Volkswagen chiama l’Europa a sostegno della mobilità elettrica

Volkswagen chiama l’Europa a sostegno della mobilità elettrica

29 gen, 2016

Auto elettrica – chiede una mobilitazione europea

di Michael Torregrossa

Fonte: Automobile Propre

 

26 gennaio 2016. Per il presidente della Volkswagen, la svolta della vettura elettrica non sarà possibile senza il sostegno dall’Europa e dagli Stati membri. Industriali e politici devono lavorare insieme per mettere in evidenza il settore!

“Non lasciate che l’auto del futuro si a aSilicon Valley!”.

Parlando al tradizionale ricevimento di Capodanno del produttore a Bruxelles, il Presidente del Gruppo Volkswagen, , ha chiesto una più stretta collaborazione fra industria ei responsabili politici per assicurare all’Europa “la leadership tecnologia “. Che sia nel settore dell’auto a guida autonoma o nell’auto elettrica, il costruttore ritiene che l’Europa debba “dare l’esempio in termini di infrastrutture e di un adeguato quadro legislativo”.

“Gli sforzi compiuti dalla nostra industria da sola non saranno sufficienti”, ha detto Matthias Müller, aggiungendo che “un vero e proprio passo avanti per la mobilità elettrica sarà raggiunto solo se le politiche, la società e le autorità lavoreranno insieme più da vicino.” Il Presidente del Gruppo Volkswagen ha in particolare preso ad esempio, la questione delle infrastrutture, anticipando i futuri standard di 150 kW su cui il produttore sta lavorando per la prossima generazione di veicoli elettrici. “La fiducia dei clienti nella mobilità elettrica aumenterà la presenza di infrastrutture visibile ed operativa”, ha detto.

L’attitudine moralizzatrice del produttore ha preso la mano dalla borsa di frode del dieselgate di solo un paio di mesi fa può fare sorridere, ma rivela infatti una realtà: le nuove problematiche richiedono un quadro di riferimento e politicamente sostenibile per avere una possibilità di emergere! Sia per gli aiuti per l’acquisto o la tassazione, le politiche per la diversità di business da parte degli Stati membri dell’UE tendono a rendere il mercato europeo particolarmente complesso da afferrare per i canali alternativi e ostacola gli investimenti industriali. Armonizzazione a livello europeo sarebbe l’ideale per impostare una linea politica chiara gli obiettivi per le energie alternative! Siamo purtroppo molto lontano, anche se alcune iniziative, come la direttiva AFI, stanno cercando di dare maggiore visibilità al tema.

20 modelli elettrici o ibridi ricaricabili entro il 2020

Nel suo discorso, il presidente della Volkswagen ha anche promesso che avrebbe posto la mira “più che mai” sullo sviluppo sostenibile, con la presentazione di una nuova strategia nel 2025 già da questa estate. L’obiettivo è quello di lanciare una ventina di modelli elettrici o ibridi ricaricabili entro il 2020.

“Utilizziamo la crisi attuale per riallineare radicalmente la struttura del Gruppo. Credo fermamente che ora abbiamo la possibilità di costruire nuove e migliori Volkswagen “, ha detto.

Il dito puntato all’NEDC

E perché il motore termico continuerà ad occupare un posto importante, Matthias Müller ha annunciato che controllerà i livelli di emissione dei suoi veicoli da organizzazioni indipendenti esterne al gruppo. Test casuali saranno inoltre effettuati in condizioni di guida reali.

Indicando l’attuale ciclo di calcolo delle emissioni di CO2, il presidente della Volkswagen ha anche detto che le differenze osservate tra le prove formali ed i valori effettivi di consumo sono ora “più accettabili”.

“Dobbiamo ripartire su nuove basi.”

.

Share and Enjoy

  • Google Plus
  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon

TAGS: Matthias Müller unione europea volkswagen

Lascia una risposta

 
Pinterest