I supermercati Franprix consegnano con EV

I supermercati Franprix consegnano con EV

30 gen, 2012

Perché passa ad un veicolo elettrico?
Il gruppo di supermercati Casinò dismette progressivamente i propri furgoni diesel per la consegna a domicilio. A conti fatti, un buon affare.

di Francis Lecompte
Fonte: Capital.fr

Silenzioso, arriva dappertutto ed è in grado di raggiunge gli 80 chilometri all’ora sulle tangenziali… Da circa un anno i negozi parigini Franprix stanno gradualmente sostituendo i loro camion diesel tradizionali con dei , i modelli elettrici prodotti dalla società Eco&Mobilité di Poitou. Un centinaio di loro dovrebbe già muoversi per le strade della capitale alla fine del 2012.

Per ora, questi furgoncini sono usati solo per la consegna a domicilio. Questa è già una rivoluzione nel mondo della logistica, non convinta dalla autonomia e della velocità dei veicoli elettrici. Franprix, con le sue dimensioni (1,6 miliardi di euro di fatturato) e la sua strategia di diffusione appare chiaramente predisposta a giocare in avanscoperta.

La maggior parte dei clienti dei suoi 900 negozi abita entro 500 metri da un punto vendita e spende una media di 35 euro.

“Siamo un vero e proprio supermercato dove poter fare acquisti per tutta la famiglia, non solo un negozio. La consegna è dunque un servizio essenziale”, ha detto un funzionario dell’azienda. Eseguendo due o tre giri nel corso della giornata, un autista viaggia meno di 30 km, mentre l’autonomia della SimplyCity viaggia tra i 50 e i 60 km. Cinque o sei ore sono sufficienti per fare il “pieno”.

Un prezzo imbattibile. I vantaggi? Sono molti. Più corto e quindi più maneggevole, il veicolo può contenere lo stesso volume di merci di un Renault Kangoo. Il suo prezzo non è più alto e richiede una manutenzione limitata.

Franprix nel calcolo è stata rapida. A un centesimo di euro per chilometro, il costo del trasporto è diviso per dieci! Il prezzo della batteria – 1200 euro – dovrebbe essere ammortizzato in tre anni. trasformando tutta la flotta in veicoli elettrici, Franprix dovrebbe realizzare notevoli risparmi. Soprattutto da quando ha iniziato a uscire di Parigi e ad avventurarsi a Lione, Tolosa e Bordeaux e non si limita alla consegna a domicilio. “Stiamo valutando la possibilità di trasporto di alcune merci con chiatte e di instradare i nostri camion elettrici ai nostri magazzini”, rivela un dirigente.

A lungo termine, l’azienda si sta preparando per una restrizione probabile di circolazione dei veicoli a benzina nei centri urbani, come molti piani urbanistici hanno programmato per i prossimi dieci anni. I concorrenti non si può dire che non ne fossero a conoscenza.

Share and Enjoy

  • Google Plus
  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon

TAGS: consegne a domicilio Franprix SimplyCity

Lascia una risposta

 
Pinterest