Renault City Roaming a Napoli

Renault City Roaming a Napoli

5 lug, 2013

Renault con Ci.Ro. (City Roaming) per un innovativo sharing elettrico a Napoli

Fonte: Renault Italia

Napoli, Italia. 4 luglio 2013. A Napoli i veicoli elettrici Renault incontrano un progetto inedito di car e van sharing che integra servizi per il cittadino di infomobilità e di gestione pratiche amministrative. Nasce così , progetto promosso dall’Associazione , che si avvale di una flotta di 8 Renault ZOE e 3 Renault Kangoo Z.E. per promuovere una soluzione di mobilità innovativa e a zero emissioni.

Al lancio a Napoli Ci.Ro., acronimo di City Roaming, progetto sperimentale di car e van sharing che si avvale di veicoli 100% elettrici Renault ZOE e Kangoo Z.E. per sperimentare un sistema inedito di ottimizzazione del traffico cittadino, abbinando alla condivisione dell’auto anche ulteriori servizi al cittadino. I 4 Ci.Ro. points, chioschi multimediali collocati lungo il perimetro delle aree ZTL, operativi dal mese di settembre, consentiranno, infatti, non solo l’iscrizione al servizio di sharing e l’accesso all’utilizzo dei veicoli elettrici Renault, ma anche la possibilità di espletare pratiche amministrative a km 0, e più in particolare richiedere ed ottenere permessi ed autorizzazioni ad oggi di competenza di S.r.l..

Parte della energia del sistema è autoprodotta con fonti rinnovabili al fine di contribuire ulteriormente all’ambiente.

Innovativo, inoltre, il software di infomobilità appositamente sviluppato, che alle classiche funzioni di navigazione abbina sistemi per l’ottimizzazione dei tempi di viaggio e informazioni sul territorio (luoghi turistici e culturali, shopping, ristoranti,…) sulla base della destinazione scelta dall’utente.

Ci.Ro., ideato dalla Napoli Città Intelligente ente no profit vede collaborare Renault, leader europeo della mobilità elettrica,in un servizio di mobilità innovativo ed ecologico.

Ci.Ro. conta su una flotta complessiva di 11 veicoli 100% elettrici Renault, strutturata per lo studio della ottimizzazione funzionale e dimensionale di servizi idonei a sopperire alle esigenze di mobilità sia della cittadinanza che dei turisti.

8 Renault ZOE assolveranno alle funzioni di car sharing. Berlina compatta 100% elettrica dotata di un motore elettrico da 65 kW, Zoe è un concentrato delle più avanzate tecnologie: il sistema Range OptimiZEr per l’ottimizzazione dei consumi energetici, il valore di autonomia media più elevato fra i modelli elettrici di grande serie pari a 210 km (in ciclo NEDC), il connettore a bordo auto Chameleon per ricaricarsi con qualunque livello di potenza anche a 43 kW in soli 30 minuti, il tablet multimediale R-Link per essere sempre connessi al mondo esterno.

Il servizio di van sharing sarà affidato a 3 Renault Kangoo Z.E. Furgonetta elettrica equipaggiata con una motorizzazione da 44 kW e dotata di un’autonomia media di 170 km, Kangoo Z.E. è ideale per il trasporto delle merci in ambito urbano e quindi per le consegne o gli interventi di prossimità, grazie ad una capacità di carico di 650 kg.

La prenotazione del veicolo potrà essere effettuata a partire da settembre sull’apposito sito web www.cityroaming.org oppure tramite l ’App per smartphone, e non necessita di abbonamento, elemento questo molto importante per consentire anche ai turisti di usufruire del sistema. Dopo la prenotazione, il veicolo Renault potrà essere prelevato presso uno dei Ci.Ro. Points e riconsegnato in uno qualsiasi dei punti, anche diverso da quello di partenza.

Ai benefici ambientali del sistema Ci.Ro. (riduzione del traffico, delle emissioni inquinanti ed acustiche,..) numerosi sono i vantaggi che si aggiungono per l’utente con l’adozione dei veicoli in sharing in alternativa al proprio veicolo per le proprie esigenze private o professionali: libero accesso alle ZTL, transito nelle corsie preferenziali, sosta gratuita nei parcheggi gestiti da Napolipark. Vantaggi correlati all’utilizzo di veicoli 100% elettrici, a cui si aggiunge l’opportunità di richiedere autorizzazioni associate alla mobilità, senza dover recarsi fisicamente negli uffici con conseguente abbattimento dei tempi di trasferimento.

, Direttore Comunicazione di Renault Italia,ha dichiarato:

“Ci.Ro. City Roaming è un’ulteriore opportunità per dimostrare l’innovatività e la versatilità dei veicoli elettrici, tecnologia ideale per soluzioni di mobilità alternative. Il car sharing ed il van sharing sono formule sempre più opportune in città impegnate a disegnare un nuovo volto più sostenibile ed eco -compatibile delle proprie strade e della propria viabilità. L’avanguardia tecnologica di Renault ZOE e la funzionalità di Kangoo Z.E. trovano in Ci.Ro. un utile campo di applicazione per la progressiva affermazione della mobilità elettrica a zero emissioni, dove una tecnologia innovativa si coniuga al pieno rispetto dell’ambiente”.

Il presidente di Napoli Città Intelligente ha commentato: ”il nostro progetto, finanziato dal nell’ambito degli interventi per le Social Innovation che vede beneficiari giovani under 30, sta richiedendo un notevole sforzo di integrazione di tecnologie complesse.

L’obiettivo è configurare servizi integrati per la riduzione del traffico urbano facili all ’uso, economici ed idonei non solo a contribuire alla tutela dell’ambiente, ma anche all’economia del territorio. Fondamentali sono stati l’apporto di aziende come Renault e Vodafone ed il supporto finanziario datoci da Banca Etica senza dimenticare la collaborazione costante con l’Amministrazione Comunale di Napoli”.

* L’utilizzo dell’espressione “zero emissioni” nel presente documento, ogni volta che ricorre, è da intendersi solo in fase di utilizzo del veicolo.

 

 

Share and Enjoy

  • Google Plus
  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon

TAGS: Alessandra Mennella Ci.Ro. City Roaming Francesco Fontana Giusti MIUR Napoli Città Intelligente Napolipark

4 commenti

  1. raffaele /

    Salve, partendo da una intuizione sull’energia potenziale cioè sul peso che i veicoli scaricano a terra con le ruote, ho immaginato che inserendo nella ruota(sia pneumatico che cerchione delle dinamo o del piezoelettrico si riesce a produrre energia elettrica a basso costo per il solo fatto che la ruota giri, senza generare ulteriori attriti.Personalmente ho cercato abboccamenti con l’università di Potenza, dove vivo, o con qualche imprenditore che potesse essere interessato allo sviluppo di questa ruota ed altro… ma è stato tutto vano. Se potete fare qualcosa voi, ne sarei felice.
    Inoltre, se mi mandate una mail potrei inviarvi un allegato di quattro pagine dove vi espongo il mio ragionamento e quello che avrei potuto avviare avendo a disposizione i primi 500.000 euro che mi consigliano di raccogliere prima…
    Forse, alla mia età, me ne starei in vacanza 11 mesi all’anno…
    dove la mia pensione vale di più.
    Se vi ho annoiato,scusate il disturbo.
    Raffaele Garramone
    Potenza

    • M.Padin /

      Sig. Raffael:
      Nessun disturbo… ci mancherebbe !!! Anzi… il suo intervento aiuta ad arricchire il portale, l’articolo… e probabilmente anche le polemiche… che in questo caso sono benvenute perchè costruttive.
      Puoi inviarci l’email a info@electricmotornews.com in modo che alcuni tecnici di nostra fiducia possano valutare…
      Grazie ancora !!

    • Vittorio /

      Salve Raffaele,
      possiamo metterci in contatto? Avrei delle idee in merito allo sviluppo visto che le ho pensate anche io.
      Mi lasci una mail che ci aggiorniamo se interessato.Intanto le lascio la mia: vittorio.management@gmail.com

      Vittorio.

Lascia una risposta

 
Pinterest