Problemi con i taxi elettrici in Giappone

Problemi con i taxi elettrici in Giappone

28 feb, 2013

I Taxi elettrici in Giappone caduti in disgrazia con i rispettivi driver

Di Antony Ingram
Fonte: GreenCarReports

24 febbraio 2013. Non tutto va bene con i driver dei taxi elettrici in Giappone.

Due anni fa, nel febbraio 2011, la città di ha introdotto una flotta di 50 taxi . L’accordo era un accordo di cooperazione tra Nissan, 30 imprese di taxi, e il governo – ciascuno è stato oggetto di sovvenzioni per un importo di 1.780.000 yen – più di $ 21.000 al momento.

L’auto avrebbe dovuto ripulire le strade intasate del Giappone, in miglioramento rispetto l’onnipresente Toyota Crown taxi utilizzati in tutte le città giapponesi.

E inizialmente, riferisce Japan Today, è arrivata la tempesta.

“Non è faticosa da guidare. Non ci sono vibrazioni nè rumori del motore”, ha detto un conducente. “Hanno appena accelerato dolcemente. L’auto elettrica è molto più economica rispetto a quella per la benzina, e ci sono pochi guasti meccanici. Alla fine siamo certi che i taxi EV diventeranno il tipo più comune sulle strade”.

Non è sorprendente vedere la reazione.

Come in molti Paesi, i taxi storici sono spesso scelti per la loro affidabilità e semplicità, piuttosto che per il loro comfort e le caratteristiche di guida. Ecco perché New York è piena di Vics Crown, le strade di Londra sono affollate dal tintinnio dei taxi neri diesel, e il Messico solo recentemente ha abbandonato l’onnipresente VW Buggy. Una Nissan Leaf sarebbe davvero la voglia di futuro per il tassista medio.

Cambia la marea?

Tuttavia, i problemi hanno cominciato ad emergere.

La prima volta a seguito del disastro nucleare di Fukushima dopo il terremoto del 2011 e lo tsunami in Giappone.

Come abbiamo riferito, al momento, molti erano preoccupati che le auto elettriche avrebbero dato un’immagine sbagliata – con la richiesta di un cospicuo consumo di energia elettrica in un momento in cui la domanda di energia era molto alta e l’offerta molto contenuta. L’elettricità non è più vista come l’opzione pulita e sicura di una volta.

Ci sono altre questioni – anche le stesse auto.

Mentre è affidabile, comodo e silenzioso come sempre, i driver trovano nel degrado delle batterie un problema serio da risolvere.

Quando un’autonomia di 60 miglia (100 km) era una volta comune nell’uso regolare, alcuni stanno scoprendo che a partire da 30 miglia – e con il risparmio energetico, per quanto possibile, si evita il riscaldamento dell’auto a favore di scaldini chimici tascabili, e anche coperte.

Il degrado della batteria ha avuto anche un effetto sulla capacità di usare una carica rapida. 15 minuti di ricarica si sono trasformati in 40 minuti per molti conducenti. Non possono viaggiare fino a determinate destinazioni e non possono perdere tempo tanto lungo la strada, situazione che sta rovinando gli affari per alcuni. I clienti che richiedono viaggi più lunghi vengono anche rifiutati.

Non c’è via di scampo per i conducenti. Per essere qualificati per avere le sovvenzioni dal governo, le auto elettriche devono essere usati per un minimo di tre anni. Questo è un periodo troppo lungo per alcuni – “Me ne vado di questa attività”, ha detto un conducente, “Questo è un modo per guadagnarsi da vivere.”

Prospettiva

I tassisti elettrici di Osaka non si trovano ad affrontare problemi inauditi, ma le loro esperienze non possono essere considerata la norma – sia per i proprietari di auto elettriche che per i tassisti elettrici.

Clima, percorsi di guida e abitudini di ricarica fanno la differenza per quanto riguarda le auto elettriche, e la vita di un taxi non è mai facile.

Il problema principale per le batterie della Leaf è ancora l’eccessivo calore, piuttosto che il freddo (anche se climi freddi riducono l’autonomia della vettura). E come un recente sondaggio ha mostrato, la frequenza di ricarica rapida sembra di essere non raccomandabile per la vita e la salute della batteria.

Ciò che viene suggerito è che in alcune località, i veicoli elettrici non sono ancora pronti per compiti pesanti come il lavoro come taxi.

Anche se questo non è una consolazione per i conducentei che perdono business attraverso veicoli degradati, il progresso può essere fatto solo analizzando e studiando questo tipo di uso – e renderà i taxi elettrici del futuro molto più adatti al compito.

 

Share and Enjoy

  • Google Plus
  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon

TAGS: nissan leaf osaka

Lascia una risposta

 
Pinterest