Il microbus elettrico VW ID Buzz confermato per la produzione

Il microbus elettrico VW ID Buzz confermato per la produzione

4 lug, 2017

di John Voelcker
Fonte: GreenCarReports

30 Giugno 2017. Lavorando per reindirizzare l’attenzione dal suo scandalo delle emissioni diesel – presto per dimenticarlo negli Stati Uniti ma del quale ormai non è più sentito in Europa – il gruppo Volkswagen ha parlato molto dei suoi futuri piani di autoveicoli elettrici.
Lancerà tre veicoli elettrici ad alto volume su un’architettura comune nei prossimi cinque anni e ora ha mostrato i Concept di tutti e tre.
Ha confermato che costruirà il secondo e più iconico di quelli, il .
Svelato all’auto show di Detroit di gennaio, l’ID Buzz è un moderno Microbus VW, completamente elettrico, con motivi di design presi dal classica architettura di motore posteriore con ricarica di tipo 2, posizionamento del motore molto amata della controcultura degli anni Sessanta.
Al lancio del nuovo subcompact Volkswagen Polo dell’ultima settimana, il Chief del marchio Volkswagen ha detto alla rivista britannica Auto Express:

“Le emozioni sono molto importanti per il marchio: vendono ancora grossi Beetles, specialmente nei mercati statunitensi, ma avremo anche il Microbus che abbiamo mostrato e che abbiamo recentemente deciso di costruire”.

Il Buzz è quello che gli europei chiamerebbero un veicolo multiuso, o MPV, anche se i nordamericani probabilmente considererebbero un minibus, in grado di portare fino a sette persone.
Verrà costruito su una versione estesa della dedicata architettura elettrica MEB di Volkswagen e il Concept è stato mostrato con la trazione integrale fornita da un motore sull’asse anteriore e uno posteriore.
L’ID Buzz è stato il quarto nuovo Concept di Microbus che VW ha prodotto in 16 anni, che risale al New Microbus nel 2001 attraverso il Bulli nel 2011 al Concept elettrico di Budd-e dello scorso anno.
Ma il capo di disegno di Volkswagen, , ha dichiarato che la forma e le proporzioni dei disegni precedenti erano stati compromessi dalla necessità di accogliere un motore a combustione.
La flessibilità della messa a punto dell’automobile elettrica permette di alloggiare una sottile batteria sotto Il pavimento e di inserire i motori alla parte posteriore o uno davanti e dietro – con il risultato di avere una cabina passeggeri molto più grande che in una macchina con motore a combustione e trasmissione convenzionale.

“Ora,” ha detto Bischoff, “abbiamo le proporzioni giuste.”

E’ interessante notare che il membro di maggior volume della gamma VW della prossima serie di automobili Volkswagen ID elettriche, una berlina compatta da cinque porte dalle dimensioni della Golf, usato solo trazione posteriore.
Nel Salone di Detroit, le specifiche tecniche del Concept di ID Buzz prevedevano di avere una batteria agli ioni di litio da 110 kWh, un motore elettrico da 150 kW (200 cavalli) che alimenta ogni serie di ruote e una potenza totale di 275 kW (370 CV). Mentre i Concept di Volkswagen, in particolare l’ID Buzz, hanno guadagnato la loro quota di attenzione, il primo veicolo elettrico costruito sulla piattaforma MEB non arriverà sulle strade fino al 2019.

.

Share and Enjoy

  • Google Plus
  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon

TAGS: Herbert Diess Klaus Bischoff volkswagen id buzz vw id buzz

Pinterest