Tesla a guida autonoma usa dati unici

Tesla a guida autonoma usa dati unici

1 gen, 2017

Tesla a guida autonoma usa dati che nessun altra casa automobilistica ha

di Stephen Edelstein

Fonte: GreenCarReports

 

30 Dicembre 2016. Nel settore automobilistico, Tesla è leader per molti aspetti, ma non ha certo la testa sulle spalle sopra il resto quando si tratta di automobili a guida autonoma.

La casa automobilistica di Silicon Valley sta sviluppando macchine completamente autonome, ma è parte di un settore affollato che include molte altre case automobilistiche e diverse ricche aziende di tecnologia.

Eppure, l’approccio tecnico di Tesla può darle un vantaggio rispetto ai suoi numerosi concorrenti.

L’azienda ha ora raccolto un enorme tesoro di dati operativi di macchine operative di clienti dotate di diversi sistemi di driver-assist, il pilota automatico di Tesla.

Il pilota automatico non fornisce attualmente una guida completamente autonoma, ma dal momento che Tesla ha iniziato l’installazione del sistema nelle sue auto elettriche a fine del 2015, il sistema ha consegnato i dati di 1,3 miliardi di miglia di percorrenza, secondo Bloomberg.

Questo dato è importante perché consente agli ingegneri di Tesla di mettere a punto gli algoritmi che controllano i sistemi attivi di sicurezza delle sue vetture, che avranno un futuro di piena autonomia.

Gli stessi dati possono essere utilizzati per sostenere il caso dei veicoli autonomi, dimostrando come possono lavorare nel mondo reale.

L’autopilota offre un insieme limitato di funzioni del driver-assist, ed ha attirato l’attenzione del NHTSA sulla scia di un fatale incidente successo a Maggio che ha coinvoto una berlina Tesla Model S alla guida con il sistema attivato.

Ma Tesla è disposta a sopportare un po ‘di pubblicità negativa a breve termine se il sistema di pilota automatico fornisce i dati necessari per portare le macchine di produzione completamente autonome operative e funzionanti più velocemente.

Dal lancio del pilota automatico, Tesla ha discusso “l’apprendimento flotta” come un modo per migliorare il sistema, e ha istituito un vasto data base per permettere questo.

Anche le macchine che non sono attrezzate per usare l’autopilota trasmettono i dati di viaggio a Tesla, una volta che il proprietario dà il permesso.

La cifra di 1,3 miliardi di miglia citata da Bloomberg include le miglia percorse in auto dotate del pilota automatico, anche se è spento, perché quelle macchine trasmettono i dati sul comportamento dello stesso conducente.

Nel mese di ottobre il CEO di Tesla ha detto che i conducenti hanno coperto 222 milioni di miglia con il pilota automatico attivato.

I dati complessivi sia sulla posizione esatta della vettura che delle azioni del conducente (in forma anonima) in mappe che permettono il sistema il tracciamento dei dati del pilota automatico centrale di Tesla per analizzare il percorso delle vetture e di prendere in considerazione tutte le posizioni improvvisamente da evitare.

Poi i dati vengono sovrapposti alle mappe stradali di terze parti.

Una volta che ogni auto percorre un determinato tratto di strada, il sistema “impara” da questa esperienza e si aggiorna di conseguenza sulle traiettorie che prende il conducente e quelle da evitare.

Perché gli sforzi di sviluppo sono collegati alle macchine di produzione nelle mani dei clienti che percorrono centinaia di migliaia di miglia al giorno, Tesla ha accesso a più dati rispetto ai concorrenti la cui unica fonte dei dati è quella da programmi di test limitati a un paio di dozzina di veicoli prototipi.

Dal 2009, le vetture a guida autonoma di Google hanno coperto 2 milioni di miglia nel mondo reale con i sorveglianti umani a bordo, secondo Morgan Stanley.

Tale società, ora chiamata , ha recentemente scorporato il suo progetto di auto a guida autonoma in una società separata, denominata .

Ma la flotta di prova di Waymo non ha alcuna capacità di “imparare” dai piloti umani permettendo loro le azioni quando la guida autonoma è disinserita.

Lo stesso si può dire degli sforzi dei test gestiti da case automobilistiche come Daimler, Ford, General Motors e Toyota.

Se con tutto questo Tesla avrà un vantaggio decisivo nella corsa alla produzione di massa di automobili a guida autonoma, resta da vedere.

.

Share and Enjoy

  • Google Plus
  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon

TAGS: Alphabet Elon Musk tesla autopilot waymo

Lascia una risposta

 
Pinterest