Nissan sperimenta il sistema “Leaf to Home”

Nissan sperimenta il sistema “Leaf to Home”

18 ott, 2014

Nissan avvia la sperimentazione del sistema di gestione di domanda e offerta energetica tramite i veicoli 100% elettrici LEAF e il sistema “LEAF to Home”

Nissan è pronta a valutare il potenziale dei veicoli elettrici nei sistemi di gestione energetica

L’azienda avvia la sperimentazione del sistema di domanda e offerta energetica (“reazione alla domanda”) insieme ad aziende e autorità governative giapponesi

Fonte: Nissan Motor Company

 

Yokohama, Giappone. 17 ottobre 2014. Puntando a rafforzare le reti energetiche durante i picchi di domanda, Nissan Motor Corporation ha avviato la sperimentazione di un apposito sistema basato sulla tecnologia dei veicoli elettrici. Questo sistema di gestione energetica ha tutte le caratteristiche necessarie per garantire la costante fornitura di energia elettrica in caso di catastrofi naturali, permettendo inoltre di sfruttare le fonti rinnovabili: l’energia eolica e solare rappresentano la via più praticabile per fornire l’energia necessaria da stoccare e poi utilizzare durante i periodi di incremento della domanda. Per i test sul campo, Nissan si avvale dei veicoli elettrici LEAF e del sistema di fornitura energetica “LEAF to Home”.

A eseguire i test è ., Ltd. Nissan ha avviato la sperimentazione con dei test sulla reazione alla domanda, tramite l’impiego degli EV e del sistema di fornitura energetica “LEAF to Home” in diversi punti vendita gestiti da ., Ltd., per valutare l’efficacia delle batterie degli EV nel quadro della gestione energetica.

La strategia di reazione alla domanda punta a incrementare l’efficacia delle reti energetiche, modificando i consumi sulla base delle scorte disponibili. Dopo il devastante terremoto che ha colpito l’est del Giappone nel marzo 2011, il tema della domanda e dell’offerta elettrica nelle ore di punta è diventato fondamentale in terra nipponica. Secondo questo schema, le aziende elettriche richiedono agli aggregatori* di adottare misure di conservazione dell’energia, ricompensandoli per l’elettricità risparmiata.

Davanti alla necessità di limitare i consumi di energia, in genere i consumatori rispondono moderando l’uso di condizionatori e fonti di illuminazione. Sfruttando la capacità di stoccaggio dei veicoli elettrici e dei sistemi domestici Leaf to Home (L2H) e commerciali Vehicle to Home (V2H), ad ogni modo, i consumatori possono ridurre i consumi energetici nelle ore di punta anche senza spegnere luci ed elettrodomestici, cosa particolarmente utile per i complessi commerciali in cui è difficile tagliare i consumi in nome del risparmio energetico.

Lo schema in questione prevede la valutazione dell’efficacia delle misure di risparmio energetico basate sui sistemi V2H durante i periodi di picco di domanda, nonché l’analisi dell’impatto degli incentivi finanziari sulle aziende. Uno dei test, ad esempio, prevede l’utilizzo di LEAF e del sistema “LEAF to Home” per alimentare l’impianto di illuminazione di un concessionario Nissan durante il normale orario di lavoro, sfruttando l’energia di una batteria: ne consegue la riduzione della domanda di energia sulla rete elettrica. L’aggregatore viene quindi ricompensato in proporzione all’elettricità totale risparmiata. Tra ottobre 2014 e gennaio 2015 verranno eseguiti due o tre test al mese in giorni prestabiliti: in ogni occasione, il test si protrarrà per tre ore nell’arco compreso tra le 8:00 e le 20:00.

In futuro, l’uso efficace delle energie rinnovabili e la maggiore efficienza degli impianti di generazione di energia miglioreranno la gestione energetica, contribuendo a ridurre l’impatto ambientale. I test sul campo riguardanti le batterie ad alta capacità degli EV, condotti su scala mondiale, si stanno dimostrando notevolmente efficaci. Se simili schemi compensativi legati a iniziative di risparmio energetico venissero applicati anche ai proprietari degli EV, il passaggio ai veicoli elettrici registrerebbe un’impennata, con un conseguente abbattimento delle emissioni di CO2 da parte della società di massa.

Dal lancio di LEAF, Nissan ha venduto oltre 142.000 unità in tutto il mondo. La capacità di stoccaggio insita nelle batterie a bordo di Nissan LEAF, unita al sistema di fornitura elettrica “LEAF to Home”, esercita un’attrattiva sempre più forte su molti clienti. In qualità di pioniere e leader della mobilità a emissioni zero, Nissan incoraggia il passaggio ai veicoli elettrici, contribuendo così alla costruzione di una società del futuro a impatto zero. Oltre ai test sul campo per la gestione energetica, Nissan partecipa attivamente alla creazione di valore tramite l’uso della capacità di stoccaggio delle batterie degli EV, continuando a promuovere iniziative volte a fondare una società sostenibile a emissioni ridotte.

 

*Il termine “aggregatori” si riferisce agli operatori che coordinano due o più consumatori (ad es. stabilimenti e uffici), scambiando con i fornitori pubblici l’energia totale risparmiata.

 

Blue Citizenship

Blue Citizenship è il programma di Nissan Motor Co., Ltd. che esprime la volontà dell’azienda di “arricchire la vita delle persone”, una visione strategica che ci impegniamo a realizzare di fronte ai nostri clienti, ai nostri dipendenti, agli azionisti e alle comunità in cui operiamo, fornendo soluzioni di mobilità sostenibili e accessibili a tutti. Attraverso il nostro business, vogliamo creare valore economico e contribuire attivamente allo sviluppo di una società sostenibile.

 


Share and Enjoy

  • Google Plus
  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon

TAGS: ENERES Co Kanagawa Nissan Co nissan leaf nissan leaf to home

Lascia una risposta

 
Pinterest