Dal Kenya al Sudafrica in auto elettrica

Dal Kenya al Sudafrica in auto elettrica

9 giu, 2012

4.800 KM in un veicolo elettrico, senza alcuna assistenza

Per la prima volta su strade e percorsi in Africa, tra il Kenya e Sud Africa

Una nuova sfida

Fonte: Venturi

Intraprendere un viaggio in Africa per la prima volta e senza alcuna assistenza in un veicolo elettrico, la ricarica delle batterie con l’energia pulita … Questa è la nuova sfida che Venturi affronta nei mesi di maggio e giugno 2012 su strade e sentieri in Kenya, Tanzania , Zambia, Zimbabwe, Botswana e Sud Africa, per un totale di 4.800 chilometri che rappresentano una favolosa avventura umana e tecnologica nell’interesse dello sviluppo sostenibile.

L’obiettivo della Missione 04 delle sfide è quello di dimostrare ancora una volta che i mezzi Venturi a propulsione elettrica sono affidabili in condizioni difficili dimostrando, robustezza e resistenza. Il Presidente Venturi, , spiega che: “Questa quarta opera è una nuova sfida per Venturi con una particolare caratteristica: quella di coniugare lo spirito pionieristico con un’avventura umana, a contatto con popolazioni diverse che scopriranno un veicolo elettrico per i più per la prima volta, e tutta la magia che circonda questo mezzo di propulsione silenziosa. Un’avventura che incarna anche il nostro desiderio di dimostrare che il veicolo elettrico è un’alternativa al motore a combustione in tutto il mondo, da Shanghai a Parigi, da Nairobi a Johannesburg e, domani anche in Antartide “.

 

Un veicolo 100% elettrico

Questo veicolo elettrico “Powered by VenturiI” è, in effetti, identico a quelli che sono stati usati da La Poste quotidianamente in Francia e nel Principato di Monaco dal 2010, e introdotto a Nizza in servizio in un self-service nel 2011 come parte del programma Autobleue. Per i requisiti di “Missione Africa”, il veicolo è stato dotato di due batterie supplementari per ampliare la propria autonomia a 500 km.

“Le caratteristiche del veicolo non sono mai state pensate per consentire la circolazione da Shanghai a Parigi e nemmeno, come facciamo oggi, a percorrere una parte di Africa su strade in cattive condizioni, pur portando 750 chili di apparecchiature”, commenta , responsabile dei programmi Venturi, “ma la coppia di un motore elettrico e la resistenza dei nostri componenti fanno questo difficile compito perfettamente possibile “.

 

Eco Explorer

Nel corso degli anni, il 45enne, , un insegnante di inglese che lavora sull’isola di Reunion, è diventato uno specialista in lunghi viaggi in veicoli elettrici: il “Green Crossing” tra Parigi e Almaty (Kazakhstan) su uno scooter elettrico (2008 ), il viaggio di ritorno della “Crociera Gialla”, una distanza record di 13,4 mila km da Shanghai a Parigi in un veicolo elettrico “Powered by Venturi” (2010), e ora questo “Crossing Black” in Africa: “Il completamento con successo di un viaggio non dipende solo dalle prestazioni incredibili da una macchina, ma anche dalle persone che si incontrano durante tutto il viaggio. senza scalo o pre-pianificazione, e dove è necessario contare su incontri casuali, sperando di progredire ogni giorno da un punto per arrivare al prossimo “.

Sviluppo sostenibile

Sostenuto dalla Fondazione Principe Alberto II di Monaco, questa sfida è una parte ufficiale dell’anno internazionale dell’energia sostenibile. Lanciato nel 2012, l’obiettivo di questa iniziativa delle Nazione Unite è quello di rendere le persone il più possibile consapevoli dell’importanza dell’accesso all’energia “pulita” per tutti come vettore per lo sviluppo umano, sociale ed economico.

In una regione dove il 65% degli africani non ha accesso all’elettricità, questo viaggio permetterà di elaborare un inventario delle risorse elettriche disponibili e visitare diverse iniziative perseguite nel campo dell’energia sostenibile.

Diverse conferenze e incontri verranno organizzati anche in tutto il percorso sul tema delle nuove energie e la tecnologia inerente ai veicoli elettrici:

- UNEP (United Nations Environment Programme) a Nairobi (Kenya)
- Alliance Française, Arusha, Tanzania
- Università degli Studi di Arusha, Tanzania
- Università degli Studi di Dodoma, Tanzania
- Ambasciata di Francia in Lusaka, Zambia
- Università di Lusaka, Zambia
- Livingstone, Zambia
- Cascate Vittoria, Zimbabwe
- Università di Johannesburg, South Africa

La dimensione umana di questo viaggio, intrapreso senza alcuna ricognizione né alcuna assistenza tecnica, assume la forma di soste giornaliere a contatto con la popolazione locale durante il tempo di ricaricare le batterie del veicolo. Questi numerosi incontri daranno la possibilità di presentare l’esperienza in mobilità elettrica, prendendo i passeggeri a bordo per condividere l’evento e l’efficienza di questo mezzo di propulsione.

 

Share and Enjoy

  • Google Plus
  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon

TAGS: Gildo Pallanca Pastor Nicolas Mauduit Venturi Global Xavier Chevrin

Lascia una risposta

 
Pinterest