Le batterie FlowCell potrebbero essere rivali di Tesla

Le batterie FlowCell potrebbero essere rivali di Tesla

8 ott, 2015

di Stephen Edelstein

Fonte: GreenCarReports

 

2 Ottobre 2015. Mentre l’uso delle energie rinnovabili diventa sempre più diffuso, l’immagazzinamento di energia potrebbe diventare un grande business.

Usando le stazionarie per immagazzinare energia si aumenta l’efficacia eolica e solare.

Tesla Motors spera di sfruttare questo potenziale mercato con i pacchi batterie che utilizzano le stesse celle agli ioni di litio che equipaggiano le sue macchine elettriche.

Ma i ricercatori della Harvard credono che ci sia un’altra configurazione che potrebbe meglio adattarsi allo stoccaggio di energia.

Il professor e il suo team sono alla ricerca delle batterie flow-cell, credendo che hanno certe proprietà che li rende una scelta migliore per questo tipo di utilizzo, secondo Gizmag.

Nelle celle di flusso, un elettrolita liquido viene fatta circolare tra i due serbatoi, con una membrana in mezzo. Le particelle che passano attraverso la membrana producono una carica elettrica – simile al modo in cui l’elettricità viene generata nelle celle a combustibile ad idrogeno.

Una batteria flow cell può essere regolata cambiando la dimensione dei serbatoi, mentre l’uscita di energia può essere modificata regolando l’area della membrana.

I ricercatori sostengono che le batterie flow-cell possono rimanere inattive per lunghi periodi di tempo senza perdere carica, e non sono influenzate dalle temperature estreme.

Essi sostengono che una unità di stoccaggio di energia del tipo flusso di celle potrebbe rivelarsi più conveniente di un’analoga unità agli ioni di litio.

Il progetto in fase di test presso Harvard utilizza materiali più facilmente reperibili rispetto alle celle agli ioni di litio, che sono anche più sicuri di quelli utilizzati in progetti precedenti, sostengono i ricercatori.

Alcune flow-cell precedenti sono state costruite in vanadio e bromo utilizzati dissolti in acido come la loro elettrolita.

Dallo scorso anno, i ricercatori hanno testato una flow-cell che utilizza chinoni invece di vanadio, e ferrocianuro invece di bromo.

Questa utilizza una soluzione alcalina meno corrosiva, consentendo i serbatoi in plastica di essere più leggeri e meno costosi.

La sostituzione dei serbatoi metallici usati in altri veicoli è stato fatto a costo di un’aggiunta di resistenza elettrica, ma questo è stato fatto aumentando la tensione.

I ricercatori dicono che le loro celle prototipo superano il 99 per cento di efficienza e potrebbero avere una vita utile di 1.900 cicli.

Tuttavia, essi sembrano avere una densità di energia inferiore rispetto le celle agli ioni di litio.

Nel laboratorio, i ricercatori hanno ottenuto solo 19 Wh per litro, rispetto ai 300 Wh al litro per una cella agli ioni di litio.

Tuttavia, il team di Harvard ritiene che le sue flow-cell potrebbero essere commercialmente redditizie per lo stoccaggio di energia entro tre anni.

Questa non è l’unica applicazione proposta per le flow-cell.

La tedesca ha presentato diversi concept di automobili a flow-cell – tra cui una coupé di lusso da 1075 cavalli.

Ma mentre la società ha ottenuto l’approvazione da parte delle autorità tedesche per testare le sue vetture su strade pubbliche, è stata leggera sui dettagli circa le prospettive di produzione.


Share and Enjoy

  • Google Plus
  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon

TAGS: batterie flowcell michael aziz nanoFLOWCELL AG quantino quantum

Lascia una risposta

 
Pinterest