Mercedes Classe B ED premiata con certificazione ambientale

Mercedes Classe B ED premiata con certificazione ambientale

19 dic, 2014

riduce le emissioni di CO2 di ben il 64 per cento

Fonte: Daimler AG

 

Stoccarda. Germania. 17 Dicembre 2014. A zero emissioni locali, significativamente più eco-amichevole durante il suo ciclo di vita completo, grazie alle emissioni di CO2 del 64 per cento inferiori rispetto alla simile Mercedes Benz Classe B 180, generosa in termini di spazio e di autonomia (200 km) e ancora dinamica sulla strada (potenza di 132 kW): la Classe B Electric Drive è una proposta convincente in tutti i modi.

La sua elevata compatibilità ambientale è ora anche stata confermata dagli ispettori presso l’autorità di controllo tecnico TÜV Süd, che hanno attribuito alla propulsione elettrica Sports Tourer di Mercedes-Benz la certificazione ambientale secondo la norma ISO TR 14062.

Questa certificazione si basa su una valutazione globale del ciclo di vita della Classe B Electric Drive, documentando ogni dettaglio rilevante per l’ambiente.

“Il fatto che siamo in grado di integrare il motore elettrico e le batterie in una perfetta ‘normale’ Classe B non significa solo che siamo in grado di assemblare l’Electric Drive a fianco degli altri veicoli Classe B in una linea di produzione, ma quasi più importante significa che i nostri clienti non devono scendere a compromessi in termini di spaziosità, sicurezza e comfort”, ha spiegato il Professor Dr. , Direttore Environmental Officer di Daimler AG.

“La Classe B Electric Drive è una tappa importante lungo il nostro cammino verso la guida a emissioni zero”.

Mercedes-Benz analizza la compatibilità ambientale dei suoi modelli in tutto il loro ciclo di vita – dalla produzione, attraverso i loro lunghi anni di servizio, per il riciclaggio al termine della loro vita. Quest’analisi va ben oltre i requisiti di legge. La certificazione ambientale e le ulteriori informazioni sono messe a disposizione del pubblico come parte della serie di documentazione “Life Cycle”, cui si può accedere a http://www.mercedes-benz.com.

Nel corso del suo intero ciclo di vita, che comprende la produzione, l’uso per più di 160.000 chilometri e il riciclaggio, la Classe B Electric Drive produce emissioni di CO2 che sono il 24 per cento (7,2 tonnellate – mix elettrico EU) o il 64 per cento (19 tonnellate – idroelettriche) inferiori a quelli della B 180 – nonostante le emissioni più elevate generate durante il processo di produzione. Ciò è dovuto principalmente all’eccezionale efficienza del motore elettrico, che dà luogo a notevoli vantaggi durante la fase di utilizzo. Un fattore chiave è il sistema ingegnoso di gestione dell’energia: il sistema di frenatura rigenerativa basato su un radar opzionale, ad esempio, assicura il recupero ottimale di energia in frenata della batteria. Questo migliora ulteriormente l’efficienza del sistema di azionamento e consente persino più ampia autonomia.

Le emissioni di CO2 durante la fase di utilizzo qui dipendono dal metodo utilizzato per generare l’elettricità. In 160 mila chilometri di uso, la nuova Classe B Electric Drive (ciclo di marcia europeo consumo combinato di 16,6 kWh / 100 km) produce 11,9 tonnellate di CO2, ipotizzando l’utilizzo del mix energetico dell’UE. Quando l’elettricità prodotta mediante fonti idroelettriche viene utilizzato per alimentare il veicolo elettrico, gli altri impatti ambientali relativi alla produzione di energia elettrica sono quasi completamente evitati. La Classe B 180 (NEDC consumo combinato 5,4 l/100 km) invece emette 23,8 tonnellate di CO2 durante la fase di utilizzo.

 


Share and Enjoy

  • Google Plus
  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon

TAGS: Herbert Kohler mercedes classe b electric drive

Lascia una risposta

 
Pinterest