I problemi della norvegese Afuture

I problemi della norvegese Afuture

29 ago, 2012

elettrificata: la difficoltà dell’avviamento di azienda

Di Antony Ingram

Fonte: GreenCarReports

 

28 Agosto, 2012. Quelli di noi che seguono il mondo delle auto elettriche sono fin troppo consapevoli di quanto sia difficile avviare una società in questo settore.

Anche le aziende più grandi come Tesla Motors, Coda Automotive e Fisker Automotive non sono ancora assenti di rischi, anche se alcuni sono in una posizione migliore di altri.

Una società consapevole di questa lotta è , con sede in Norvegia.

L’elettrico Qashqai

Piuttosto che costruire una macchina elettrica da zero, il piano di Afuture è stato quello di convertire un veicolo già popolare in Europa, la Nissan Qashqai. L’equivalente europeo della Nissan Rogue, la Qashqai è una delle auto dei paesi europei più venduta, quindi è un veicolo che molte persone conoscono già.

Come la brochure online dell’azienda (pdf) ha rivelato, la Qashqai Afuture doveva essere offerta, come la Tesla Model S, in diverse varianti, con diverse gamme di prestazioni e capacità.

La vettura dovrebbe iniziare con un modello entry-level, con 62 miglia di raggio – 100 km circa (nel ciclo combinato europeo), una velocità massima di 62 mph – circa 100 km e un tempo di accellerazione da 0-62 mph (0-100 km)di 25 secondi, al quale seguirà un modello con un’autonomia di 155 miglia (circa 250 km), una velocità massima di 81 mph (130 km/h) ed accelerazione più vivace di 12 secondi da 0 a 62mph (0 a 100 km/h).

Le batterie ai polimeri di litio da 17 kWh variano a 34 kWh, e la potenza del motore è tra 30-60 kW (40-80 CV).

La squadra si è spinta fino all’invio di una delle vetture su un viaggio nel giro del mondo nel 2011, che è stato completato dopo 10 mesi e 18640 miglia (29.991 km).

Che cosa è andato storto?

Abbiamo contattato l’azienda per scoprire i loro progressi in corso ed abbiamo ricevuto un email da uno dei tecnici originali, Søren Beck.

Søren ha comprato i resti della società a seguito del suo fallimento originale, a causa della mancanza di denaro e della disastrosa pubblicità di una delle Qashqai che ha preso fuoco su un traghetto a Oslo.

E ‘ora, ancora una volta bisogna costruire la società e anche la macchina per un cliente norvegese, ma il modello è lontano dalla produzione di serie. Il costo di omologazione è ancora un problema, quindi impossibile, in questa fase, e di fare davvero un serio tentativo di produzione, Søren ha bisogno di trovare molti soldi da un investitore – che allo stato attuale delle economie di tutto il mondo, è più facile a dirsi che a farsi.

C’è la luce alla fine del tunnel, anche se c’è una lunga strada ancora. Afuture è in trattative con un cliente per una produzione di 240 veicoli, che potrebbe essere su base alla Dacia Duster, azienda di proprieta di Renault e crossover dell’azienda rumena che condivide la piattaforma con la Qashqai.

Startup: un affare rischioso

Afuture è solo un altro esempio della difficoltà di avviare una casa automobilistica, in particolare una che si occupa di veicoli elettrici.

Il mercato è volatile ed i clienti sono attualmente pochi e lontani tra loro. Quando anche le più grandi aziende stanno fornendo modeste cinque cifre nei loro cicli di produzione, le possibilità di trovare piccoli problemi che fanno un tuffo nel mercato non sono buone.

Auguriamo buona fortuna a imprenditori come Søren – potrebbe non essere facile, ma per i pochi che riusciranno ad attraversare la crisi vale la pena il rischio.

 

Share and Enjoy

  • Google Plus
  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon

TAGS: afuture nissan qashqai soeren beck soren beck

Lascia una risposta

 
Pinterest