Tesla produce a chilometro zero

Tesla produce a chilometro zero

23 apr, 2014

Tesla cerca le materie prime nordamericane per ridurre l’inquinamento

da Antony Ingram

Fonte: GreenCarReports

 

20 aprile 2014. . Non esiste una macchina che sia veramente verde.

Tutte le vetture necessitano di materie prime ed energia per essere prodotte, usano energia durante la loro vita , e richiedono energia per essere riciclate, o almeno per i componenti che possono essere riciclati.

Per mitigare questi problemi di inquinamento e aumentare la trasparenza della catena di approvvigionamento, Tesla Motors ha annunciato che impiegherà esclusivamente le materie prime delle batterie solo dal Nord America quando aprirà la sua nuova “gigafactory” di accumulatori per un investimento da 5 miliardi di dollari

Le batterie sono oggetto di dibattito ambientale, poichè richiedono grandi quantità di metalli assortiti e minerali nella loro fabbricazione.

Questi sono spesso estratti, prodotti e trasportati con grandi spese ed energia, lasciando dietro di sé una grande e dubbia impronta di inquinamento ambientale nel processo di fabbricazione.

La situazione della Cina ha portato questi problemi alla recente attenzione, in cui i regolamenti governativi hanno chiuso diversi impianti che producono grafite come conseguenza delle preoccupazioni per l’inquinamento.

Utilizzato nelle anodi delle batterie delle grafite, si  creano polveri inquinanti durante la loro estrazione e richiede prodotti chimici corrosivi come l’acido cloridrico per elaborarli in una forma utilizzabile. Queste, e altre forme di inquinamento, stanno causando gravi danni alle aree circostanti.

Purtroppo, la grafite ed altri materiali vengono utilizzati in quantità significative nelle batterie delle auto elettriche, in particolare nelle batterie grandi come quelle che equipaggiano i veicoli di Tesla.

Secondo Bloomberg, Tesla afferma che il suo approvvigionamento locale sarà “focalizzato nel minimizzare l’impatto ambientale, riducendo in modo significativo il costo della batteria”.

Il costo sarà un fattore determinante, anche se la grafite di origine statunitense potrebbe non essere così costosa come quella di provenienza altrove, essendo più verde e come dice un analista, “più patriottica”.

Tipicamente, i materiali delle batterie vengono spedite a migliaia di chilometri durante la catena di approvvigionamento, con un significativo impatto ambientale prima che un’auto esca dalla catena di produzione.

In questo modo con l’apertura della gigafactory, Tesla prevede di raddoppiare la produzione mondiale di batterie al litio, riuscendo così a eliminare una vasta impronta di inquinamento lasciata dietro l’approvvigionamento di litio, cobalto, grafite e altri materiali convergenti da posizioni globali.

Allora, dove potrebbe Tesla ottenere i materiali che servono?

Ci sono attualmente diverse possibilità. Tesla attualmente utilizza il cobalto dalle Filippine, ma la . dell’Idaho fornisce loro una opzione – la società è attualmente alla ricerca di capitali per finanziare un nuovo impianto non lontano dal sito produttivo di Tesla.

Per quanto riguarda il litio, Tesla potrebbe cercare a nel Nevada e nella Carolina del Nord. Con sede a Toronto, l’. è anche un’opzione.

Un’altra azienda, , è ponta per iniziare a lavorare su un grande impianto in Quebec . Mentre il 75 per cento della sua produzione (da sola il 12 per cento del totale mondiale) si sta dirigendo verso due grandi clienti in Asia, Tesla potrebbe raccogliere una parte significativa del resto.

La grafite potrebbe essere più difficile, altri cinque o sei miniere di grafite sono necessarie per soddisfare la domanda che quella fabbrica di Tesla potrebbe necessitare e secondo la normativa statunitense, la produzione sarebbe molto più pulita di quella della Cina – e questo bisogna considerarlo già prima di arrivare ai benefici di riduzione delle distanze di trasporto .

La produzione di batterie per il mezzo milione di vetture all’anno che Tesla intende produrre nel suo stabilimento, non sarà mai un processo veramente verde.

Ma le fonti di materie prime a livello locale potrebbero essere la differenza tra l’impresa che fa la differenza , o indirettamente che fa un reale danno ambientale.

Ora, c’è solo bisogno di garantire che si possa tenere il passo dei costi dei materiali di provenienza locale della batteria.

 

Foto:

Grafico che mostra le statistiche della gigafactory di Tesla Motors, nella presentazione di Febbraio 2014

 


Share and Enjoy

  • Google Plus
  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon

TAGS: Avalon Rare Metals Inc Metals Inc RB Energy Rockwood

Lascia una risposta

 
Pinterest