Perché il SUV Tesla Model X è in ritardo?

Perché il SUV Tesla Model X è in ritardo?

14 feb, 2015

L’autonomia, il rimorchio o le portiere?

di John Voelcker

Fonte: GreenCarReports

 

9 Febbraio 2015. I fan ed i proprietari di Tesla sono in trepidante attesa del debutto del SUV elettrico , ora in programma di entrare in produzione tra circa sei mesi a partire da oggi.

Come ogni Tesla, la Model X è stata rinviata più volte – ma non vi è stata poca speculazione circa i motivi dei ritardi.

“Continuiamo a sviluppare la Model X e ci prepariamo per la produzione”, ha scritto , direttore della comunicazione globale di Tesla.

“Attualmente stiamo testando i nostri veicoli Model X e sono in pista per il prossimo lancio verso la fine dell’anno”.

In altre parole: “Sì, pensiamo di lanciare l’auto verso la fine dell’anno e non vi diciamo nulla del perché è in ritardo.”

E tuttavia, la versione finale di produzione della Model X non è stata mostrato in pubblico, anche se i primi prototipi di pre-produzione sarebbero usciti normalmente dalle linee di produzione.

Così abbiamo chiesto ad un certo numero di fonti, compresi quelle vicine ad alcuni dei fornitori di parti di Tesla, per chiedere perché la Model X è in ritardo.

Nessuno di loro avrebbe parlato a verbale – quindi quello che segue è in gran parte una speculazione, anche se sulla base di concrete informazioni.

Per molti di loro potrebbe essere in gioco la credibilità. Tuttavia, abbiamo pensato di fare un riassunto delle nostre svariate conversazioni.

Ecco i tre motivi che riteniamo le cause del ritardo del lancio della Model X dalla sua originale data di lancio annunciata per la fine del 2013.

 

L’autonomia

I voti per quanto riguarda l’autonomia secondo l’EPA per le versioni delle diverse Tesla Model S vanno da 208 miglia – 334 km – (con la batteria da 60 kWh) a 270 miglia – 434 km – (la variante 85 kWh “D” all-wheel-drive).

Il crossover Model X avrà trazione integrale di serie – ma è più grande e pesante, ed ha una maggiore area di sezione trasversale, rispetto alla più bassa, più leggera e più sottile Model S.

Una versione da 60 kWh potrebbe essere valutata a meno di 200 miglia (321 km), che probabilmente la rendono non competitiva ad un prezzo minimo di 70 mila dollari. La Model X da 85 kWh probabilmente percorrerebbe circa 225 miglia (362 km) di distanza.

Ma capiamo che Tesla ci contava davvero sulla sostituzione degli specchi retrovisori esterni con delle telecamere per aumentare l’autonomia a circa 250 miglia (402 km).

La rimozione degli specchi retrovisori esterni potrebbe aggiungere un notevole aumento di autonomia a velocità autostradale (dove per superare la resistenza del vento bisogna consumare la maggior parte dell’energia).

Ma la rimozione degli specchi a favore della telecamera secondo i giuridici non è probabile che accada presto, con la National Highway Traffic Safety Administration (NHTSA) che dovrebbe studiare la questione, quindi emanare norme proposte, attendere i loro riscontri, e poi metterle in atto.

Anche nelle migliori circostanze, quel processo quasi sicuramente non avverrà entro il terzo trimestre di quest’anno.

Ciò significa che Tesla sta probabilmente lavorando furiosamente per guadagnare ogni singolo miglio supplementare di autonomia nominale dalla Model X.

 

Impatto strutturale delle portiere a “falcone”

Una delle caratteristiche più sorprendenti della Model X sono le sue portiere a falcone, che sono incernierate e articolate lungo la colonna vertebrale centrale del tetto, dove salgono e mantengono la loro larghezza in gran parte all’interno dell’ingombro della vettura.

Il CEO di Tesla Elon Musk ha detto durante un meeting che la società “ha imparato molto riugardo le guarnizioni delle portiere” e le nostre fonti ci dicono che le sfide di tenuta sono ora risolte.

Valutazione d’impatto laterale

Ci potrebbero essere due problemi: la protezione dagli impatti laterali e l’effetto delle complicate molli di torsione della struttura del tetto in alluminio.

Gli acquirenti di Tesla probabilmente aspettano che la Model X abbia lo stesso top rating di sicurezza al crash della Model S in ogni categoria, compreso l’impatto laterale.

Ciò significa che le stesse porte a falcone devono avere forti travi che si incastrano nel resto della struttura della carrozzeria quando la porta è chiusa, per proteggere gli occupanti in caso di impatto laterale.

Tali rinforzi possono ledere la struttura interna e aumentare significativamente il peso delle ante.

Le molle di torsione delle porte tipo falcone portano alla seconda sfida: l’ancoraggio del meccanismo di cerniera della porta girevole per quello che è probabilmente una porta piuttosto pesante (in quanto contiene un pezzo sostanziale di tetto).

Mentre l’alluminio è leggero e resistente, le sue caratteristiche metallurgiche differiscono da quelle delle pesanti leghe di acciaio ad alta resistenza ora utilizzate nelle ultime strutture del veicolo.

L’alluminio è più adatto quando i carichi sono distribuiti su una vasta area – ma è vulnerabile a taglio o quando la forza viene esercitata su una piccola area.

I supporti per le grandi molle di torsione delle porte falcone devono quindi diffondere i loro carichi su una vasta area, che può essere una sfida data la ristrettezza della colonna vertebrale del tetto mostrato nelle versioni Concept della Model X.

La struttura del tetto non può essere vulnerabile a deformazioni nel tempo, motivo per cui Tesla ha riferito di aver testato una serie di leghe ad alta resistenza.

Una delle nostre fonti suggerisce che la società potrebbe finire per dover utilizzare una lega di titanio costoso per ottenere la durata appropriata per il supporto porta-cerniera.

 

Capacità di traino

La sfida finale per la Tesla Model X è nel fornire la capacità di traino non attualmente offerta da qualsiasi altro veicolo elettrico.

I grandi SUV sono spesso utilizzati per trainare qualsiasi cosa, dalle barche ai rimorchi dei cavalli.

Mentre la Model X non avrà nulla a che vedere con la capacità di traino di un truck pesante, i suoi acquirenti si potrebbero ragionevolmente aspettare di essere in grado di trainare un rimorchio con un paio di moto o moto d’acqua.

Ma sottomettere la potenza massima dei motori elettrici ad un uso continuo mette enormi carichi termici su di loro – proprio come nel settore delle corse.

La potenza dei motori elettrici è spesso citata a due livelli: quella nominale e quella di picco. Il traino richiede alto rendimento da essere sostenuto per chilometri o ore, cosa che rappresenta una sfida enorme per il raffreddamento.

Diffondere il carico su due motori aiuta – una fonte ha suggerito che era il motivo per cui Tesla ha eliminato la Model X single-motor, un paio di anni fa.

Ma anche il sistema di raffreddamento a base di glicole nella Model S P85D potrebbe non essere sufficiente per proteggere i motori della Model X mentre è sottoposta al traino, soprattutto se si va da, ad esempio, San Francisco a Reno, con un aumento di 5.000 piedi di altitudine – 1.500 metri.

Tesla potrebbe essere ora in fase di test di un sistema di condizionamento termico che utilizza il refrigerante, come un sistema di climatizzazione che rimuove l’attiva del calore con il refrigerante piuttosto che semplicemente attraverso lo spargimento tramite i radiatori.

Alla fine, Tesla ha delle sfide d’ingegneria da risolvere che la saggezza convenzionale suggerisce siano quasi impossibile.

E gli ingegneri automobilistici di classe sono esperti ad individuare i problemi, analizzare le loro profonde cause e quindi svolgere la progettazione e la sperimentazione delle soluzioni che li risolvono.

La grande preoccupazione per più di una delle nostre fonti è questa: sarà riuscita la squadra della Model X a risolvere tutti questi problemi, al punto che il SUV elettrico possa entrare in produzione da qui a sei mesi?

“Personalmente ritengo che in questo momento siamo a 18-24 mesi di distanza dal lancio della Model X” ha detto la più pessimistica delle nostre fonti.

“Io non vedo solo una società che usa utensili e attrezzature per fornire un nuovo veicolo in meno di quattro o cinque mesi da oggi”.

Tuttavia Tesla ha affermato la settimana scorsa che in realtà è “sulla buona strada per un lancio nell’ultimo trimestre”

 


Share and Enjoy

  • Google Plus
  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon

TAGS: Khobi Brooklyn tesla model x tesla suv

Lascia una risposta

 
Pinterest