Toyota presenta il prototipo ME.WE

Toyota presenta il prototipo ME.WE

25 apr, 2013

• Il prototipo di un veicolo ecologico dal peso ridotto e dal prezzo accessibile
• Esclusiva collaborazione con il rinomato designer JM Massaud
• Un cambiamento radicale del pensiero automobilistico, basato sull’utilizzo di tecniche non convenzionali

Fonte: Toyota Motor Italia

Roma. Italia. 24 aprile 2013. Il prototipo TOYOTA ME.WE rappresenta l’innovativo risultato della partnership tra la Toyota European Design & Development () e Jean-Marie Massaud, il famoso designer i cui straordinari progetti di architettura e design hanno ricevuto apprezzamenti e riconoscimenti in tutto il mondo.

Per ED2, che ha sottoscritto un contratto di partnership con lo Studio Massaud, nel Luglio del 2011, si tratta di un’esclusiva collaborazione mirata alla definizione di un progetto che segna una svolta radicale rispetto alla realizzazione di un veicolo in termini di design ed ingegnerizzazione.

Per Jean-Marie Massaud, l’ambizione è quella di concentrare alcune delle principali sfide dal punto di vista umano, economico e ambientale in un moderno veicolo ‘anticrisi’.

La visione condivisa tra ED2 e questo illustre designer, ha portato allo sviluppo di uno straordinario prototipo con tre obiettivi fondamentali:

• 1. Pertinenza. Una visione appassionata ma comunque ponderata e concreta; non un semplice prototipo visionario ma qualcosa di avvincente ed emozionale, in grado allo stesso tempo di adattarsi a un’ampia varietà di stili di vita senza tralasciare concetti essenziali come qualità ed innovazione tecnologica;

• 2. Sintesi. Riduzione e concentrazione – un approccio basato su un deciso cambiamento rispetto alla tradizione automobilistica convenzionale, con l’obiettivo di ridurre gli eccessi e suggerire un nuovo modo per rispondere ad esigenze e stili di vita, senza perdere di vista l’obiettivo fondamentale della riduzione dei costi;

• 3. Modernità. È giunto il momento di sfidare le convenzioni e di guardare al futuro. Un veicolo il cui spirito non venga affermato esclusivamente dall’aspetto esteriore, ma capace di andare oltre e di garantire un’esperienza senza precedenti, con soluzioni intelligenti studiate per superare le aspettative del cliente. In poche parole, un veicolo che incarni i valori delle persone che guardano al futuro piuttosto che meramente rispecchiarne lo status sociale.

La visione di Jean-Marie Massaud è quella di un automobilista interessato ai classici spostamenti lavorativi ma che strizza l’occhio alla mobilità personale.

Di seguito le parole del designer: “Perdendo di vista la realtà, e quindi procedendo con un approccio idealizzato all’utilizzo dell’auto, questa è diventata un insieme di vincoli piuttosto che una fonte di libertà. Tutto questo mentre, al contrario, la nostra vita richiede maggiore flessibilità, semplicità e leggerezza. L’auto di oggi deve essere vista come una soluzione di trasporto personale capace di offrire maggiori stimoli”. 

In altre parole, gli automobilisti si trovano oggi ad affrontare un dualismo perenne: da una parte, una serie di promesse che nutrono il loro ego e status sociale mediante l’eccessiva promozione degli aspetti innovativi; dall’altra, la perenne frustrazione dovuta ai vincoli quotidiani.

Basandosi sui confronti avuti con ED2, Jean-Marie Massaud ha identificato le inconsistenze nel modo in cui i clienti apprezzano e valutano le automobili moderne, per poi stilare diverse contro misure a tali paradossi.

Egli giustappone il desiderio al piacere, lo status all’utilità, lo spazio alla capacità, la potenza all’agilità, le prestazioni alle compatibilità, la segmentazione all’adattamento, lo stress alla serenità.

Con il prototipo ME.WE, il designer ha dato vita a una soluzione realizzabile nel presente che, piuttosto che concentrarsi sull’eccessiva tecnologia rivolgendosi al concetto di ‘always more’, riesca a offrire una risposta reale ai problemi concreti della collettività.

L’obiettivo della TOYOTA ME.WE è quello di diventare la sintesi di queste sfide contrapposte.

Non si tratta di reinventare l’automobile, ma di realizzare un veicolo adattabile alle personalità più disparate, che adotti un approccio più semplice, appropriato e realistico (comodità di parcheggio e massimo piacere di guida): di fatto, un’alternativa reale alle automobili dedicate esclusivamente alla ‘passione’ e alla soddisfazione dello status sociale.

Fino ad oggi, pochi sono stati in grado di risolvere le contraddizioni della vita reale, così come ME.WE sarà in grado di fare:

• Leggera e resistente: la struttura tubolare in alluminio della ME.WE è composta da pannelli intercambiabili (portiere, cofano, paraurti, ecc.) realizzati in polipropilene espanso, un polimero termoplastico ultraleggero e ultraresistente;

• Personalizzazione e standardizzazione: ciascun pannello della scocca è facilmente personalizzabile, mentre il metodo di stampaggio offre la possibilità di una produzione standardizzata che consentirà il rientro dell’investimento;

• Libertà e responsabilità: concentrando le potenzialità di un pick-up, di una convertibile, di un fuoristrada e di una city car in un singolo veicolo, la ME.WE è studiata per soddisfare le esigenze di una serie di clienti estremamente eterogenea, con un impatto ambientale minimizzato grazie alla riduzione del peso e ai materiali utilizzati;

• ME and WE: perfetta per ognuno di noi, ma adatta a tutti. Il nome rispecchia l’attenzione riservata allo stesso tempo al benessere personale (ME) e a quello degli altri (WE), riassumendo tanto la necessità di libertà individuale quanto quella comune.

Dalla cultura del ‘more’ alla cultura del ‘better’

Allontanandosi dai preconcetti che circondano il settore automobilistico, ED2 e Jean-Marie Massaud hanno unito le rispettive competenze per sviluppare un prototipo che rispecchiasse la ricerca di un cambiamento nel mondo della mobilità personale.

Considerando un contesto più ampio, in cui l’automobile rappresenta un insieme di vincoli piuttosto che di soddisfazioni, la TOYOTA ME.WE pone invece al centro dell’attenzione l’utente stradale, senza distinguere tra automobilisti e pedoni. Il prototipo si concentra infatti sul desiderio di libertà, di gioia, di emozioni, e sulla possibilità di viaggiare senza alcun vincolo, rivolgendosi però allo stesso tempo alla responsabilità personale degli utenti e alla necessità di promuovere la responsabilità civica da parte di tutti.

TOYOTA ME.WE incarna una visione moderna e globale dell’arte del viaggio. Complessivamente, il prototipo si afferma come parte di una considerazione più generale sul modo di adattarsi alle sfide ambientali che attualmente pesano sul futuro della mobilità personale.

Individualmente, esso accoglie le esigenze di tutti mediante l’offerta di un packaging ‘privo di extra’. La TOYOTA ME.WE, all’interno della sua ricerca di minimizzazione,  prende quindi in considerazione tutti questi parametri. La realizzazione di un veicolo ‘antieccessi’ rappresenta l’antitesi dell’eccessiva escalation tecnologica, offrendo il suo realismo e le sue risposte a beneficio di tutti.

In poche parole, la TOYOTA ME.WE incarna la transizione dalla cultura del ‘more’ alla cultura del ‘better’.

Intelligente e moderna

ED2 e Jean-Marie Massaud si sono posti come obiettivo quello di ottenere il massimo riducendo le risorse. Per questo, la riduzione dei vincoli è correlata all’incremento del potenziale, della qualità e del piacere di guida. La sua creatività intrinseca e il nuovo approccio all’utilizzo dei materiali riesce infatti a riconciliare i concetti di piacere e responsabilità.

La TOYOTA ME.WE è stata concepita come un veicolo elettrico i cui motori sono integrati all’interno delle ruote, proprio come avviene per la TOYOTA i-ROAD, e le cui batterie sono state inserite sotto il pianale, come per la Toyota iQ EV. Gli interni sono interamente dedicati alle esigenze dei cinque passeggeri.

L’obiettivo di riduzione delle emissioni di CO2 e della salvaguardia delle risorse energetiche ha imposto un nuovo approccio all’architettura del veicolo che consentisse la riduzione dei pesi. A tale scopo, la TOYOTA ME.WE dispone di una struttura in alluminio rivestita di pannelli realizzati in polipropilene espanso, vale a dire un materiale leggero, resistente e, soprattutto, riciclabile.

In questo modo il peso della ME.WE si riduce a soli 750 kg, un totale che rappresenta una riduzione minima del 20% rispetto ai veicoli del segmento B dotati di scocca in acciaio. Il contenimento del peso in ordine di marcia è dovuto principalmente alla differenza nelle dimensioni tra i pannelli realizzati in polipropilene (di soli 14 kg) e quelli realizzati in acciaio.

Sostenibilità e rispetto dell’ambiente

In base alle modalità di utilizzo, il polipropilene espanso è riciclabile al 100%. Lo stesso discorso è valido per l’alluminio, mentre il bambù, utilizzato per il pianale e per le superfici orizzontali, è stato scelto sia per le qualità estetiche che per il carattere rinnovabile. La manutenzione quotidiana della ME.WE è limitatissima, si ispira al mondo della nautica ed è immediatamente percepibile osservando gli interni, partendo dal tetto fino a scendere al pianale anteriore e posteriore.

Trattandosi di un veicolo realizzato con materiali studiati per ridurre il consumo energetico in termini di CO2 ed altri agenti inquinanti, la TOYOTA ME.WE rappresenta una risposta intelligente alla mobilità sostenibile.

Un progetto positivo e realistico

La semplicità del design è accompagnata dalla comodità di utilizzo. Con un motore elettrico inserito all’interno delle quattro ruote, la TOYOTA ME.WE è un veicolo capace di offrire una trazione a due oppure a quattro ruote motrici, adattandosi quindi all’utilizzo su diversi terreni.

Nonostante ciò, ME.WE è comunque molto più leggera rispetto ai moderni veicoli 4×4, che utilizzano sistemi di trazione ben più pesanti ed ingombranti.

A bordo, i passeggeri avranno sempre la priorità rispetto ai bagagli, che però possono essere sistemati sul tetto, protetti da una copertura in neoprene. Tale copertura e ripiegata nella porzione anteriore del tetto e può essere aperta quando necessario.

Inoltre, il vano bagagli posteriore può essere esteso e trasformato in una piattaforma simile a quella dei pick up.

Il divanetto posteriore è montato su delle guide e può essere ripiegato sotto i sedili anteriori o rimosso ed utilizzato ad esempio per un pic-nic sul prato.

L’attenzione al design ed alla semplicità è ulteriormente evidente dalla strumentazione di bordo, limitata ad un singolo display sopra lo sterzo, che concentra informazioni relative a velocità, carica della batteria, informazioni di viaggio ed istruzioni di navigazione (inviate via smartphone).

Lo smartphone stesso è montato sotto il display e permette agli occupanti di creare un ambiente personalizzato e di controllare direttamente la temperatura dell’abitacolo.

Il sistema di climatizzazione dispone di una pompa dell’aria a basso consumo e di sedili riscaldabili a basso assorbimento di energia.

Infine, per godere dell’esperienza di guida paragonabile a quella di una cabriolet, tanto i finestrini, quanto il parabrezza, possono essere aperti per sfruttare tutto il piacere del vento sul viso tipico di queste vetture.

Caratteristiche principali

Dimensioni: lunghezza: 3.440 mm; larghezza: 1.750 mm; altezza: 1.600 mm
Peso: 750 kg
Struttura del telaio: alluminio tubolare
Scocca: Polipropilene espanso, per una significativa riduzione del peso rispetto alle strutture in acciaio.
Motore e trasmissione: 1 motore elettrico per ruota [modalità 2 o 4 ruote motrici]
Posizione Batteria: sotto il pianale
Climatizzazione: pompa dell’aria a basso consumo e riscaldamento elettrico dei sedili a basso assorbimento di energia.
Sistema di sbrinamento: Heated Windscreen Defroster (HWD)

 

Share and Enjoy

  • Google Plus
  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon

TAGS: ED2 Jean Marie Massaud toyota we.me

Lascia una risposta

 
Pinterest