio, produce energia rinnovabile sufficiente per alimentare 3.000 auto elettriche. Vattenfall offrirà agli acquirenti della Volvo V60 Ibrida Plug-in un contratto che comprende l’elettricità da fonti rinnovabili.

La rapida espansione della produzione di elettricità da fonti rinnovabili
La produzione di elettricità è in fase di rapida espansione. L’eolico è stato introdotto in commercio su larga scala e continua ad espandersi, i biocarburanti sostituiranno in buona parte i combustibili fossili, l’energia prodotta dal moto ondoso dovrebbe entrare in esercizio commerciale nel giro di dieci anni e una nuova tecnologia per pulire le emissioni di CO2 da centrali elettriche alimentate a carbone è attualmente in fase di sviluppo.

Alla Volvo Car Corporation, il lavoro sulla V60 Plug-in Hybrid procede in parallelo con lo sviluppo della Volvo C30 Electric, che corre interamente con energia elettrica.

“Questi due tipi di auto si completano a vicenda. Con una ibrida plug-in il conducente è completamente indipendente dalle stazioni di ricarica durante la guida su lunghe distanze. Il futuro elettrico per il mercato sarà caratterizzato da una miscela di entrambi all-electric e ibridi plug-in, “afferma Stefan Jacoby.

La terza via nella strategia di elettrificazione di Volvo Car Corporation è portare sul mercato la prossima generazione di motori con tecnologia ibrida.

Share and Enjoy

  • Google Plus
  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon

TAGS: diesel diesel ibrido stefan jacoby vattenfall volvo v60 plug in hybrid

Lascia una risposta

 
Pinterest