Progetto britannico Rapid Charge Network

Progetto britannico Rapid Charge Network

17 set, 2014

Il progetto britannico “” promuove una rete di stazioni di ricarica multi-standard per veicoli elettrici su copertura nazionale

Un progetto congiunto dell’UE fornirà ai proprietari di veicoli elettrici una rete di stazioni di

ricarica rapida in tutto il territorio britannico, in collegamento con l’Irlanda e l’Europa.

Fonte: Italia

 

Rolle, Svizzera. 10 settembre 2014. Nissan è alla guida di una partnership tra produttori di veicoli elettrici a batteria (BEV) per un progetto congiunto, nell’ambito del programma Trans-European Transport Network () dell’Unione Europea, per creare una rete multi-standard, con condivisione delle informazioni (interoperable), nel Regno Unito e in Irlanda.

Oltre a finanziare questo programma da oltre 7 milioni di euro, il consorzio sta offrendo agli altri aderenti al progetto i vantaggi del suo vasto know-how nel campo dei BEV.

Nissan condivide la leadership del progetto con BMW, VW e Renault: è la prima volta che le principali case automobilistiche produttrici di BEV si riuniscono per accelerare la crescita delle infrastrutture di ricarica per i veicoli elettrici (EV), considerata un fattore chiave per rendere la mobilità a emissioni zero una realtà di mercato. Il progetto è gestito da Zero Carbon Futures a Sunderland che si avvale anche del know-how, in materia di network, dell’azienda ESB e dell’Università di Newcastle. ESB è una delle principali realtà irlandesi operanti nel settore dell’energia ed è stata a capo del progetto TEN-T, giunto a compimento quest’estate.

Una volta completato, il progetto UK Rapid Charge Network (RCN) fornirà il territorio con una rete di oltre 70 punti di ricarica rapida, coprendo circa 1.100 km di arterie stradali e fornendo colonnine di ricarica rapida a quattro porti e cinque aeroporti internazionali.

Il progetto RCN, che coinvolge due dei principali assi stradali del Regno Unito, collegherà i maggiori porti e centri urbani, tra cui Stranraer, Liverpool, Holyhead, Birmingham, Felixstowe, Leeds e Hull. Altre reti si estenderanno a Dublino, in Irlanda, e a Belfast, nell’Irlanda del Nord.

I punti di ricarica rapida sono lo stato dell’arte delle unità multi-standard, compatibili con auto che usano sistemi a 44kW in corrente continua CCS, a 44 kW in corrente continua CHAdeMO o a 43 kW in corrente alternata. Ciò significa che tutti i proprietari di EV che si spostano all’interno di Regno Unito e Irlanda potranno intraprendere lunghi viaggi nella certezza che i punti di ricarica saranno sempre a portata di mano.

Dieci punti di ricarica rapida sono già stati installati e a breve saranno commissionati altri 28 siti. L’inizio ufficiale delle attività di implementazione del progetto è stato accompagnato da una cerimonia tenutasi il 9 settembre 2014 presso Corley Services, sull’autostrada M6 di Coventry, nel Regno Unito.

, il ministro britannico dei trasporti, ha dichiarato: “Quello della rete di colonnine di ricarica veloce per i veicoli elettrici è un progetto che abbiamo preso molto seriamente, tanto che abbiamo previsto un pacchetto completo di iniziative per aiutare i consumatori e il settore automobilistico a passare alle auto elettriche. Oggi il Regno Unito possiede la rete di impianti di ricarica migliore d’Europa. Progetti come questo mettono in evidenza come il settore stia guardando con fiducia a questo mercato in rapida crescita.”

La rete britannica fa parte del programma (TEN-T), per metà finanziato dall’Unione Europea, e rappresenta un investimento di € 7.358.000.

Tra i produttori di veicoli elettrici a batteria Nissan è quello che sta fornendo il maggiore contributo economico, di cui una parte considerevole sarà usata per finanziare un programma di ricerca diretto dall’Università di Newcastle. Ciò a conferma dei vantaggi offerti da una rete interoperativa di torrette di ricarica così avanzata.

Le informazioni strategiche raccolte dagli utenti, tra cui il comportamento dei clienti in continua evoluzione e i cambiamenti nelle abitudini di spostamento, aiuteranno a pianificare la futura implementazione della rete di ricarica negli stati membri in tutta Europa.

“La rete di stazioni di ricarica rapida britannica offrirà a tutti i possessori di EV un vitale senso di sicurezza e aiuterà a promuovere i vantaggi della mobilità a emissione zero”, ha affermato , General Manager, , e responsabile del progetto RCN. “Questo progetto avrà un impatto fondamentale sulla decarbonizzazione dei trasporti europei, e Nissan è felice di contribuire alla sua attuazione.”

Il progetto è co-finanziato dal programma TEN-T dell’Unione Europea, che mira a migliorare l’infrastruttura di trasporti in tutta Europa e si estenderà ai due principali assi stradali dell’UE. È tra i 172 progetti selezionati dal Call for Funding 2012 che contribuirà a realizzare lo sviluppo della rete TEN-T e aiuterà i trasporti europei a passare a un futuro più sostenibile.

 


Share and Enjoy

  • Google Plus
  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon

TAGS: Baroness Kramer nissan Nissan Europe Zero Emission Strategy Olivier Paturet Rapid Charge Network TEN-T Trans European Transport Network

Lascia una risposta

 
Pinterest