Ener1 sull’orlo del fallimento

assembly-of-think-city-electric-cars-elkhart-indiana-jan-2011_100341256_m

2 nov, 2011

Il fabbricante di agli ioni di litio cancellato dal listino della borsa

Di Nikki Gordon-Bloomfield
Fonte: Green Car Reports

1 novembre 2011. Ener1 Inc., l’azienda produttrice di batterie che rifornisce la sfortunata Think, casa automobilistica produttrice di auto elettriche e capogruppo di EnerDel – che ha ricevuto un prestito da 118,5 milioni dollari dal Dipartimento dell’Energia USA – ieri è stata ufficialmente cancellata dal Nasdaq per non essere riuscita a presentare in tempo il suo ultimo rendiconto finanziario.

Quest’ultimo colpo arriva pochi giorni dopo le dimissioni del Capo Contabile Melissa Debes, e appena un mese dopo che il suo amministratore delegato e direttore di lunga data del Consiglio di Amministrazione, Carlo Gassenheimer, ha lasciato l’azienda.

Nei mesi politicamente densi che mancano alle Elezioni presidenziali del 2012 molti useranno il fallimento di Ener1 come ulteriore motivo per porre fine al programma di prestiti per la tecnologia avanzata del Dipartimento di Energia e anche alla carriera di segretario per l’energia del Dr. Stephen Chu, ma di chi è veramente la colpa per il fallimento di una società [NASDAQ: HEV] che due anni fa emetteva azioni quotate a 7,15 $?

Anche se gli affari di Ener1 avevano cominciato a rallentare in tutto il 2010 per via della forte concorrenza di costruttori di batterie in Asia, con un calo progressivo del prezzo delle azioni nel corso del 2010, la sua più grande difficoltà ha avuto inizio per colpa della casa automobilistica norvegese Think.

All’inizio di quest’anno, i continui ritardi del Think hanno costretto Ener1 a segnare 73,3 milioni dollari in perdite e crediti verso clienti, costringendo l’azienda a ripensare il suo rapporto con la casa automobilistica.

Peggio ancora, Think aveva venduto le proprie azioni ad Ener1, che ora possiede il 48 per cento di una società da cui dipende per i propri affari.

Di conseguenza, dopo la vendita delle azioni Think, Ener1 ha riportato una perdita netta di 84,71 milioni dollari nel primo trimestre del 2011. Dopo le perdite di 165,32 milioni dollari registrate nel 2010, il futuro è Ener1 sembrava desolante.

Quando infine Think ha dichiarato il fallimento per la terza volta nella sua vita nello scorso mese di giugno, ogni vita residua rimasta in Ener1 sembrava scivolare via, con il prezzo delle azioni Ener1 quasi dimezzato in un solo giorno nel mese di agosto.

Non è il prestito, ma il processo di revisione
In questi giorni, è impossibile discutere di Ener1 senza menzionare i 118,5 milioni dollari in garanzie sui prestiti che la sua società madre, EnerDel ha ricevuto dal governo degli Stati Uniti.

Mentre Ener1 sembra seguire la stessa strada di Solyndra – un altro destinatario del prestito DoE che ha presentato istanza di fallimento dopo aver faticato a reperire finanziamenti privati ​​- i prestiti DoE non dovrebbero essere giudicati per i loro fallimenti.

Mentre ci sono diverse aziende che, nonostante lo stimolo federale, lottano per sopravvivere, aziende come il costruttore di auto di lusso elettriche Tesla [NASAQ: TSLA] e il costruttore di componentistica per auto John Controls Inc., [JCI:US] sono esempi di successo della politica del DoE, quelli per i quali il finanziamento pubblico sembra aver realmente contribuito a portare i veicoli elettrici e plug-in sul mercato.

Al momento, tuttavia, sono i fallimenti, non i successi che conquistano i titoli. In particolari quelli che forse avrebbero potuto essere evitati con una maggiore diligenza nell’analisi dei rapporti inter-aziendali dei richiedenti il prestito, insieme a un’analisi più attenta dei punti critici.

Dobbiamo anche ricordare che, a volte, le cose brutte accadono nel mondo degli affari a prescindere dai controlli e dagli equilibri in atto. In poche parole, a volte entra in campo la sfortuna.

Che cosa succede adesso ad Ener1? Si continua le negoziazione in Pink Sheets dato che è stato derubricato dal Nasdaq ed è stato detto che per ricevere i rimanenti $ 63 milioni in prestiti dal DoE deve corrispondere dollaro per dollaro tutti gli altri debiti.

Siamo assistendo all’agonia di Ener1? Di chi è la colpa se l’azienda ha subito un drastico cambiamento di fortuna?

Share and Enjoy

  • Google Plus
  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon

TAGS: batterie ener1 think city

Nessun commento

Trackbacks/Pingbacks

  1. La Fisker Karma forse ritarda | Electric Motor News - [...] automobilistica. A123 è probabilmente molto meno dipendente da Fisker, evidentemente, di quanto la recentemente cancellata Ener1 era rispetto a ...

Lascia una risposta

 
Pinterest