Concluso il progetto Una Tonnellata di Vita

Concluso il progetto Una Tonnellata di Vita

14 giu, 2011

Impressionante conclusione del progetto “Una tonnellata di vita”

La famiglia diminuisce le emissioni di 1,5 tonnellate di anidride carbonica per persona all’anno

Fonte: Volvo Car Corporation

. Svezia. 13 Giugno 2011. Il Ministro per gli Affari Ambientali svedese ha ufficialmente chiuso oggi il progetto “Una tonnellata di vita” a appena fuori .

In un periodo di sei mesi, la famiglia Lindell ha vissuto in modo sostenibile con tutta la loro attenzione puntata alla riduzione delle loro emissioni dal normale 7,3 tonnellate di anidride carbonica l’anno alla cifra minima di appena una tonnellata.

A seguito di un impressionante sprint finale, la famiglia Lindells ha raggiunto la cifra di 1,5 tonnellate. Questo significa che la famiglia è riuscita a ridurre le loro emissioni di quasi il 80 per cento rispetto all’inizio di gennaio.

Quando Andreas Carlgren ha spento il sistema di monitoraggio Vattenfall Smart Energy di controllo della casa del progetto “Una tonnellata di vita”, ha segnato la fine del processo rivoluzionario dalla famiglia Lindell (Nils padre, madre Alicja e figli Hannah e Jonathan) di ridurre le emissioni di biossido di carbonio a una tonnellata pro capite all’anno. Ciò corrisponde al livello che probabilmente sarà necessario al fine di evitare gravi cambiamenti climatici.

La riduzione dell’80 per cento ottenuta dalla famiglia dimostra che il clima obiettivo del governo di una riduzione del 40 per cento delle emissioni di anidride carbonica svedese per il 2020 è già alla portata di una famiglia media utilizzando i migliori know-how e tecnologia attualmente a disposizione.

“Per scendere fino a 2,5 tonnellate, non abbiamo dovuto scendere a compromessi importante nella nostra vita quotidiana. Dopo di che, però, le cose sono diventate più severe. Vivere a livello di 1,5 tonnellate è stata un’esperienza estrema per noi”, commenta Alicja Lindell.

“One Tonne Life” è un progetto nel quale A-Hus, Vattenfall e Volvo Car Corporation, insieme con i partner ICA e Siemens, hanno creato i presupposti necessari per la vita sostenibile di un nucleo familiare.

In un periodo di sei mesi, i Lindells sono passati dalla loro villa normale nella villa del 1970 e le auto da dieci anni, ad una casa completamente nuova, climaticamente intelligente in legno da A-Hus e una Volvo C30 Electric. Vattenfall ha fornito l’elettricità da fonti rinnovabili, le nuove tecnologie energetiche e l’energia. ICA e Siemens sono partner del progetto nei settori degli apparecchi e dei prodotti alimentari per la casa.

Maggiore riduzioni nel consumo di trasporto e di energia elettrica

I trasporti e il consumo di energia elettrica sono le aree dove la famiglia ha compiuto i maggiori progressi.
Le emissioni dovute ai trasporti sono diminuite di oltre il 90 per cento, anche grazie al fatto che la Volvo C30 Electric di famiglia è stata ricaricata utilizzando elettricità prodotta da energia idroelettrica. La casa di famiglia, costruita da A-hus, produce la sua propria elettricità da idroelettrica e le emissioni di anidride carbonica da energia elettrica acquistata sono quasi zero. In tutto, le emissioni di biossido di carbonio dalla casa della famiglia sono state più che dimezzate.

Il cibo è la terza area in cui la famiglia ha compiuto progressi enormi. Da non gettar via cibo e scegliendo con saggezza, le emissioni sono state significativamente ridotte. Variando la scelta di carne e scegliendo di mangiare più verdure, chiunque può ridurre le emissioni di anidride carbonica dal cibo. Verso la fine del periodo di prova, i Lindells mangiavano solo piatti vegetariani, ed il consumo di latte è stato sostituito con la soia e le alternative a base di avena.

Ambizioso sprint finale – ma che pesante è lo “zainetto”

Al fine di ridurre le loro emissioni ancora di più, nella settimana finale di 1,5 tonnellate la famiglia ha scelto di ridurre le dimensioni della loro casa, chiudendo completamente una stanza e tutti i suoi servizi.

“Durante questo sprint finale abbiamo evitato la maggior parte del cibo che mangiamo di solito. Inoltre non vi era niente TV, niente shopping e non andare al bar o al ristorante. Ma con uno” zainetto” di 900 chilogrammi, ancora non è possibile raggiungere la tonnellata “, spiega Nils Lindell.

Questo “zaino” si compone di emissioni di anidride carbonica che si verificano quando i vari prodotti sono realizzati, come la casa di famiglia, i pannelli solari, le auto, i mobili ed i vestiti.

“Non siamo stati in grado di influenzare le emissioni provenienti dalla produzione. Ma siamo stati in grado di dimostrare che con il know-how e la motivazione, è possibile ottenere valori abbastanza vicini a una tonnellata. Non solo, è stato molto divertente e davvero un’avventura educativa “, conclude Nils Lindell.

 

Share and Enjoy

  • Google Plus
  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon

TAGS: Andreas Carlgren Hässelby Lindell Stoccolma

Lascia una risposta

 
Pinterest