Le batterie delle auto elettriche usate devono essere riciclate, non riutilizzate

Le batterie delle auto elettriche usate devono essere riciclate, non riutilizzate

14 dic, 2016

di Stephen Edelstein

Fonte: GreenCarReports

 

8 Dicembre 2016. Anche dopo essere degradate troppo per l’uso automobilistico continuato, le agli ioni di litio delle auto elettriche hanno ancora notevole capacità utile di storage.

Questo ha portato molti fabbricanti d’automobili a sperimentare usi alternativi per queste batterie “di seconda vita” nello stoccaggio di energia stazionaria.

I pacchi batteria possono immagazzinare l’energia generata da fonti rinnovabili per un uso successivo, o agire come una fonte di alimentazione limitata di backup.

Ma è davvero il miglior uso di queste batterie?

Sarebbe meglio riciclare i pacchi, smaltendo loro nello stesso modo della maggior parte degli altri componenti delle macchine che sono alla fine della loro vita utile?

Il batterie usate delle auto elettriche sarebbe infatti l’opzione migliore, sostiene un nuovo rapporto di (via Charged EV).

Il riutilizzo offre “ritorni discutibili a causa della riduzione delle prestazioni”, dice il rapporto, limitando le batterie di seconda vita alle applicazioni “meno frequenti e meno profonda di cicli di scarica.”

Lux Research ritiene che questo rende i pacchi batteria delle auto elettriche usate non idonei per i sistemi di storage di energia per usi residenziali.

Un ipotetico sistema di 11.2 kWh da utilizzare con batterie di seconda vita costerebbe 4600 dollari, rispetto ai 6 mila dollari necessari per un sistema da 7 kWh, ha riconosciuto il rapporto.

Ma “una minore efficienza  di carica e scarica del ciclo di vita” fanno i pacchi batteria usati una misura povera per l’uso di storage di energia residenziale, sostiene.

BMW e Nissan hanno entrambi espresso interesse nel commercializzare tali sistemi, utilizzando i moduli dei battery-pack agli ioni di litio presi dalle loro auto elettriche.

Nissan, così come la General Motors, ha anche sperimentato con sistemi di stoccaggio commerciale dell’energia che utilizzano la batteria agli ioni di litio di seconda vita, mentre Toyota ha intrapreso un progetto simile con batterie usate molto più piccole al nichel-idruro metallico dalla sua Camry Hybrid.

Tuttavia, Tesla – che commercializza i suoi pacchi Powerwall e Powerpack – preferisce il riciclaggio, secondo Lux Research, perché i suoi catodi NCA non sono adatti per la maggior parte delle applicazioni di energia di stoccaggio.

Delle tecnologie di riciclaggio attualmente disponibili, Lux dice che il processo di elaborazione o smaltimento pirometallurgico è il più maturo. Altre opzioni, tra cui la lavorazione meccanica o idrometallurgica, sono inoltre disponibili.

La società di ricerca prevede che 65 GWh di batterie di seconda vita entreranno nel mercato nel 2035 come la prima grande ondata dell’inizio del “pensionamento” delle auto elettriche”

Lux ha osservato che i progressi in settori quali il packaging potrebbe rendere il riutilizzo o il riciclaggio più competitivi, ma che, come stanno le cose ora, suggerisce che la seconda è l’opzione migliore.

.

Share and Enjoy

  • Google Plus
  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon

TAGS: batteria stazionaria batterie Lux Research ricarica riciclaggio

Lascia una risposta

 
Pinterest