Seat presenta la Leon Verde

Seat presenta la Leon Verde

17 giu, 2013

Seat presenta la Leon Verde, prototipo elettrico plug-in
 
- SEAT svela il prototipo elettrico, sulla base della nuova berlina Leon
- Il prototipo Leon Verde è il culmine del Progetto quadriennale spagnolo di ricerca
- Ibrida plug-in equipaggiata con un motore a benzina 1.4 TSI 122 CV ed un motore elettrico da 102 CV
- 176.6 mpg nel ciclo combinato; 36 g/km di CO2; 31 miglia (50 km) di autonomia solo in modo elettrico
- Innovativo sistema di carica a due vie è intelligentemente legato alla domanda di energia di rete; incentivi finanziari per la ricarica in periodi di basso consumo globale dalla rete

Fonte: Seat Automobiles

11 Giugno 2013. Seatha presentato oggi un nuovo prototipo ibrido plug-in basato sulla nuova Leon, durante l’evento di chiusura ufficiale del progetto di ricerca pionieristico Cenit Verde che lo ha prodotto.

Chiamata , il prototipo è il culmine di un progetto di ricerca quadriennale per facilitare l’introduzione sul mercato di un veicolo elettrico in Spagna.

Più di 800 professionisti provenienti da 16 aziende private e 14 enti pubblici nel Paese d’origine della Seat hanno unito le forze nel progetto Cenit Verde, che è stato istituito per sviluppare alternative sostenibili per l’energia automotive e delle infrastrutture.

Cenit Verde, che si traduce come Zenith Verde, è stata presieduta dal Centro Tecnico Seat di Martorell, con il sostegno del Ministero dell’Economia e la Competitività della Spagna. Con un bilancio complessivo di 34 milioni di Euro è diventato un progetto di riferimento in Europa in virtù di essere uno dei primi partenariati pubblico-privato, e in riconoscimento della ampiezza della sua ricerca.

A parte lo sviluppo del prototipo Leon a base ibrida plug-in, il progetto Cenit Verde ha visto lo sviluppo di un innovativo sistema di ricarica intelligente. Il sistema è in grado di stabilire automaticamente quando la rete elettrica ha una bassa domanda e può caricare la macchina solo durante quei tempi, con una tariffa inferiore.

Questo avvviene sia per risparmiare i soldi dei consumatori che per ridurre lo sforzo sulla rete di energia, è la natura collaborativa del progetto Cenit Verde che ha permesso a questa gestione intelligente della domanda dell’energia e di sviluppare soluzione di ricarica variabile.

Seat Leon Verde: un prototipo innovativo

La Seat Leon Verde è l’incarnazione del progetto Cenit Verde. Alimentata da un motore 1.4 litri a benzina TSI 122 CV collegato ad un motore elettrico da 102 CV, per una potenza massima combinata di 170 CV, la sua autonomia in modo solo elettrica con una carica completa è di 31 miglia (circa 50 km). Con una batteria completamente carica e il serbatoio di benzina da 40 litri completo, l’autonomia totale è di 507 miglia (815 km).

Questo equivale a un consumo di carburante nel ciclo combinato di 176,6 mpg e appena 36 g/km di emissioni di CO2. *

In linea con il suo tema futuristico, la Leon Verde è dotata di un avanzato Human-Machine Interface (HMI) integrati in una applicazione smartphone. Ciò consente al conducente di connettersi alla macchina tramite una rete wireless con il proprio smartphone per gestire funzioni come il consumo di energia, lo stato della carica della batteria, la gestione della ricarica ed il risparmio stimato di CO2 in modalità elettrica; due brevetti sono stati ottenuti nel corso della creazione del sistema.

Inoltre, il progetto ha consentito lo sviluppo di un Driving Cycle Predictor, che analizza e memorizza le abitudini e lo stile di guida del conducente, utilizzando queste informazioni per ottimizzare il consumo di energia e ridurre le emissioni di CO2. Seat ha ottenuto anche un brevetto per questa tecnologia.

Gestione intelligente della domanda di energia

L’approccio olistico allo sviluppo dei veicoli elettrici intrapreso dal progetto Cenit Verde ha portato non solo un modo del tutto nuovo nella ricarica del veicolo elettrico, ma pure un approccio completamente nuovo per le infrastrutture di ricarica.

In collaborazione con aziende tra cui Cobra, Endesa, Iberdrola e Red Electrica Espana, è stato sviluppato un sistema innovativo di negoziazione tariffaria e di gestione intelligente dell’energia, che permette efficacemente la vettura di ‘interagire’ con la rete elettrica – ridurre la pressione sulla rete e, in ultima analisi, risparmiare i soldi dell’utente.

Il sistema rileva quando il consumo globale di energia è basso sulla rete, e incentiva, per mezzo di una riduzione dei costi, la carica in questi tempi. Se la vettura viene lasciata collegata a una fonte di alimentazione 19:00-07:00, ad esempio, il sistema carica solo la macchina nel momento in cui rileva che la domanda complessiva è scesa, utilizzando un gestore di ricarica.

L’utente può specificare se lui o lei desidera che il sistema lavorari in questo modo, pagando meno l’energia consumata quando la domanda è bassa. In alternativa, è disponibile una funzione standard di ricarica rapida.

Ma la Leon Verde è una macchina che dà anche elettricità alla rete oltre a prenderla dalla rete. Infatti attraverso un caricatore di bordo Lear 20 kW, la Leon Verde permette la connessione a due vie alla rete, permettendo alla stessa rete di nutrirsi dell’energia elettrica dalla macchina.

, vicepresidente per gli affari governativi e istituzionali di Seat e del Gruppo Volkswagen in Spagna, ha descritto il progetto come “il programma di ricerca più ambizioso realizzato da un consorzio di imprese spagnole in un importante ambito tecnologico, come ad esempio la mobilità elettrica.”

Paredes ha evidenziato il fatto che “i fondi destinati al finanziamento delle attività di R & S costituiscono un elemento fondamentale della politica industriale di un Paese sviluppato, o almeno se vuole continuare ad esserlo. L’esperienza ci dice che i Paesi che sono stati in grado di andare contro corrente sono riusciti a uscire dalla crisi più rapidamente e più in forma “.

, Director of Whole Vehicle Development, Electro-mobility and Innovation, ha evidenziato il contributo del marchio spagnolo, dichiarando che, “la capacità di leadership di Seat e la sua esperienza tecnologica, che abbraccia lo studio e lo sviluppo di veicoli elettrici, hanno facilitato l’integrazione dei magnifici contributi realizzati da tutti i partecipanti. Questa partnership ha sottolineato la competitività di prim’ordine dell’industria spagnola”.

La Seat Leon Verde prototipo è un veicolo di ricerca e sviluppo e il risultato del progetto di collaborazione Cenit Verde di ricerca. Non ci sono piani per mettere la macchina in produzione di serie.

* Previsto NEDC (Nuovo ciclo di guida europeo) figure

Dati Tecnici – Seat Leon Verde

Motore a combustine: Otto 1,4 l TSI 90 kW
Motore elettrico: 75 kW, 330 Nm
Batterie: Li-Ion
Capacità nominale: 8,8 kWh
Autonomia in modo elettrico (NEDC): 50 km
Autonomia complessiva: 816 km
Potenza massima complessiva: 125 kW
Velocità massima in elettrico / ibrido: 130 / 207 km/h
Consumo (NEDC, forecast)
elettrico: 143 Wh/km
ibrido: 4,6 l/100 km
combinato*: 1,6 l/100 km
Emissioni di CO2 (ECE-R101): 36 g/km
Peso: 1535 kg
Capacità serbatoio: 40 l
Dimensioni lunghezza/larghezza/altezza: 4,271 / 1,816 / 1,444 m
(*) Secondo ECE R101
NEDC: New European Driving Cycle

 

Share and Enjoy

  • Google Plus
  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon

TAGS: cenit verde Fermín Soneira motori ibridi Ramón Paredes Seat Leon Verde

Lascia una risposta

 
Pinterest