Il passaggio alle auto elettriche è costoso ha detto il CEO di Toyota

Il passaggio alle auto elettriche è costoso ha detto il CEO di Toyota

24 giu, 2017

Questi oneri potrebbero scoraggiare alcuni costruttori

di John Voelcker
Fonte: GreenCarReports

18 Giugno 2017. Ogni fabbricante d’automobili sta lavorando ad una o più automobili elettriche, ma alcuni sono in testa ed altri sono in ritardo.
General Motors vende già la Chevrolet Bolt EV di 238 miglia e Volkswagen ha piani per più automobili elettriche entro il 2020 e fino a 30 entro il 2025.
Questa situazione lascia Toyota, il terzo dei tre produttori di automobili più grandi del mondo e di gran lunga il più redditizio, in ritardo.
Mentre il CEO e l’omonimo sta ora dirigendo un gruppo di progetto speciale per costruire un’auto elettrica entro il 2020, è ancora apparentemente preoccupato per le auto alimentate da batterie.
Questa è la conclusione di un’interessante intervista con Toyoda pubblicata dalla rivista specializzata Automotive News.
La storia si apre con la presentazione di una versione all-electric della sportiva Toyota 86 (Scion FR-S) a Toyoda come regalo da parte del suo team di ingegneri.
L’amministratore delegato, sembra, era poco impressionato. Alla domanda delle sue impressioni, ha detto chiaramente: “È un’auto elettrica”.
Non siamo sicuri di come tradurre il sentimento “Meh” in giapponese, ma questa è la sensazione che ci ha trasmesso.
Più in generale, Toyoda si preoccupa di costruire automobili elettriche che non siano semplicemente merci da trasporto persone.
Come, ha pensato, la sua azienda costruisce una macchina elettrica che gli acquirenti menzioneranno in frasi che iniziano con le parole “amo”?
La struttura elettrica che ha creato come capo del gruppo è piatta, con solo quattro leader: Toyoda, più rappresentanti di Aisin Seiki, Densu e Toyota Industrial, tre fornitori all’interno del gruppo aziendale.
L’amministratore delegato ha chiaramente portato la sua passione al suo lavoro, e ha tradotto in una serie spianata di prodotti Toyota in modi interessanti.
Il linguaggio del design è diventato più espressivo, con risultati che vanno dalle bizzarre Prius 2016 al molto interessante C-HR 2017.
La qualità di guida delle ultime Toyota è notevolmente migliore rispetto a prima; non sono ancora Mazda, ma i nuovi modelli non offrono più la sensazione di budino su strada.
Toyoda è consapevole che l’elettrificazione del powertrain non è l’unica sfida: la società deve anche includere la connettività con altri veicoli e le infrastrutture circostanti e continuare ad integrare sistemi di sicurezza elettronici più avanzati per andare verso quello che un giorno sarà un’auto a guida autonoma.
La risposta alla domanda di Toyoda può essere Tesla, ed è chiaro che egli è consapevole del ruolo dirompente di quest’azienda nell’ultimo decennio.
“Pensa a Tesla”, ha detto al giornalista di Automotive News, Hans Greimel. “Tesla sta producendo automobili e Toyota sta producendo macchine, ma ciò che Tesla sta producendo è qualcosa di vicino ad un iPhone”.
Le due società non hanno più legami formali, in seguito a un accordo del 2009 in cui Toyota ha preso una piccola partecipazione in Tesla, che ha venduto il suo stabilimento di assemblaggio a Fremont presso la società di Silicon Valley e ha contratto con Tesla per la progettazione e l’ingegneria congiunta di 2.500 Toyota RAV4 EV di conformità.
Il CEO di Toyota ha definito la trasformazione della sua azienda un “cambiamento del paradigma” e ha sollecitato la pazienza in quanto cambia stili di lavoro e continua ad abbracciare costose nuove tecnologie, nessuna delle quali può immediatamente modificare il target finale.
Le marche di lusso come Audi, BMW e Mercedes-Benz hanno una forte identità di marca che può essere tradotta in autoveicoli elettrici, ma per Toyota, automaker di veicoli di trasporto ultra-affidabili ma spesso generici, questa sfida può essere più dura.
Sembra probabile che, nonostante le strade separate di entrambe le aziende, il CEO di Toyota continua ad avere Tesla in mente.
Un’intervista che abbiamo condotto diversi anni fa con un giovane ingegnere Toyota sul progetto RAV4 EV ha esposto le differenze nelle filosofie tra le due società nel 2012.
La questione di come Toyota può essere più simile a Tesla, e le auto che si inseriscono e producono possano destare passione nei loro acquirenti, rimane quella che sfida le risposte facili.

.

Share and Enjoy

  • Google Plus
  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon

TAGS: Akio Toyoda toyota c-hr 2017

Pinterest