Tesla cerca finanziamenti per la terza auto

Tesla cerca finanziamenti per la terza auto

16 mag, 2011

Fonte:  GreenBeat VentureBeat’s
 
15 maggio 2011. Tesla Motors, la società che ha costruito il veicolo elettrico Roadster, potrebbe cercare ulteriori finanziamenti dalla vendita del patrimonio netto per aiutare a pagare per lo sviluppo della sua terza vettura elettrica – il SUV dallo stile del modello X – secondo , Amministratore Delegato Tesla Motors.

La società sta lavorando su un altro modello di che è orientato verso gli acquirenti di auto interessati a un SUV o un minivan. I dettagli comunicati sul modello X sono stati scarsi – uno dei pochi fatti noti a questo proposito è che userà lo stesso impianto del Model S, mentre è stato detto che la vettura dovrebbe essere presentata alla fine dell’anno. E mentre la società è sulla buona strada per essere redditizia in futuro, dopo il lancio del Modello S, ci sarebbe un motivo in più per entrare nella partecipazioni societaria in modo di aiutarla nello sviluppo della produzione del modello X. 

“Abbiamo capitale sufficiente per raggiungere un cash-flow positivo, senza alzare di un altro dollaro”, ha detto Musk riguardo gli utili. “C’è una buona probabilità di aumentarlo ancora con l’attività del modello X e di potenziare alcuni aspetti di crescita del margine sulla produzione Model S.”

Il costruttore di auto elettriche sta ancora lavorando sulla sua seconda vettura, la berlina Model S che è più orientata verso gli acquirenti di auto casual e destinati agli acquirenti di un’auto elettrica come prima macchina. Di recente ha completato i suoi modelli di pre sereie per quanto riguarda il Model S e ha iniziato il controllo di qualità ed il collaudo, il che significa che alcuni modelli dimostrativi per la stampa e per l’analisti di marketing saranno pronti entro la fine dell’estate – ha detto Musk.

Il modello di produzione uscirà negli Stati Uniti nell’estate del prossimo anno e quindi in Europa verso la fine del 2012.

La compagnia ha aggiunto 900 nuove prenotazioni per il Modello S nell’ultimo trimestre, per la prenotazione si richiede un acconto in contanti di 5.000 dollari, portando così le sue riserve totali per il Modello S fino a 4.600 unità.

Tesla Motors ha anche venduto 1.650 Roadster ed è sulla buona strada per lanciare la Roadster entro la fine dell’anno. La società ha debuttato con le auto elettriche con una vettura sportiva basata sul telaio della Lotus Elise che viene commercializzata ad un prezzo iniziale elevato di 109.000 dollari. Il Modello S ha un prezzo di 57.000 dollari esclusi gli incentivi governativi per l’acquisto di un’auto elettrica.

La maggior parte delle prenotazioni per il modello S provengono da consumatori statunitensi – ma è quello che vuole Tesla Motors, perché ricorda che sarà più facile da gestire se ci fosseroeventuali problemi, ha detto Musk. Circa il 75 per cento delle prenotazioni per il modello S è venuto da acquirenti di auto degli Stati Uniti, mentre il resto è proveniente da acquirenti europei. 

Le auto di Tesla Motors sono quelle che possiedono la maggior autonomia tra le ricariche delle attuali auto elettriche. La può percorrere circa 200 chilometri prima di dover ricaricare, e la Model S dovrebbe avere un’autonomia di circa 300 miglia (circa 480 km).

La Nissan Leaf – anche se ha un costo molto più basso di 37 mila dollari – può solo percorrere circa 100 chilometri prima di dover ricaricare.

Musk non ha indicato quale sarà l’autonomia del Model X, anche se probabilmente sarà tra quelle della Roadster e della Model S se utilizza lo stesso impianto del Model S con un telaio più grande.

Tesla Motors ha registrato una perdita trimestrale inferiore al previsto, di 48,9 milioni dollari, ovvero 51 centesimi per azione. Gli analisti di Wall Street si aspettavano una perdita dell’azienda di 53 centesimi per azione portando a 47 milioni di dollari di entrate. L’impresa ha fatto ricavi per 49 milioni di dolari del primo trimestre di quest’anno, più del doppio dei 20,8 milioni dollari raccolti nel primo trimestre dello scorso anno. La performance ha lasciato contenti gli azionisti, portando le azioni del produttore di auto elettrica pari al 3,7 per cento a 27,67 dollari.

La maggior parte degli introiti è venuta dalla vendita di componenti di batterie e caricabatterie a Daimler per i suoi veicoli elettrici Classe A e Smart Fortwo.

Lo sviluppo positivo del fatturato deriva anche dai servizi che Tesla Motors fornisce nella sua partnership con Toyota per i sistemi di trasmissione per veicoli elettrici del programma RAV4 della società giapponese.

Share and Enjoy

  • Google Plus
  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon

TAGS: auto elettrica economia Elon Musk tesla model s tesla model x tesla roadster

Lascia una risposta

 
Pinterest