Opel Insignia 2012: Nuovi motori – Caratteristiche premium

Opel Insignia 2012: Nuovi motori – Caratteristiche premium

11 ago, 2011

• Al vertice del segmento: il nuovo turbo 1.4  140 cv con Start/Stop è il motore a benzina  con minori consumi ed emissioni del  segmento
• Potente: il nuovo turbo 2.0 da 185 kW/250 cv eroga 400 Nm di coppia
• Intelligente: dispositivo Start/Stop disponibile su molte motorizzazioni
• Più tecnologia: nuova generazione di navigatori, Opel Eye evoluto con Forward Collision ALert, AFL+

Fonte: General Motors Italia

Rüsselsheim, Germania. 11 agosto 2011. Dal suo debutto, ha ricevuto più di 50 premi nazionali e internazionali, tra cui il titolo più prestigioso di “Auto dell’anno 2009”. I clienti hanno confermato l’apprezzamento della critica con una domanda sostenuta – fino a oggi le vendite dell’ammiraglia del Marchio hanno superato le 400.000 unità. Grazie a nuovi motori a benzina e tecnologie all’avanguardia, Insignia è destinata a continuare la sua storia di successi  con il model year 2012. Prezzi a partire da 25,900 Euro

Il nuovo motore a benzina da 103 kW/140 cv ridefinisce consumi ed emissioni

Il motore benzina  1.4 turbo di nuova concezione, è il prodotto di un “downsizing” senza compromessi. Si tratta infatti del motore a benzina più ecologico  nel segmento D, insieme alla trasmissione manuale a sei velocità, al dispositivo Start/Stop, al servosterzo elettrico, al rivestimento aerodinamico del sottoscocca e ai pneumatici 225/50 R 17 a bassa resistenza al rotolamento.

Nel loro insieme, sulla versione berlina questi interventi riducono di due litri per cento chilometri il consumo di carburante del turbo 1.4, che scende a 5,7 litri per 100 chilometri. Le emissioni di CO2 calano a 134 grammi per chilometro. La coppia erogata dal motore a benzina più ecologico nel suo segmento aumenta invece di quasi il 15 per cento, e ora è di 200 Nm.

Grazie a questi valori, Insignia 1.4 turbo  è in grado di accelerare da 0 a 100 km/h in soli 10,9 secondi, e di raggiungere una velocità massima di 205 km/h. Il modello di punta di Casa Opel è disponibile con questo propulsore nella versione berlina o Sports Tourer e anche quest’ultima, con un consumo di 5,9 litri per 100 km ed emissioni di CO2 pari a 139 g/km, si pone al vertice del segmento delle station wagon . 

Tra le ottimizzazioni introdotte sul nuovo propulsore vi sono anche i nuovi rapporti della trasmissione, che contribuiscono a ridurre i consumi e a migliorare l’agilità della vettura. Il servosterzo elettrico REPS (Rack Assist Electric Power Steering) montato per la prima volta su Insignia, garantisce il massimo comfort, grazie alla possibilità di adattare le proprie caratteristiche in maniera ancora più flessibile a qualsiasi situazione di guida. Un vantaggio significativo del sistema REPS è il potenziale risparmio di carburante, e dunque una riduzione di emissioni di CO2, in quanto non sempre esso si affida alla pompa servo idraulica, ma il servosterzo elettrico è in funzione solo quando è necessario.

2.0 turbo 4×4: più potenza e coppia, meno consumi

Il turbo due litri a iniezione diretta associato alla trazione integrale all’avanguardia entra a far parte della nuova versione con 30 cv di potenza in più. E’ disponibile con AWD trasmissione manuale a sei velocità. Il motore eroga 185 kW/250 cv e una coppia massima di 400 Nm (rispetto ai precedenti 350 Nm). Questa potente motorizzazione con il cambio manuale è in grado di scattare da 0 a 100 km/h in soli 7,5 secondi. La velocità massima è limitata elettronicamente a 250 km/h.

Il turbo 2 litri dimostra in maniera impressionante che è possibile aumentare la potenza e ridurre contemporaneamente i consumi di carburante. Attraverso interventi significativi  come l’inserimento del dispositivo Start/Stop e l’adozione di pneumatici a bassa resistenza al rotolamento, i tecnici Opel sono riusciti a diminuire i consumi di carburante e le emissioni di CO2 a 8,4 l/100 km e a 197 g/km (dati precedenti: 8,9 l/100 km, 209 g/km CO2). Grazie all’aumento di potenza e coppia e a una dinamica ancora più spiccata, oltre che alla simultanea riduzione dei consumi di carburante, la Insignia 2.0 turbo 4×4 convince per le sue prestazioni al vertice nel segmento delle medie premium.

Il dispositivo Opel Start/Stop su diverse motorizzazioni

Il dispositivo Start/Stop di Opel non compare solo sulle due unità appena menzionate. Anche il turbo 2.0 da 162 kW/220 cv a trazione anteriore e cambio manuale a sei rapporti sarà infatti presto disponibile con questa intelligente tecnologia che consente di risparmiare carburante, oltre a essere dotato di rivestimento aerodinamico del sottoscocca e pneumatici a bassa resistenza al rotolamento.

I consumi diminuiscono di 0,5 litri e scendono a 7,6 litri per 100 chilometri. Il dispositivo Start/Stop si esprime al massimo nel traffico urbano, dove è possibile risparmiare fino a un litro ogni 100 chilometri. Le emissioni di CO2 nel ciclo combinato vengono ridotte di conseguenza a 179 grammi per chilometro rispetto ai precedenti 189.

I nuovi sistemi di infotainment

I nuovi sistemi di infotainment Navi 600 e Navi 900 Europa sono ulteriormente evoluti rispetto alle versioni precedenti funzionanti con CD o DVD per quanto riguarda la gamma delle funzionalità offerte. Le mappe sono contenute su schede SD, e possono essere adattate per rispondere alle necessità individuali dei clienti. Oltre ai punti di interesse predefiniti (POIs), è possibile scaricarne altri e salvarli nel sistema. Il guidatore può selezionare singoli punti di interesse e memorizzarli nella rubrica come POIs individuali. Un altro elemento pratico: oltre al percorso più veloce e a quello più breve, il navigatore consente anche di scegliere il più economico, ossia quello con il minor consumo di carburante.

Il sistema Navi 900 Europa offre inoltre una funzione di riconoscimento vocale e di diario, quest’ultimo con la possibilità di distinguere viaggi privati e d’affari. La vicinanza di punti di interesse viene comunicata al guidatore mediante un segnale acustico, un testo o un popup. A partire dall’allestimento “Elective”, è disponibile anche un impianto audio Infinity di qualità particolarmente elevata.

La videocamera anteriore Opel con ulteriori funzionalità

Opel Insignia offre anche altre ottimizzazioni sulla nuova versione per quanto riguarda la sicurezza. La nuova videocamera anteriore Opel Eye, utilizzata per il riconoscimento dei segnali stradali e l’avviso in caso di superamento involontario di corsia, ora dispone anche della indicazione della distanza dalla vettura che precede (Following Distance Indication) tradotta in secondi.

Questa funzione si attiva automaticamente a partire da una velocità di 40 km/h e aiuta il guidatore a evitare tamponamenti e multe per il mancato rispetto della distanza di sicurezza. Il Forward Collision Alert informa il guidatore in maniera visiva sul quadro strumenti e con un allarme acustico di una possibile collisione imminente con la vettura che precede. Inoltre, la videocamera anteriore disponibile a richiesta insieme ai fari AFL+ funge da sistema High Beam Assist per il passaggio automatico da anabbaglianti ad abbaglianti e viceversa in base alla presenza di altri veicoli.
Alain Visser, Vice Presidente Vendite, Marketing e Post-vendita di Opel, ha dichiarato quanto segue :

“Grazie a questo nuovo modello di Insignia e alle sue caratteristiche innovative  soprattutto in  termini di riduzione dei consumi  e delle emissioni di CO2 ,Opel rafforzerà la sua eccellente posizione nel segmento, a tutto vantaggio dei nostri clienti.”

 

 

 

Share and Enjoy

  • Google Plus
  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon

TAGS: opel insignia stop&start

Un commento

  1. spett.le Opel,
    e chi ha ritirato come me neanche da un mese una insignia ST 2.0 220cv turbo 4×4 Automatica non avrebbe motivo di inca…cchiarsi ? Daccordo il progresso ma ho appena ritirato un auto nuova di pacca che ne fanno già una nuova, più potente, più accessoriata e pure più parca nei consumi.
    E non dovrei incacchiarmi?
    La Opel dovrebbe quanto meno richiamarmi per prendere la mia auto e aggiornarla alle sudette modifiche ma naturalmente se ne guarderà bene dal farlo.
    Già nel lontano 1993 quando acquistai la esordiente astra 1.6 sw dopo neanche una settimana la signora Opel mi tirò fuori il modello 1.8.
    Sono deluso, non penso che la opel mi fregherà una terza volta…non penso proprio.
    Comunque grazie, grazie molte.

Lascia una risposta

 
Pinterest