Guida autonoma Volvo già sulle strade

Guida autonoma Volvo già sulle strade

21 feb, 2015

Volvo Cars presenta una soluzione unica per integrare le auto con nel traffico normale

Fonte: Volvo Cars

 

Gotheborg, Svezia. 19 Febbraio 2015. Volvo Cars presenta una soluzione esclusiva e completa che consente di integrare le automobili con guida autonoma nel traffico reale – con persone comuni sedute al posto di guida.

“Ci stiamo addentrando in un territorio inesplorato nell’ambito della guida autonoma,” ha commentato , Senior Vice President Ricerca & Sviluppo di Volvo Car Group. “Nessuno ha mai compiuto prima questo emozionante passo, ovvero condurre un esperimento pilota in condizioni reali, con l’ambizione di permettere a persone comuni di sedersi al posto di guida nel normale traffico della rete stradale pubblica.”

Il progetto entra nel suo secondo anno di vita e Volvo Cars si sta avvicinando rapidamente all’obiettivo di affidare 100 vetture con guida autonoma a clienti che le guideranno su una serie di strade selezionate nell’area di Goteborg entro il 2017. Il fattore fondamentale che ha consentito questo passo avanti è una complessa rete di sensori, sistemi di posizionamento basati sul cloud e tecnologie intelligenti di frenata e controllo dello sterzo.

“La guida autonoma cambierà radicalmente il nostro modo di considerare la guida. In futuro, si potrà scegliere fra guida autonoma e guida attiva,” spiega Mertens. “Ciò trasformerà gli spostamenti quotidiani per motivi di lavoro da tempo sprecato in tempo guadagnato, che potrà essere impiegato per svolgere altre attività lavorative e non.”

 

Affidabile e robusto

Il sistema di Volvo Cars è stato progettato per essere sufficientemente affidabile da consentire all’automobile di gestire qualunque aspetto della guida in modalità autonoma. La sfida principale è la realizzazione di un abbastanza robusto da gestire tutti gli scenari di traffico e gli eventuali problemi tecnici che possono presentarsi. Non ci si può aspettare che il guidatore sia sempre pronto a intervenire tempestivamente in una situazione critica. Inizialmente, le vetture guideranno in modalità autonoma su una serie di strade selezionate caratterizzate da condizioni idonee, ad esempio senza traffico in senso opposto, ciclisti e pedoni.

“Rendere questo complesso sistema affidabile al 99% non è sufficiente. E’ necessario arrivare molto più vicino al 100% prima di poter consentire alle automobili con guida autonoma di mischiarsi con gli altri utenti della strada,” spiega , Tecnico Specialista di Volvo Cars. “Qui l’approccio è simile a quello adottato nell’industria aeronautica. Vi sono sistemi di backup che garantiscono che l’Autopilot continui a funzionare correttamente, anche nel caso in cui un elemento del sistema risulti disattivato.”

 

In grado di gestire gli scenari complessi

Sulla strada, questa soluzione tecnologica completa riuscirà a gestire gli scenari più complessi, dai tranquilli flussi di pendolari al traffico intenso e alle situazioni di emergenza.

“Proprio come farebbe un automobilista esperto, le situazioni potenzialmente critiche vengono affrontate con ragionevole cautela. In caso di reale emergenza, tuttavia, l’auto reagisce più velocemente della maggior parte degli esseri umani,” aggiunge Erik Coelingh.

Quando la guida autonoma non è più disponibile – a causa di condizioni atmosferiche eccezionali o di un malfunzionamento tecnico o se si è arrivati al termine del percorso – al guidatore viene chiesto di subentrare di nuovo. Se il guidatore non interviene entro un determinato lasso di tempo, l’auto cercherà un punto sicuro per fermarsi.

“Lo sviluppo di una soluzione tecnologica completa per le automobili con guida autonoma rappresenta un importantissimo passo avanti. Una volta avviato, il progetto pilota ci fornirà informazioni preziose sull’introduzione delle vetture con guida autonoma nel contesto di traffico reale e ci aiuterà a capire come queste possono contribuire a una mobilità sostenibile,” conclude Erik Coelingh.

 


Share and Enjoy

  • Google Plus
  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon

TAGS: autopilot drive me Erik Coelingh guida autonoma Peter Mertens

Lascia una risposta

 
Pinterest