Volvo prova la tecnologia del volano

Volvo prova la tecnologia del volano

29 mag, 2011

Volvo Car Corporation prove la tecnologia del

- il consumo di carburante ridotto fino al 20 percento

Fonte: Volvo Car Corporation

26 maggio 2011. Lo spiraglio di una soluzione a basso costo e molto eco efficiente che rende un motore a quattro cilindri simile ad uno di sei ed al tempo stesso il consumo di carburante scende fino al 20 per cento.

Quest’autunno, Volvo Car Corporation sarà una delle prime case automobilistiche al mondo a testare le potenzialità della tecnologia , ovvero il volano, sulle strade pubbliche. La società ha ricevuto una sovvenzione di 6,57 milioni di corone dall’Agenzia Svedese per Energia per lo sviluppo della tecnologia di prossima generazione per il recupero dell’energia cinetica in frenata, in un progetto congiunto con Volvo Powertrain ed SKF.

“Il nostro obiettivo è quello di sviluppare un sistema completo per il recupero dell’energia cinetica. Il test in una vettura Volvo prenderà il via nella seconda metà del 2011. Questa tecnologia ha il potenziale per ridurre il consumo di carburante fino al 20 per cento. Inoltre, offre al conducente una spinta di cavalli supplementari, dando una accelerazione del motore a quattro cilindri come una unità di sei cilindri “, racconta , Vice Presidente VCC Powertrain Engineering.

 

60.000 giri al minuto

Il nuovo sistema, noto come volano (), è montato sull’asse posteriore. Durante il ritardo, l’energia di frenata fa girare il volano fino a 60.000 giri al minuto. Quando la vettura inizia a muoversi di nuovo, la rotazione del volano viene trasferita alle ruote posteriori tramite un cambio appositamente progettato.
Il motore a combustione che aziona le ruote anteriori si spegne non appena inizia la frenata. L’energia nel volano può essere utilizzata sia per accelerare il veicolo quando è il momento di iniziare la marcia che per alimentare il veicolo una volta che raggiunge velocità di crociera.

“L’energia immagazzinata dal volano è sufficiente per alimentare l’auto per brevi periodi. Tuttavia, questo ha un impatto importante sul consumo di carburante. I nostri calcoli indicano che il motore a combustione sarà in grado di essere spento circa la metà del tempo quando si guida secondo i parametri ufficiali del Nuovo Ciclo di Guida Europeo “, spiega Derek Crabb.

Dal momento che il volano è attivato nella frenata e la durata del deposito di energia – vale a dire il lasso di tempo durante il quale il volano ruota – è limitata, la tecnologia è al massimo della sua efficacia durante la guida con ripetute fermate e partenze. In altre parole, il risparmio di carburante sarà maggiore quando si guida nel traffico urbano, così come durante la guida attiva.

Se l’energia del volano è combinata con la piena capacità del motore a combustione, esso darà alla vettura una spinta di 80 cavalli in più, e grazie alla coppia disponibile, questo si traduce in una rapida accelerazione, in modo particolare nella fascia da 0 a 100 km/h.

In fibra di carbonio per una soluzione leggera e compatta

Il volano di assistenza alla propulsione è stato testato in una Volvo 240 già nel 1980, e volani in acciaio sono stati valutati da vari produttori negli ultimi tempi. Tuttavia, dato che una unità di acciaio è grande e pesante ed ha piuttosto limitata capacità di rotazione, questa non è una valida alternativa.

Il volano che Volvo Car Corporation utilizzerà nella sua macchina di prova è in fibra di carbonio. Pesa circa sei chilogrammi e ha un diametro di 20 centimetri. La ruota in fibra di carbonio gira a vuoto in modo di ridurre al minimo le perdite per attrito.

“Noi non siamo il primo produttore a testare la tecnologia del volano. Ma nessun altro l’ha applicata all’assale posteriore di una vettura dotata di un motore a combustione con trazione sulle ruote anteriori. Se i test e lo sviluppo tecnologico andranno come previsto, ci aspettiamo che le automobili con la tecnologia del volano possano raggiungere gli showroom entro pochi anni”, afferma Derek Crabb. Concludendo: “La tecnologia volano è relativamente a buon mercato e può essere utilizzata in un volume molto più ampio delle nostre vetture al top della tecnologia in produzione, come l’ibrida plug-in. Questo vuol dire che ha le potenzialità per svolgere un ruolo importante nella nostra strategia di riduzione del CO2 con il programma DRIVe Towards Zero “.

 

Share and Enjoy

  • Google Plus
  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon

TAGS: Derek Crabb flywheel kers kinetic energy recovery system volano

Lascia una risposta

 
Pinterest