Vengono alla luce altri incidenti con il pilota automatico

Vengono alla luce altri incidenti con il pilota automatico

9 lug, 2016

Ora indaga la

di John Voelcker

Fonte: GreenCarReports

 

7 Luglio 2016. Con i dettagli di un fatale schianto lo scorso 7 maggio di una che operava con il pilota automatico continuando a raccogliere la copertura delle notizie, altri avvenuti con il pilota automatico sembrano venire alla luce.

In particolare, l’NHTSA ha detto che indaga su un incidente del Venerdì, 1° luglio, in cui una usci di strada e ribaltò.

Il proprietario dice che operava con il pilota automatico, ma Tesla Motors ha rilasciato un comunicato ieri dicendo che i suoi dati non hanno mostrato conferma di questo.

L’emergere di più incidenti, alcuni dei quali erano stati discussi nel forum del proprietario di Tesla, è stato riportato ieri dal Wall Street Journal.

Uno di questi casi ha coinvolto un proprietario di una Model S il cui pilota automatico aveva guidato l’auto lungo una autostrada interstatale per 17 minuti, quando ha cominciato a rivedere alcune carte.

Quando alzò lo sguardo, la sua auto si stava dirigendo dritto verso un camion parcheggiato nella sua corsia. Ha sterzato, ma ha colpito il camion.

La difesa di Tesla, in questo ed altri casi, è che il sistema aveva funzionato come doveva e che il conducente era responsabile dell’incidente.

La Model X coinvolta nell’incidente del 1° luglio percorreva una strada della Pennsylvania guidata dal suo proprietario del Michigan, che ha detto alla polizia di Stato della Pennsylvania che stava utilizzando l’.

Il rapporto dice che l’incidente della Model X ha colpito un guard rail lungo il lato destro della strada, ha attraversato di rimbalzo tutte le corsie e ha colpito lo spartitraffico in cemento. Quindi si ribaltò sul suo tetto e finì nella corsia di traffico centrale.

Nessuno dei due occupanti si è fatto male, anche se una macchina che viaggiava nella direzione opposta è stata colpita dai detriti dell’incidente.

Tesla Motors ha rilasciato ieri una dichiarazione dicendo che non aveva alcuna prova che pilota automatico è stato coinvolto in un incidente:

“Abbiamo ricevuto un avviso automatico da questo veicolo il 1° Luglio che indicava l’espansione dell’air bag, ma i registri contenenti informazioni dettagliate sullo stato dei comandi del veicolo al momento della collisione non sono stati mai ricevuti”.

Questo è coerente con la gravità dei danni riportati dalla stampa, che può aver causato la rottura dell’antenna.

Come facciamo con tutti gli eventi di crash, abbiamo subito raggiunto il cliente per confermare che le persone fossero a posto e offrire un supporto, ma non siamo riusciti a raggiungerlo.

Da allora abbiamo cercato di contattare il cliente per tre volte per telefono senza successo. Sulla base delle informazioni che abbiamo ora, non abbiamo motivo di credere che l’Autopilota avesse qualcosa a che fare con questo incidente.

Il conducente della Model X, il gallerista Alberto Scaglione, non ha risposto a quanto pare alle domande dei media dopo l’incidente.

Il servizio di notizie Reuters ha riferito ieri in tarda serata che la National Highway Traffic Safety Administration ha detto che avrebbe indagato su questo incidente.

In entrambi i casi, il nocciolo del problema sembra essere che il pilota automatico è essenzialmente una raccolta di funzioni di assistenza alla guida, non un “pilota automatico”, nel senso dell’aereo come la maggior parte della gente lo intende.

Ma “le interviste con i conducenti e gli ingegneri”, ha scritto il Journal, “suggeriscono che l’entusiasmo per la è oltre la capacità della tecnologia, approfondendo le preoccupazioni circa la sicurezza stradale.”

L’attenzione dai regolatori e dei media, tuttavia, è probabile che continui a concentrarsi sul pilota automatico.

La maggior parte degli altri produttori che offrono simili funzioni elettroniche di assistenza alla guida richiedono periodici controlli con le mani sul volante, anche se la frequenza di tali controlli può variare da 10 o 15 secondi a qualche minuto.

In alternativa, la modifica del nome del sistema che dovrebbe dire “Assist” – simile alla uso pratico dei sistemi dei marchi tedeschi di lusso potrebbe mettere a fuoco le sue capacità in un contesto migliore per i non iniziati.

.

Share and Enjoy

  • Google Plus
  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon

TAGS: autopilota guida autonoma incidenti National Highway Traffic Safety Administration NHTSA tesla model s tesla model x

Lascia una risposta

 
Pinterest