L’elettrica Porsche Mission E costerà meno della Panamera

L’elettrica Porsche Mission E costerà meno della Panamera

18 mar, 2017

di John Voelcker

Fonte: GreenCarReports

 

16 Marzo 2017. I fan più accaniti di Porsche di lamentano dall’espansione della gamma della casa tedesca verso il settore delle berline e, peggio ancora, dei SUV.

La grande berlina Panamera ed i SUV Cayenne e Macan non sono solo alcuni dei modelli più popolari di Porsche, ma fondano il loro sviluppo nella leggendaria sport coupé 911 a motore posteriore e nelle Boxster e Cayman coupé e convertibili a motore centrale.

Proprio come la piccola Macan realizzata sotto la falsariga del più grande SUV Cayenne, Porsche ha da tempo detto che stava considerando la realizzazione di una berlina più piccola e più conveniente che potrebbe posizionarsi sotto la Panamera.

Questa berlina più conveniente (in termini di Porsche, in ogni caso) ha anche un nome in codice ampiamente accettato: “” o la sua abbreviazione .

La presentazione della splendida berlina Mission E completamente elettrica al salone dell’auto di Francoforte 2015 ha mischiato le acque. Mentre sembra una coupé, la Mission E è in realtà una berlina molto bassa con quattro porte e un tetto fastback.

Era una terza berlina, o una variazione del Pajun quello che ci si aspettava per offrire modelli convenzionali e ibridi plug-in?

Ora abbiamo la risposta: la Mission E è il Pajun.

Il , , ha detto che la Mission E “manterrà un layout berlina a quattro porte”, e forse altrettanto importante, avrà un prezzo per competere in un “segmento al di sotto della Panamera.”

Quest’indicazione probabilmente la colloca da qualche parte nella gamma dai 50mila agli 80mila dollari; le versioni statunitensi della Panamera ora partono da circa 85mila dollari per un modello base a trazione posteriore con un motore V-6 twin-turbo da 2,9 litri.

Questo prezzo probabilmente collocherebbe la prossima contro l’estremità superiore della prossima Tesla Model 3 e contro la Lucid Air, quindi quella macchina dovrebbe essere disponibile in produzione ad un prezzo di partenza di 60mila dollari.

La Missione E offrirà una varietà di versioni di alimentazione, ha detto Blume, che la rende una gamma di auto piuttosto di un unico modello. Questo segue la pratica di Porsche per i suoi vari modelli, così come la gamma di offerte di Tesla Model S e modello X.

La società ha detto in precedenza che si prevede un’autonomia di più di 300 miglia (oltre 490 km) e una potenza di 600 cavalli, per la versione iniziale in produzione della Mission E.

Blume ha anche detto che Porsche implementerà gli aggiornamenti over-the-air durante la durata della vita della vettura, con alcuni aggiornamenti potenzialmente in grado di sbloccare maggiori prestazioni.

Suona forse come una lezione presa da una certa casa automobilistica elettrica di Silicon Valley?

La vettura dovrebbe avere anche un sistema di ricarica veloce ad alta potenza da 800 Volt DC che consentirà di ricaricare l’80 per cento della batteria in soli 15 minuti.

La versione di produzione della Mission E verrà costruita su una piattaforma di auto elettrica sviluppata da Porsche chiamata J1.

Nonostante gli sforzi del Gruppo VW per diffondere lo sviluppo delle auto elettrico tra più marche, le basi della Mission E sono completamente separate da quelli da utilizzare per il crossover elettrico e-tron di Audi, conosciuto come il C-BEV.

Entrambi questi sono diversi dalla piccola piattaforma MEB dalla quale vengono sviluppate da Volkswagen le auto elettriche compatte; l’architettura MEB dovrebbe inoltre essere utilizzata per un modello di Audi elettrica compatta.

La Mission E è prevista di andare in vendita nei mercati iniziali durante il 2019.

.

Share and Enjoy

  • Google Plus
  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon

TAGS: CEO di Porsche Oliver Blume pajun panamera junior porsche mission e porsche panamera

Lascia una risposta

 
Pinterest