TATA ACE elettrico: un “asso” per lavorare

TATA ACE elettrico: un “asso” per lavorare

5 dic, 2007

Fonte: Melian Italia

Bologna. 5 dicembre 2007. Ace, il nome si presta al gioco di parole perché il piccolo ma versatile mini cargo Tata è veramente un asso ben giocato per tutti coloro che hanno esigenze di trasporto di piccoli carichi in aree limitate, come i centri urbani, dove molto conta l’agilità nel sapersi muovere nel traffico caotico. Non per niente Ace è tra i mezzi da lavoro preferiti per chi opera nelle megalopoli indiane, Bombay e Bangalore in primis.

Il veicolo originale ha motore a gasolio, a 4 cilindri, di 700 cc, da 16 cv ma è italiana l’idea di renderlo ancora più agile, più adatto a muoversi in città senza sottostare ad alcuna limitazione. In questo senso Melian Italia, importatore e distributore ufficiale Tata, in collaborazione e con il supporto tecnico di Archimede Energia srl e di Ecolori SpA, ha messo a punto una soluzione che si può definire… elettrizzante.

Elektro ACE: benzina addio

Considerate le potenzialità di lavoro e la versatilità del modello con motore diesel, che tra l’altro ha una capacità di carico di ben 750 kg, Melian Italia ha ipotizzato una versione a totale propulsione elettrica pensata per venire incontro alle nuove esigenze di mobilità che richiedono sempre più mezzi versatili, compatibili con l’ambiente, con emissioni azzerate, di facile gestione e che non debbano mai e poi mai dover sottostare a qualsivoglia limitazione del traffico. Veicoli che si lascino alle spalle anche le problematiche connesse al “caro petrolio” con i continui aumenti dei costi del carburante.

La proposta Melian che soddisfa tutte queste esigenze ed anche di più, per una mobilità agile ed eco compatibile, si chiama Elektro Ace mini truck, veicolo che si pone all’avanguardia sia per la tecnologia adottata, sia per le prestazioni.

Tecnologia d’avanguardia

Elektro Ace, come dice il nome, è un veicolo elettrico “puro”, da non confondersi, quindi, con i modelli ibridi  che adottano, insieme ad uno o più motori elettrici, anche un motore endotermico (solitamente a benzina).

Il motore di Elektro Ace, è un elettrico di tipo asincrono, trifase con inverter, in condizioni di erogare una potenza di picco di ben 30 kW. Ciò consente, a livello prestazionale, di raggiungere la velocità massima di 120 km/h, che per un mezzo di questo genere è tutt’altro che da sottovalutare. Caratteristica sostanziale di tutti i propulsori elettrici è quella di offrire un’erogazione di coppia ottimamente gestibile, subito disponibile sin dai regimi più bassi (praticamente quasi partendo da zero), con una linearità di erogazione, ma anche con una progressione assolutamente fluida che rende la guida estremamente piacevole e non stressante, essendo tra l’altro svincolata dal dover manovrare il cambio (che non c’è)  ne tanto meno dal dover intervenire continuamente con la frizione (anch’essa assente). Basta inserire la trazione alla partenza e poi si procede semplicemente lavorando con il piede sull’acceleratore e  sul freno. Altro elemento da non trascurare, oltre allo stress di guida ridotto ai minimi termini, è la silenziosità del veicolo poiché il e gli organi collegati non emettono alcun rumore.

Il carburante, ovvero l’elettricità, è contenuta in uno speciale pacco di batterie, che adottano la più moderna tecnologia detta dei “Lithio-polimeri”. Innanzitutto si tratta di batterie dal peso contenuto, rispetto a quelle tradizionalmente utilizzate sui veicoli elettrici di prima e seconda generazione, al punto che il loro peso totale risulta essere di soli 140 kg. Inoltre hanno una notevole capacità di carica (20,7 kWh) che è sinonimo di una notevole autonomia che per l’Elektro Ace, ipotizzando un utilizzo normale in ciclo urbano, equivale ad oltre 120 km/h di percorrenza. Ciò è reso possibile anche in considerazione che la tecnologia utilizzata, gestita elettronicamente, prevede il recupero d’energia (quindi con un ritorno di carica alla batteria) nelle fasi di rallentamento e frenata. 

Vantaggi economico-fiscali dei veicoli elettrici

Non occorre trascurare, valutando la validità di un veicolo a totale propulsione elettrica, anche i vantaggi connessi agli aspetti economico-fiscali.

Infatti per l’acquisto di veicoli eco compatibili, in particolare quelli a propulsione totalmente elettrica, sono concessi sia dagli enti locali che dallo Stato, particolari agevolazioni, con anche la concessione di specifici contributi (in molti casi variabili da regione a regione).

Inoltre i veicoli elettrici godono anche di:

- cinque anni di esenzione dalla tassa di possesso;

- riduzione consistente (in alcuni casi sino al 50%) dei costi assicurativi, in base alle condizioni promozionali offerte dalle varie compagnie di assicurazione;

- libertà di circolazione all’interno delle zone “limitate”;

- libertà di circolazione nelle giornate di blocco del traffico;

- costo irrisorio per un pieno di “carburante” (elettricità): meno di 2 euro per 100 km di percorrenza:

- costi di manutenzione decisamente ridotti.

L’origine del piccolo Ace

Ace, in India, è uno dei più diffusi veicoli commerciali compatti. Le dimensioni di questo mini truck (o pick up che dir si voglia) sono contenute in una lunghezza di soli 3.800 mm, con larghezza di 1.500 mm e altezza (alla cabina) di 1.820 mm. A fronte di dimensioni così contenute, che sono sinonimo di agilità nel traffico urbano, incluse certe strette strade dei centri storici, l’Ace offre un piano di carico lungo 2.200 mm e largo 1.500 mm, con altezza della sponda di 300 mm. Il tutto per una portata di oltre 700 kg.

Share and Enjoy

  • Google Plus
  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon

TAGS: auto elettriche motore elettrico

Lascia una risposta

 
Pinterest