Svelati gli interni della Toyota C-HR

Svelati gli interni della Toyota C-HR

29 giu, 2016

: il nuovo crossover apre le porte e svela, per la prima volta, i suoi interni

Prevendita in Italia prevista al momento per fine settembre 2016

Fonte: Toyota Motor Italia

 

Roma, Italia. 28 giugno 2016.

“C-HR è un modello che consente al brand di entrare di diritto, e in grande stile, nel segmento dei crossover compatti. Il pioniere di una nuova direzione stilistica sviluppato per tracciare nuove frontiere nel segmento. Per questo abbiamo deciso di renderlo unico e donargli una forte personalità ed originalità.”  ,

Realizzato per distinguersi tanto nella gamma Toyota quanto nel segmento in cui andrà ad inserirsi, il nuovo C-HR, o Coupé High-Rider, è il risultato, ancora più evidente, della grande determinazione del Presidente Akio Toyoda di voler coniugare libertà nel design e creatività ingegneristica, per offrire prodotti esteticamente dirompenti con un’esperienza di guida rinnovata e senza eguali.

Ora Toyota C-HR svela per la prima volta i suoi interni, e lo fa a Milano, presso lo spazio 10 WATT, dove il Chief Designer di C-HR Kazuhiko Isawa descriverà alla stampa le logiche di progettazione interna della vettura. Un dispositivo di Virtual Reality, inoltre, permetterà di toccare con mano il nuovo Crossover in ogni suo particolare, scoprire dal vivo i colori e le emozioni dei nuovi interni, caratterizzati da un design avvincente e rivoluzionario, basato sul concetto ‘Sensual Tech: incontro tra emozionalità e funzionalità high-tech.

Interni eleganti con elevati livelli di qualità percepita

“L’obiettivo del nostro centro europeo di design è quello di realizzare uno stile unico, moderno e seducente allo stesso tempo. L’unicità degli interni del nuovo C-HR è caratterizzata da superfici audaci e dettagli innovativi.

Abbiamo lavorato cambiando approccio al design, guardando le cose con una prospettiva più moderna. Di fatto, C-HR getta le basi per gli interni dei futuri modelli Toyota.”  , .

L’atmosfera calda e accogliente dell’abitacolo è assicurata dal rivestimento stratificato e privo di giunzioni che raccoglie il pannello strumenti e prosegue sul rivestimento delle portiere; il contrasto tra superfici morbide e linee definite impreziosiscono l’abitacolo aggiungendo stile ed esclusività. La zona dedicata al guidatore è particolarmente curata, tutti i comandi, intuitivi ed accessibili, sono rivolti verso il guidatore. Il display touch-screen da 8” è dotato della nuova interfaccia HMI e della nuova piattaforma di navigazione 2016. Pur avvicinando i controlli al lato guida, il design asimmetrico della consolle centrale consente comunque un comodo accesso alle funzioni principali anche dal lato del passeggero. Il touch-screen, collocato in posizione indipendente rispetto al pannello strumenti, consente la riduzione della profondità della parte superiore della plancia, massimizzando la visibilità.

Il design a doppio strato dei sedili anteriori coniuga una sezione superiore slanciata e sottile con una parte bassa in grado di garantire il massimo sostegno. Le due porzioni sono identificate da tonalità cromatiche e fantasie differenti.

“Il team European Sensory Quality, dopo essersi occupato del restyling di alcuni modelli attualmente sul mercato, per la prima volta ha lavorato su un prodotto completamente nuovo; ed è proprio da questo che nasce l’innovazione assoluta del C-HR. I designer del centro stile ED2 hanno portato a termine un lavoro eccezionale, e sapevamo di dover fare altrettanto. Con il sostegno da parte dei nostri ingegneri abbiamo lavorato sui singoli dettagli per creare un insieme armonico e credo che, dal punto di vista della qualità, questi siano i migliori interni mai realizzati per un modello Toyota.” , , .

Puntando al massimo in termini di qualità e con la consapevolezza della grande concorrenza da parte degli altri brand Premium, gli interni del nuovo C-HR rappresentano il frutto della stretta sinergia tra designer e il team SQ. La collaborazione con il team di design, che ha consentito di mantenere intatto il concept originale degli interni, ha offerto al team SQ la possibilità di concentrarsi sulla qualità dei componenti, sulla consistenza, su tessuti, colori ed illuminazione di ogni elemento, fino addirittura allo spessore delle cuciture dei sedili. Rafforzando il parallelismo tra design interno ed esterno, molti comandi adottano la medesima forma delle sfaccettature esterne della scocca. La forma a diamante è visibile anche sul rivestimento delle portiere, sui battitacco, sul rivestimento interno del tetto, sulle griglie degli altoparlanti e nella forma del tweeter JBL, oltre che nelle lancette dei comandi analogici. La scelta delle finiture è di fondamentale importanza per garantire agli interni la massima uniformità. Le finiture delle superfici si dividono in tre categorie: eco-pelle per le superfici generiche, nappa per le zone di maggiore contatto e rivestimenti tecnici per gli elementi funzionali (come la leva del cambio).

Gli elementi decorativi sono rivestiti in Piano Black e argento, mentre l’illuminazione blu dei comandi e della leva del cambio è stata studiata con precisione affinché non subisse variazioni dovute alla presenza di elementi riflettenti delle superfici. Gli interni saranno disponibili in tre colori: Dark Grey, Black/Blue e Black/Brown.

C-HR resta assolutamente fedele alle caratteristiche del prototipo originale che ha suscitato l’interesse degli addetti ai lavori in occasione del Salone di Parigi 2014 e Francoforte 2015. Linee decise che testimoniano la dedizione dei designer alla creazione di uno stile esclusivo e all’apertura di una nuova frontiera all’interno del segmento.  Con il nuovo C-HR Toyota si rivolge ad un target di clienti ben definito: guidato dalle emozioni, desideroso di diventare pioniere di nuovi prodotti ed esperienze. Stile e qualità rappresentano elementi fondamentali durante le scelte d’acquisto e l’auto rappresenta quasi un’estensione della propria personalità.  È da questi clienti che , del progetto, ha tratto l’ispirazione che ha portato a delineare le diverse caratteristiche della vettura, il suo stile e gli eccezionali livelli di qualità. Il carattere unico del nuovo C-HR esprime anche la straordinaria flessibilità dell’architettura TNGA (Toyota New Global Architecture), che ha offerto agli ingegneri la possibilità di sviluppare al meglio il design, la trasmissione e la dinamica di guida della nuova vettura, portando una ventata di aria fresca in un segmento che soffre sempre più il problema della generalizzazione dei prodotti. La fase di pre-vendita inizierà in Europa nel mese di settembre – in Italia si prevede sempre entro il mese di settembre – e le prime consegne avranno luogo prima della fine dell’anno. Posizionato tra Auris Touring Sports e RAV4, C-HR punta a raggiungere le 100.000 unità annue.

Il nuovo volto del segmento Crossover

“Chi guida un Crossover desidera qualcosa di speciale, qualcosa di diverso dal tradizionale concetto di SUV. Vuole una posizione di guida rialzata e rifiuta la forma squadrata dei classici fuoristrada. Aggiungendo un tocco di dinamismo” Kazuhiko Isawa, Chief Designer C-HR.

Il nuovo C-HR esprime un nuovo concetto di dinamismo mai visto prima nel mercato dei crossover.  Lungo 4.360 mm, largo 1.795 mm, alto 1.555 mm (nelle varianti Hybrid) e con un passo di 2.640 mm, il C-HR mantiene stretta assonanza con le linee del prototipo originale svelato in anteprima al Salone di Parigi 2014.

In linea con il concetto di ‘Sensual Speed-Cross’, con forme stilistiche che ricordano un diamante unite ad archi passaruota che ne aumentano l’imponenza su strada, la vettura possiede un aspetto dirompente che coniuga una parte inferiore alta e possente con la silhouette slanciata tipica di una coupé. La superficie sfaccettata del nuovo C-HR richiama appunto gli intagli di una pietra preziosa pur essendo caratterizzata da linee fluide ed eleganti che creano il giusto bilanciamento tra carattere e sensualità. Il frontale rappresenta la più recente evoluzione dei linguaggi Under Priority e Keen Look di Toyota. La sottile griglia superiore collega il logo Toyota con i gruppi ottici, il cui design aggressivo ricorda la forma di due ali tese ad avvolgere gli angoli del frontale. L’estensione dei pannelli sottoporta, in Piano Black, verso le estremità della vettura, assieme alla sinuosa linea di cintura, aiutano ad enfatizzare l’aspetto rialzato e possente della scocca. Il carattere da coupé è sottolineato dalla forma delle maniglie posteriori, nascoste nelle linee del montante e dalla linea del tetto che va ad unirsi allo spoiler posteriore. Al posteriore l’abitacolo si chiude progressivamente dando forma al portellone con cerniera superiore, che offre un comodo accesso al vano di carico. Tale linea contrasta con la forma pronunciata degli archi passaruota, che donano alla vettura grande imponenza su strada. I gruppi ottici posteriori spiccano alle estremità della scocca e possono essere dotati di tecnologia LED offrendo una caratterizzazione ancora più decisa.

Equipaggiamenti per qualsiasi esigenza

Per soddisfare le richieste dei clienti più esigenti, il C-HR è equipaggiabile con una gamma completa di dotazioni. L’innovazione del brand trova la sua massima espressione, anche in termini di sicurezza, attraverso il Toyota Safety Sense Plus, la nuova gamma di tecnologie studiate per prevenire e ridurre le collisioni. Il pacchetto Toyota Safety Sense Plus, disponibile di serie sul nuovo C-HR, includerà il sistema Pre-collisione, l’Avviso di Superamento Corsia, il Riconoscimento della Segnaletica Stradale e il sistema di Abbaglianti Automatici, oltre alla funzione di Rilevamento Pedoni e al Cruise Control adattivo. I clienti potranno inoltre scegliere allestimenti che prevedono sedili riscaldati,  vetri oscurati, sedili in pelle ed il nuovo e rivoluzionario sistema S-IPA (Simple Intelligent Park Assist), cerchi in lega da 18” e vernice metallizzata Bi-Tone.

Un suono da Concert Hall

Il nuovo C-HR può essere equipaggiato con sistema JBL Premium dotato di amplificatore da 576 Watt, 8 canali e 9 altoparlanti, due dei quali sono tweeter a tromba. Il sistema è stato sviluppato prevedendo una stretta collaborazione tra ingegneri Toyota e JBL già dalle primissime fasi del processo di design; questo è stato utile per verificare come i materiali dei vari componenti della vettura potessero influenzare la qualità dell’audio. Le opinioni dei clienti sono state poi prese in considerazione per decidere con precisione l’orientamento ottimale degli altoparlanti ed il posizionamento dei tweeter a tromba, inseriti nel montante anteriore che assicurano la massima nitidezza sonora.

Oltre ai due tweeter a tromba da 25 mm, il sistema è provvisto nella parte anteriore dell’abitacolo di due unità da 80 mm ad ampia dispersione e di due sub-woofer da 17 cm, mentre sul retro sono presenti due altoparlanti full-range da 15 mm e un subwoofer da 19 cm, sistemato in un vano dalla capacità di 10 litri. Il sistema JBL adotta anche la codifica lossless dei formati audio, garantendo la massima qualità del segnale. La partnership tra Toyota e JBL nasce nel 1996 e da allora è cresciuta in maniera esponenziale. Gli impianti audio JBL sono utilizzati nelle migliori kermesse musicali a livello mondiale (80% dei concerti dal vivo, 70% degli studi di registrazione e 90% dei cinema con certificazione THX). La qualità è per i due brand una priorità imprescindibile, una dedizione che ha portato alla realizzazione dello straordinario impianto in dotazione sul nuovo C-HR.

Motorizzazioni all’avanguardia

Il C-HR è disponibile in due motorizzazioni. Il top di gamma sarà rappresentato dalla versione Full Hybrid, l’unica del segmento, realizzata per offrire il massimo del comfort e del piacere di guida. Dotata di tecnologia ibrida di ultima generazione, questa unità è in grado di offrire emissioni di soli 85 g/km e consumi pari a 3,7 l/100 km. La nuova motorizzazione Hybrid offre una potenza di 90 kW/122 CV, con un’efficienza termica del 40%, la migliore al mondo per un motore termico. Durante la progettazione, alcuni componenti del sistema ibrido sono stati resi più compatti, leggeri e ricollocati in maniera intelligente a beneficio di un maggiore spazio a bordo, contribuendo inoltre ad abbassare il baricentro della vettura. In alternativa, il C-HR sarà disponibile con il motore 1.2 turbo da 116 CV/85 kW e 185 Nm di coppia (già visto su Auris), un’unità che offrirà emissioni di 128 g/km e consumi a partire da 5,7 l/100 km. Il motore è abbinato a un automatico a variazione continua disponibile con trazione anteriore e integrale.

.

Share and Enjoy

  • Google Plus
  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon

TAGS: Alexandre Gommier Centro Stile ED2 Chief Designer C-HR Chief Engineer Hiroyuki Koba Kazuhiko Isawa Mehmet Fatih Kale salone parigi Senior Engineer Team SQ europeo toyota c-hr

Lascia una risposta

 
Pinterest