Batterie stazionarie Tesla ad una fattoria di Kauai, Hawaii

Batterie stazionarie Tesla ad una fattoria di Kauai, Hawaii

18 giu, 2016

Tesla fornisce batterie d’accumulo di energia ad una fattoria di ,

di Stephen Edelstein

Fonte: GreenCarReports

 

15 Giugno 2016. Mentre la sua produzione di auto elettriche continua ad avere la massima attenzione, Tesla continua tranquillamente a costruire il suo business energetic di storage.

Oggi, nella “” ancora incompleta del Nevada c’è l’assemblaggio di batterie per la divisione di stoccaggio di energia stazionaria della società.

Alcuni di questi pacchi saranno dispiegati nelle Hawaii in uno sforzo di cooperazione con un’altra società legata al CEO di Tesla .

Le confezioni delle batterie sarà utilizzate per immagazzinare energia da una fattoria solare gestita dalla , sull’isola di Kauai.

Il CTO di Tesla , ha detto durante la recente assemblea di Tesla che la costruzione delle batterie per la fattoria Kauai comincierà presto secondo Seeking Alpha.

Musk è presidente di SolarCity, e suoi cugini Lyndon e gestiscono l’azienda.

Il sito hawaiano fornirà una potenza “congrua” di cui ha bisogno Kauai, dice Tesla, e sarà gestita in collaborazione con la ().

L’utility spera già di generare il 50 per cento della potenza dell’isola da fonti rinnovabili entro il 2023 e questo progetto è chiaramente un passo avanti in quella direzione.

Il piano di Tesla e SolarCity per costruire la fattoria solare e lo stoccaggio di energia si sviluppa su di una superfici di 50 acri appena a nord della città di , ha riferito Fortune a febbraio, quando il progetto è stato annunciato.

KIUC pagherà a SolarCity 14,5 centesimi per kWh secondo un contratto di 20 anni sia per il parco solare che per l’istallazione dell’impianto di stoccaggio di energia.

I pacchi batteria saranno utilizzati per fornire energia quando la luce solare non è disponibile per i pannelli solari.

L’accoppiamento dei pannelli solari con le batterie consente d’immagazzinare l’energia in eccesso per un uso successivo, una capacità particolarmente importante per stabilizzare le reti elettriche quando vengono aggiunte fonti intermittenti e imprevedibili di energia rinnovabile.

Hawaii è un buon ambiente per le energie rinnovabili, perché l’isolamento della catena di isole hanno dettato alcuni dei prezzi elettrici più alti nella nazione.

La maggior parte dell’energia elettrica delle Hawaii è generata da petrolio che deve essere spedito alle isole in navi cisterna.

Non ha forniture di gas naturale e non ha giacimenti di carbone, per cui il petrolio è la fonte di combustibile unica per la produzione dell’energia elettrica utilizzata dai suoi 1,4 milioni di abitanti.

Il costo di importazione del petrolio ha reso le utilities delle Hawaii più ricettive per l’aggiunta di generazione di energia rinnovabile.

SolarCity ha ricevuto l’approvazione dalla maggior parte delle agenzie di regolamentazione delle Hawaii all’inizio di quest’anno, anche se l’inizio della costruzione sembra essere stato posticipato dalla sua data originale di Aprile.

La società in precedenza aveva detto che spera di terminare la costruzione entro la fine dell’anno.

.

Share and Enjoy

  • Google Plus
  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon

TAGS: Elon Musk gigafactory Hawaii jb straubel Kauai kauai island utility cooperative kiuc lihue lyndon rive Peter Rive SolarCity tesla energy

Lascia una risposta

 
Pinterest