Toyota e l’auto elettrica tra pochi anni, probabile nel 2020

Toyota e l’auto elettrica tra pochi anni, probabile nel 2020

29 nov, 2016

Toyota battery R & S e l’auto elettrica tra ‘pochi anni,’ probabile nel 2020

di John Voelcker

Fonte: GreenCarReports

 

27 Novembre 2016. I segnali sono ormai inconfondibili: Toyota offrirà un auto a elettrica in vendita nel 2020.

Dopo un decennio di condannare le auto elettriche come adatte solo per i piccoli veicoli in uso in città, la più grande azienda automobilistica del mondo sta cambiando la sua melodia.

Ancora un’altra notizia che esce dal Giappone segnala che i dirigenti della società hanno finalmente riconosciuto che le batterie agli ioni di litio sono adatte per le auto reali.

In questo caso, il messaggio è stato consegnato da , uno dei molti ricercatori dell’azienda nel settore della tecnologia delle batterie, che ha parlato in una conferenza ai media di Tokyo lo scorso Giovedi.

Le celle agli ioni di litio, ha detto, sono “una tecnologia chiave” e le loro prestazioni devono migliorare ancora di più di quanto non sia andata avanti, ha detto, secondo l’agenzia di stampa Reuters.

Toyota sarà in grado di costruire automobili con maggiore durata della batteria e fino al 15 per cento più di autonomia da quello che hanno oggi, ha suggerito, “in pochi anni.”

Il succo della presentazione ha avuto a che fare con le nuove tecniche che permette Toyota di osservare in tempo reale come gli ioni di litio si muovono all’interno degli elettrodi di batterie, ha detto Yamashige. Una nuova tecnica ha sostituito la solita elettrolita contenente fosforo, con una che invece utilizza elementi pesanti.

Quando gli ioni litio legano agli ioni elettroliti con elementi più pesanti, le ombre sono più scure sui raggi X, lasciando che i ricercatori vedano meglio la deviazione di tali ioni entro l’elettrolita.

Le tecniche sono state sviluppate in collaborazione tra i laboratori di ricerca e sviluppo del centro di Toyota, quattro università giapponesi, l’Istituto finanziamento pubblico di fisica e chimica di ricerca ed il .

Il risultato delle osservazioni può essere tradotto in nuovi disegni che impediscono gli ioni di muoversi in modo non uniforme e “accumularsi” all’interno degli elettrodi, causando il calore in eccesso e che interessano la vita delle celle.

Questo è probabilmente una delle tecnologie menzionate da , l’ingegnere capo delle ultime Prius e la sua Prius Prime versione plug-in in una presentazione separata dell’auto ibrida il mese scorso.

Ha ricordato il lavoro di Toyota sulle batterie agli ioni di litio, tra cui un sofisticato software di monitoraggio in tempo reale per osservare le caratteristiche di temperatura e di funzionamento di ogni cellula; la contrazione delle dimensioni della cella per una maggiore densità di energia ed il migliore packaging della batteria; e una maggiore precisione nella produzione di celle per eliminare le impurità.

Il risultato di quella presentazione: “Sviluppo di batterie agli ioni di litio per entrambi gli ibridi e plug-in ci consentirà di produrre anche tutte le auto elettriche in futuro”, ha detto Toyoshima.

E questo è il messaggio che abbiamo sentito da parte della società da inizio estate.

Già nel mese di giugno, l’ingegnere capo Prius Toyoshima ha fatto capire che la Prius Prime ibrida plug-in potrebbe costituire la base per i futuri modelli Toyota a batteria.

Struttura e principi delle batterie al Li-Ion Toyota

La batteria della vettura da 8,8 kilowatt-ora dà un’autonomia nominale di 25 miglia (40 km) e il secondo più alto grado di efficienza energetica (133 MPGe) di qualsiasi auto vendute negli Stati Uniti quest’anno.

Inoltre, i suoi ingegneri hanno fatto la scelta inaspettata di continuare il funzionamento esclusivamente elettrico senza che il motore a combustione si avvii mentre c’è ancora la capacità della batteria.

Si differenzia dal comportamento di altri ibridi plug-in di Ford, Hyundai, Kia, e altri, ma replica l’esperienza di guida della Chevrolet Volt, che ora ha 53 miglia di autonomia elettrica. (85 km).

Il team di Prius ha già indicato che un aggiornamento delle batterie per la Prius Prime potrebbe arrivare in qualche momento durante la vita del modello probabilmente a sei anni di vita della vettura, forse a metà strada, che sarebbe il model year 2020.

Relazioni precedenti hanno suggerito che la Toyota introdurrà un piccolo SUV completamente elettrico alle Olimpiadi di Tokyo 2020, che si userà per mettere in mostra le sue realizzazioni nel settore del green car.

Possiamo aspettarci una versione completamente elettrica della Prius?

Speriamo.

.

Share and Enjoy

  • Google Plus
  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon

TAGS: Hisao Yamashige Japan Synchrotron Radiation Research Institute Koji Toyoshima toyota elettrica toyota prius

Lascia una risposta

 
Pinterest